Tiene na faccella pezzerella pezzerella,
ca mme trase tutta quanta 'int'a na mana.
Mme guarde, ride cu 'st'uocchie vicchiarielle,
ca nun ponno guardà cchiù tanto luntano.

'Int'ê capille puorte nu farzuletto culurato:
'o stesso ca purtave ncapa 'a ggiuventù.
Mme guarde e rride cu na vocca senza diente:
te so' ccadute e nun cresciarranno cchiù.

'Int'a ll'uocchie tiene tutta ll'innocenza
'e chi nun sape che vo' dicere a ffa' male.
Tiene 'a stessa limpidezza e ttrasparenza
'e chi se riflette 'int'a nu specchiale.

Mme guarde cu 'sta faccella 'e nenna,
ca 'o tiempo fujenno t'ha strupicciato.
Ll'anne so' ppassate e ttu te si' fatta tantella:
comm'a na criaturella...mo si' addeventata.

Te piglio pe mmano, tu mme viene appriesso
e rride cuntenta: si' ffelice 'e mme vedé.
Mme vien'arreto comm'a qquann'io criaturella,
e ppezzerenella currevo appriesso a tte.

Mme guarde 'o naso, 'a vocca, 'o viso...
tutta cuntenta mme dice ca t'arrassumiglio.
Po' veco 'int'ê cciglie ca na lacrema te sponta:
vedenneme pruove ancora tanta meraviglia.

M'abbracce e astrignenneme forte triemme,
'int'a ll'uocchie tiene appicciata na sciamma.
Over'è, fra tanti core tuoste, core 'e preta:
'o cchiù bello è sempe 'o core 'e mamma.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 169 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
M'aggio fatto dduje cunte, a uocchio e ccroce,
forse...fosse meglio si muresse a Nuvembre.
Nun me va bbuono Luglio...è ttroppo cauro:
o fosse meglio si mme ne jesse a Settembre?

No, Settembre nun è ccosa, manco se po' ffa':
'o tiempo è ancora buono, 'a gente a mare va.
'O mese Austo? E chi mme vene appriesso:
nun ce sta rifrisco a ll'ombra d' 'e cipresse!

A Ggennaio fa friddo, ognuno se rincresce:
chiove, maletiempo fa...nun tanto se jesce.
Sotto ê ffeste 'e Natale? Manco a nne parlà:
stanno tutte quante ndaffarate a ffesteggià.

'O mese 'e Marzo? E no...llà manco è ccosa:
miette ca ô tiempo lle piglia 'a pazzaria...
se nfonna tutta quanta 'a casciulella mia?
'O mese 'e Aprile...no, no, manco va bbuono:

ogneduno piglia suonno a cchella staggione.
Nun se putesse fa' ca fra ll'aneme trapassate,
se putesse vuttà 'sta morta mia int'a scurdata?
Fosse meglio si muresse 'e juorne d''e muorte;

si tutto fila liscio e si quaccosa nun va stuorto!
Accussì jesse bbona i' e tutte quante ll'ate:
mmiez'a ttanta muorte i' stesse ggià priata!
Fra chi se chiagne 'o marito, chi 'a muglieria,

na lacrema pe mme ce jesce: almeno spero!
Quanno sarrà nun attaccate c' 'a solita litannia,
dicenno ch'ero brava: sparagnateve ll'ipocrisia!
Na parulella però, accussì 'e pressa 'e pressa,

si overo tenite voglia, dicitammella 'o stesso!
Senza esaggerà e mmentre priate a Mmaria,
fra na preghiera e n'ata, dedicateme na poesia.
Pe mmo...sto' ancora bbona...e ggrazie tante:

cu ll'aiuto 'e Ddio e d' 'e sante vaco annante.
Ma fosse bbello si quann'essa allong'a mana,
lle putesse di': nun tenco genio mo, passa dimane.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 169 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
‘N’addumanna m’’e bbalenata ‘ncapa,
tenenne mente ‘na processione:
quanti apriesso ‘a ll’assequie ce vanno
pecchè se sentono ‘e ce ‘sta,
sentenne dispiacere pe’ chi
‘sta dinto ‘a cascia ‘e lignammo
facennese ll’uddimo viaggio,
primm’’e fernì sotto sette palmi,
‘e nu stanno facennese sul ‘na passiata?
Miezo ‘e primme filere, quasi sempe,
so’ lacrime ‘e afflizione genuine, pe’ carità!
Nun me permetto ‘e dicere ‘o cuntraio.
Ma quanto chiù areto vaje
te v’’a zumpà ’a ll’uocchio
ca chi ‘sta là ce ‘sta pe’ cumparì.
Ll’anema ‘e chillu poverello
‘o chella poverella, ‘e turno, nu sulo
‘sta ‘a s’arraggià, vedenne
chelle ca fuine ‘e carne soie
chiuse strinto e ‘o scuro, tiseche,tiseche,
m’adda sentì chilli quatto scriteriati
ca chiacchiereano d’’e cose lloro
e stanno là sul pe’ cumparenza.
I’ ‘o restarraggio ditto, primmo
‘e caccià ll’ultimo ciato,
ca ‘ncoppo ‘e manifesti
c’adda starrà scritto, grusso,
‘e parole ca seguono:
nu v’appresentate
sì ata fa torcere into ‘a panza
ll’anemella mia, pecchè, v’’o ggiuro,
ca venarrà ‘a notte abbecino ‘o lietto
e dispietto dopo dispietto
‘na mala nuttata vi farà passà.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

         ‘O iuorno
Dint’’o  spécchio ‘e mare,
ca ‘fonn’’e scogli, addò,
‘ncoppo, sorge ‘a chiesa
d’’o ossercurso a Ischia,
vurria, chillu iuorno
ca se sarrà cunzumata
’a cannela d’’a vvita,
ca ‘e cennere meie
fosseno iettate. Senza
chiante e sciallaquà sciure. Sulo
‘na cosa addumanno, ‘a chi
chi m’’a vuluto bbene: ca vene là,
ogni tanto, pe’
‘na piscata e ‘na prearia.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

      ‘O vvino malandrino
Trequarti ’e cancella penzieri,
nu russo ca pare velluto,
‘ntramente se ‘ntrattene
int’’o cannarone.

Trequarti ’e cancella penzieri,
ca doce me fanno tracullà,
fino ’a quanno
nu me addubecheo.

Trequarti ’e malandrino,
‘n aglianico ’mbruglione,
ca ‘nzieme ‘e penzieri
‘o male capa me lassa.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
‘A vvita è  nu tiatro,
addò va ‘nscena ogni
tipe ’e rappresentazione;
chiù uno ne tene
chiù ne mette. ‘Na recita
‘a cielo apierto, senza
paganti. Nu sulo atto,
addò ‘e recitanti nu teneno
scole pe’ ‘mparà ‘a lezione,
né pruvessuri ca sanno ‘nsegnà.
Se recita senza cupione,
sì pure scene ‘e bbattute,
‘a vvote, pareno già scritte
d’’a ’o destino, ca se sape,
ca è, pe’ nnatura,
scurnacchiato patologico.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Vincenzo Patierno  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ah, sto' cchiena
'e dulure stammatina...
quase quase mme
piglio n'aspirina.
Tenco pure nu poco
'e male 'e panza:
forze tenco
quacche intolleranza.
Eccì, eccìù, e..ccià,
aggio fatto ciento starnute:
si vaco annanze accussì,
so' ggià pronta p' 'o tauto.
Uh Madonna mia
comme sto' ccumbinata,
stammatina pe mme muovere
nce vo' nu carrarmato.
Aggio fatto nu colpo 'e tosse,
mme so' asciute ll'uocchie 'a fore.
Tenco nu dulore forte mpietto,
niente niente fosse 'o core?
Salute a vvuje
e pparlanno cu ddecenza,
nun vaco bbona 'e cuorpo:
tenco nu poco 'e flatulenza.
'O core fa pu ppù,
nun ce 'a faccio cchiù.
Quanno saglio 'e scale
mme vene ll'affanno:
tenesse ll'enfisema
o quacch'atu malanno?
Quanno respiro faccio
'o siscariello,
ma fosse nu poco
'e brunchitella?
'O duttore dice
ca nun m'aggi' 'a preoccupà,
tenco nu male comune:
sono affetta da anzianità.
Passata 'a sissantina,
è nu dulore ogni mmatina.
Quanno 'o tiempo passa,
è nu terno a llotto:
si po' facimmo 'a tombola,
allora sparammo 'e bbotte.
Simmo tanta nummarielle
ncopp'a cartella d' 'a vita:
ogni ghiuorno ca passa
pazziammo na partita.
Quanno sott'ô traguardo
simmo quase arrivate,
jammo sempe cchiù llente:
senza sciato e affannate.
E allora nun fa niente,
accussì vaco annanze:
nu poco zuppechianno
e nu dulore 'int'ô scianco.
Pe mme chello ca conta
è cca arrivo nfin'a llà:
quase â fine d' 'o percorso,
senza tanto spapetrià.
Nun me mporta si spisso
mme fanno male 'e rine.
Si tenco 'o core pazzariello
e nu poco ballerino.
Si quacche vvota,
tremmo c' 'a mano.
Si pure cu 'e llente,
nun veco bbuono 'a luntano.
E nnun voglio penzà
a qquanno vaco
a ffernì 'int'ô puzzo:
d' 'o calice d' 'a vita
mme voglio bbere
nfin'a ll'urdemo surzo.
Quann'essa vene
e annanz'â porta fa "drin drin",
i' aizanno 'o calice, saluto...
po' faccio ll'urdemo bbrinnese: cin cin.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 169 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se va annante a bbotta 'e stiente,
quanta sfuorze s'ha nna fa'.
Ogni gghiuorno astrigne 'e diente:
ma che nne parlammo a ffa'.
Quacche ddenaro 'int'ê ssacche...
nun abbasta, è ttroppo poco:
se fa sempe cchiù ffatica
a mmettere 'a tiana ncopp'ô ffuoco.
Comm'a mmo, pure tiempo fa,
'a ggenta povera nce steva;
però era aiutata, cunfurtata:
pure cu ppoco nce 'a faceva!
Ma chille erano ati tiempe,
tiempe 'e tantu tiempo fa...
ma mme pare ca 'sta canzona,
ll'avimmo sentuta ggià.
Chi 'a vo cotta, chi 'a vo cruda,
chi abbruscata e cchi al dente.
E ttu hê 'a fa' ciento spartenze,
pure si nun tiene niente.
Tutte correno, vanno 'e pressa.
tutte ncerca 'e na fatica:
è nu viavaje 'e crestiane,
dint'ê strate, mmiez'ê viche.
Se nne parla sempe assaje,
d' 'a civiltà, de 'o progresso,
ma sulo poche s'arricchisceno:
'e povere so' ssempe 'e stesse.
Curre, fuje, faje chesto e cchello,
nun 'o perdere chistu treno
e ttu curre e mmagne povere,
annante e arreto comm'ô scemo.
Sparte 'e ssciuscelle ca te danno,
cu cchellu ppoco 'e penzione:
chesto a tte, chello a chill'ato,
chiste so' 'e sorde pe 'o pesone.
Ccà nce sta quacche denaro,
pe 'a vesta nova 'e Nanninella.
Chiste so' p' 'e llente 'e mammà,
chest'ato p' 'a scola d' 'a nennella.
Chesto a cchillo, chesto a tte,
nun rummane niente a mme.
Faccio 'e cunte e nun me trovo,
vaco assummanno e ddividenno:
chesto a isso, chesto a essa
e a mme nun rummane niente.
Ogni gghiuorno se fa 'a guerra
senz'arme e mmunizione:
'a currea s'è ccunzummata,
a bbotta 'e astregnere 'o cazone.
"Capo masto ch'aggi' 'a fa'.
Qualunque cosa stongo ccà."
"'O ssapite, nce sta 'a crisi,
'a fatica...nun ce ne sta."
'A risposta è ssempe 'a stessa,
sempe e ssulo chella llà.
Se va ncerca 'e nu lavoro,
e ppe ttramento ca t'affunne,
senza manco 'o salvaggente,
te nne vaje a ll'atu munno.
Chesto a cchillo, chesto a tte,
nun rummane niente a mme?
Spisso chiagno, ê vvote rido,
quacche vvota m'allamento,
ma po', comme spisso succede,
vaco annante a bbotta 'e stiente.
Faccio 'e cunte e nun me trovo,
ma campo sempe onestamente;
e ppo' 'a vita è ttroppa bbella,
pure si nun sempe è ddivertente.
Però cammino cu 'a capa aizata,
senza scuorno, mmiez'â ggente.
Ntanto faccio quacche ssuonno,
m'accuntento e ppe ttramento,
cammino cu 'e scarpe cunzummate,
cu ddint'ê ssacche...poco 'e nniente.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 169 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'O 'i' lloco ll'autunno...è appena turnato:
quanta frutta bbella e bbona ha purtato.
Frutte d' 'a staggione, noce, 'e nnucelle,
se pavuneggiano 'int'a llarghe spaselle.
Sporte chiene d'uva bbruna e jonna 'int'ê tine,
songhe bbelle e ppronte p'addeventà vino.

'O tiempo ogn'anno fa 'o cagno 'e staggione,
spanne nterra tanta foglie ggialle e arancione.
Ncuollo porta nu manto 'e passione autunnale:
nu tappeto tutto culurato 'e russo carnale.
Poco â vota 'o juorno s'accorcia sempe 'e cchiù,
'o cielo è spisso cupo, nun è cchiù ttanto blù.

Ma quanno nasce 'o sole na voce avvellutata
se sente 'int'a ll'aria fresca e ffrizzantina:
na femmena ntanto ca stenne 'o bbucato,
chiacchiarea cu ll'aria fresca d' 'a matina.
Na rundinella cu 'e sscelle nfreddulite,
se sente tutta triste, sola e spaisata:

ha dda ghji addó ll'aria è cchiù ddoce
e se nne va assaje triste e scunsulata.
Saluta a mmalincuore, nun vulesse lassà,
nun dice addio e pprumette ca turnarrà.
È notte...s'appicciano 'e lluce 'int'ê ccase,
ncielo na luna janca e ttonna fa 'a vastasa.

'Int'o fuculare s'arrusuleano 'e ccastagne
nu mbriacone ciuotto 'e vino s'appapagna.
Na fuglietella rossa d' 'o ramo se stacca,
nu cuntadino 'a legna p' 'o camino spacca.
Nu sciore vicchiariello e ttutt'appassito,
se sente sulo mmiez'ô prato sguarnito:

acala 'a capa e tutte 'e petale se scrolla,
nfin'a qquanno rrummane sulo 'a curolla.
Torna vierno, 'e ciuocche scenneno lieve lieve,
ncuorpo nu forte calore squaglia 'a neve.
Ntanto ca 'e juorne passano fra 'a matina, 'a sera
s'aspetta chella rondine ca torna a pprimmavera.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 169 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'N’atu juorno è fornuto
‘a luna ‘n cielo già è spuntata
io comme ogne sera
puntualmente sto ccà
a te prià Madonnella mia
uocchie nzerrate e core apierto
pe te cunsignà l’unico desiderio mije.

E me nun me ne mporta
ma iss…
iss adda sta buon…
sempe!

Ll’ uocchie suoje e brillante
nun s’anna mai stutà,
e suonne chine e luce
mai rint ‘o scuro.

E si ‘a notte s’avvicina
cu ‘a pucundria
tu puortela luntano
lasse l’anema soja senza paura.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 258 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ninna nanna del papà! (In Lingua Sarda, con traduzione )
Anninnía pipia,
Bella orrosiscédda
De Babái e Mammái.
Su scelu esti arríendi;
Cun su manteddu de seda,
Unu basidu ti mandada,
Luscénti stella!
Anninnía, Anninnía,
Nottésta ti anninníada Babái!
Tengu meda disígiu
De di anninníai!
Coru meu stimáda,
Creatura de Nannái!
Bella Janiscédda
Ti portu a passíllai.
Ainnúa ollísi andái?
Anninnía, anninnía,
Rosiscédda de padénti,
Frori raru e prezíosu,
Fai sa nanna filla mea!
In su giardínu luminósu
Bella istelliscédda.
Anninníada de sa luna,
Bella Creatura!
Cun sa Madonnina,
Tottu is fillus susu,
Castiendi su coru de Gesúsu!
Anninnía, Anninnía!
Babái nottésta faidi sa nanna
Cun sa pipia sua!

Traduzione del testo
Ninna nanna bambina,
Bella rosellina,
Del babbo e dellla mamma.
Il cielo sta sorridendo
Col suo mantello di seta,
Ti manda un bacio
Lucente stella!
Ninna nanna, ninna nanna
Stanotte ti fa la nanna papà.
Ho molto desiderio
di farti fare la nanna
Cuore mio amato,
Creatura del Signore!
Bella Fatina,
Ti porto a passeggiare.
Dove vuoi andare?
Ninna nanna, ninna nanna
Peonia di montagna,
Fiore raro e prezioso,
Fai la nanna figlia mia!
Nel giardino luminoso
Bella stellina,
Ti culla la luna!
Bella Creatura,
Con la Madonnina
Tutti i suoi Figli
Ammirano il Cuore di Gesù!
Ninna nanna, ninna nanna
Babbo stanotte fa la nanna
Con la sua bambina!
Peonia di montagna,
Fiore raro e prezioso,
Fai la nanna figlia mia!
Nel giardino luminoso
Bella stellina,
Ti culla la luna!
Bella Creatura,
Con la Madonnina
Tutti i suoi Figli
Ammirano il Cuore di Gesù!
Ninna nanna, ninna nanna
Babbo stanotte fa la nanna
Con la sua bambina!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonietta Angela Bianco BGrZv*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 25-07-2021

Questo autore ha pubblicato 45 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Seu torrende terra mia

No poto abarrare

chena tie

ti portu in su coru

notti e die.

Mama no pranghere po mie

a ti domandai perdonu .

seu torrende.

O bella terra mia

t'apu lassau

in circa de traballu e trastullu

attesu meda meda seu andau

tristu e solu chentza unu soddu.

Mi seu agattau

fridu e asullu

in d'una terra chi no fiat sa mia.

Mi depis perdonai mama mia

seu torrendi in sa terra mia.

Ollu imprassai su soli

chentza agonia

in su mari asullu ollu nadai

in sa murta frisca arrumbullai

po non depi timi prusu s'umbra mia

seu torrende a tie

amàda terra mia.

T'apu lassau s'anima e su coru

preparàmì su lettu e sa ninnia

at'essi viaggiu longu po arribbai a tie.

A s'obrescidroxu ap'arribbai

su entu estu s'ada calmai,

no siasta addolorida mama mia

seu torrende a prexiu in terra mia,

m'aspettu festa manna e alligrìa,

seu torrende a prexiu in terra mia.

Genoveffa Frauopere©2017

Sto tornando terra mia

Non posso stare

senza te

ti serbo nel cuore

notte e giorno.

Mamma non piangere per me

a chiederti perdono

sto tornando.

O bella terra mia

ti ho lasciata

per cercare lavoro e divertimento

lontano, molto molto sono andato

triste solo e senza un soldo.

Mi sono ritrovato

freddo e viola

in una terra che non era mia.

Mi devi perdonare mamma mia

sto tornando nella terra mia.

Voglio abbracciare il sole

senza agonia

nel mare azzurro voglio nuotare

nel mirto fresco rotolare

per non temere più l'ombra mia

sto tornando a te amata terra mia.

Ti ho lasciato l'anima e il mio cuore,

preparami il letto e la ninna nanna,

sarà un lungo viaggio per tornare da te.

All'alba dovrei arrivare

il maestrale si dovrebbe calmare,

non essere addolorata mamma mia

sto tornando felice nella terra mia,

mi aspetto una grande festa e tanta allegria

sto tornando felice nella terra mia.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-07-2021

Questo autore ha pubblicato 345 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Anninnia, anninnia
Su pipiu de Casteddu,
Bellu frorisceddu,
Sesi un’angiuleddu
Fillu meu pitticcheddu!
Ti portu in su coru,
Ti cantu una canzonedda,
Po di Dromiri.
Tui iasti abolli
Andai a passillai,
A biri is froriscedusu,
Amighisceddus tusu,
Ma funti in cumpangia
De su Frori Gesusu.
Dusu asi a biri
Crasi a mengianu,
Immoi dromidì
Fillu de su coru meu.
Sesi andendi incontru
A su scelu in terra.
Paradisu de sa vida mea!
Anninnia, Anninnia!

Traduzione del testo
Ninna nanna, ninna nanna;
il bambino di Cagliari,
un bel fiorellino,
sei un angioletto,
mio piccolo figlioletto!
Ti serbo nel cuore,
ti canto una canzoncina
per farti addormentare.
Tu vorresti andare
a passeggio,
per vedere i fiorellini
I tuoi amichetti,
essi sono in compagnia
del Fiore Gesù,
li vedrai domani mattina,
adesso dormi,
figlio del mio cuore.
Stai andando incontro
al Cielo in Terra;
Paradiso della Vita mia!
Ninna nanna, ninna nanna!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonietta Angela Bianco BGrZv*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 25-07-2021

Questo autore ha pubblicato 45 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ll’uocchie tuoje comme ‘o mare
fann sbattere stu core mije
cchiù forte ‘e ll’onne.

St’uocchie ca tiene
lucente ccchiù de stelle
só’ comm’a duje suspire…
ogne suspire coce,
ma cu nu ffuoco doce.

Sta voce, ‘a mije,
t’ha fatte ‘mbriacà
e mmiezo a st’aria mbarzamata
pure ‘a luna amme fatte annammurà.

Stienne sti bbracce,
nun riesce a aspettà
me vuò' sempe abbraccià...
me vuò sempe vasà.

Je senz ‘e te
tu senz ‘e me
nun putimme sta’
e core a core,
facimmo 'ammore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 258 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pe me si’ na passione
cchiù forte ‘e na catena
ca nun se spezza maje.

Suspiro mio carnale
te cerco comm’a l’aria
t’astregno forte ‘mbraccio a me.

Luntane staje
ma nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze a me sola.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 258 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.