Per sentirci capiti dobbiamo
capire, per sentirci amati
dobbiamo amare
per sentirci vivi, dobbiamo vivere
cosi, perché funzionino rapporti
che sparirebbero se raggi di sole non splendessero
nei riflessi di tante meravigliose tele
dipinte in pastelli sgargianti come opere
fondamentali, per bellezze senza tempo
illuminate dallo splendore
che inganna la notte sul mare
mentre navi fortunate, libere
sempre, in ogni momento
in ogni istante della loro esistenza
mitica
guardata, semplicemente
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 712 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come un bambino
 in un museo di farfalle
Tutti i giorni tornavo da scuola
Ed d'ora vado per quelle vie
Sperando che ci ritorni mio figlio
Ancora non nato
Sono come lui però lui è un altro
Ci vuole coraggio - così
Mi insegnò la farfalla.
E sono divenuto farfalla 
E non ho ancora un figlio
Ma mi ricordo di quel museo
Delle anime di quelle creature
Come stilizzate ed impresse
 nel legno e vetro che ci separavano
Siamo noi con loro e loro con noi
Siamo tutto questo e altro ancora
Siamo della terra il grande mistero
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 80 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sotto questo cielo immenso,
annodo lembi di cielo
mi trasformo in sogno
e vado a cercarti

Ho rubato pensieri per adornare
fogli con rami d’inchiostro,
tutte le parole che volevo dirti
si sono trasformate in stelle

I baci son diventati angeli
siedono sulle nuvole
a srotolare gomitoli
con sfumature di rosso e di viola

Scivolo tra terra e cielo,
mi confondo tra le nuvole,
una fontana guizza,
festosamente singhiozza
colori di luce dalla tavolozza.

Gli alberi sono in festa
con i loro colori e profumi
per inebriare l’amore,
scaglie di luce sul tuo viso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonietta Angela Bianco BGrZv*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 25-07-2021

Questo autore ha pubblicato 31 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Chi mai può salutare fraternamente un nero vaso
precolombiano
come fosse l'amico davanti all'ascensore
se non qualcuno 
incontrato per caso
un sensitivo
dagli occhi d'ulivo
un elegante novantenne 
che col ramo estremo
indicava spaesato
l'altro pianeta.




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alberto Automa*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 24-02-2012

Questo autore ha pubblicato 1055 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Splendidi esemplari di pavoni, si pavoneggiano
Con estrema disinvoltura fanno la ruota
e come attirano adulti e piccini
tutti ad osservarli rimanendo immobili
senza fare un solo passo
Incantati dall'esibizione straordinaria
piena di tinte vivaci, mentre girano su se stessi
continuano ad attirare
ed è come sognare, ad occhi aperti
vedendoli ballare. Danzatrici al primo esordio
un pò impacciate ma genuine sospirano
non si vantano, guardate in tutto il loro splendore
in sguardi profondi. Seguono movimenti liberi
vivere naturalmente

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 712 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si arriva presto al mattino,
al suo posto è ogni lettino,
dal bar l'odor del cappuccino,
sta arrivando anche il bagnino.

Qualche signore di mezza età sulla sdraio,
una mamma con asciugamani più di un paio,
ci si accomoda nell'ombrellone assegnato,
ci si toglie la maglia ancora assonnato.

Le chiavi dell' auto nascoste nella borsa,
i bambini in acqua corron di corsa,
raccolgono già le prime conchiglie,
di rigor entreran nella bacheca delle meraviglie.

Ogni anno e' sempre tutto uguale,
si ripete implacabile il solito rituale,
ma di fondo c' è un' triste verità,
che leggi amareggiato nella carta d'identita'.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 213 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Adesso ascoltami
non so più che dire
il tempo passa e tu non cambi
purtroppo bisogna accogliere
ciò che ci viene, anche se brutto
La vita è fatta di momenti dolorosi
spesso ci avvolgono
Prendiamo quello che ci offre
vivendo finché si può 
la terra molto calda
fra mura circondate dal vento 
in questo insensibile universo
nell'abisso di un vuoto profondissimo
che non conosce ragione

Accettare tutto, sempre, altrimenti guai
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 712 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Lecco le mie pene

Lingua scivola nel fondo di un bicchiere

E tu chi sei?

Arrivi sempre con la pioggia 

Hai sorrisi per me?

Ché non è vero 

che un caffè ti salva la giornata 

È l’amore…è l’amore!

- Quale amore…? -

Lui dice che sono tutta la sua vita 

e così mi tiene prigioniero il cuore 

Non ho voglia di pensare

Solo…

Consegnami le chiavi 

dei giardini di Babilonia, 

la mezzaluna d’oro 

e… un altro bicchiere. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Lilith50  

Questo autore ha pubblicato 7 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Una processione di uomini albero
Difendono i confini di questa terra
Dove gioie e dispiaceri si alternano
Mi sembra ci siano venti contrari
Ma è difficile dire come preparai
Questo ritorno ad Itaca
Forse la voglia di cambiare
Forse l'essere ancora come bambino
Che lascia cantare e giocare 
E portare queste canzoni...
Sulla terra d'Italia la speranza
E la fede muove l'amor a cantar
Si cantar soave contro il vento
Fino a turbinar il cuore e l'amore
Insieme in leggerissimo volo
Ed è già quasi sera...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 80 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un amore
Nasce al primo sguardo
Cresce al primo bacio
Muore al primo t'amo
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Labbra Tristi  

Questo autore ha pubblicato 33 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Dev'essere sicuramente disperato
uno che scrive tantissimo senza mai fermarsi
e stesso argomento unico e deciso
che rammenta il presente o il passato
con l'amaro in bocca, dall'interno arriva
pulsando, forte battiti accelerati si fan sentire
i lettori è probabile che sentono il cuore in fermento
ma lancia un messaggio chiaro ad essi
sbalorditi se non commentano, limitandosi a leggere
pensando, mentre li attira incuriosendoli molto, nelle pieghe
degli occhi profondi


Scrivere tanto anche senza commenti significa proprio sentirne davvero il bisogno

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 712 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nemico mio, prega con me
Sputa sul mio palmo i semi avvelenati
Libera la presa dei tuoi orecchi
Dai sibili e i versi velati del demonio
E gli occhi dai suoi falsi seni 
A te parole d'odio ho versato nel segreto
Negli antri bui dell'anima
Segreta e indecifrabile
Ma vederti qui pentito
Con timore e tremore
A estrarre la parola intima dal petto
Mi ridà forza nel nome del Signore
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 47 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E se fossimo solo aria

senza gravità per sapere di esistere

se dunque esistere grava sulla portanza

dei nostri vuoti.

E guardiamo il bicchiere,

mezzo pieno.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: OCEANO  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si desta mia prode
Che del tempo e tanto
Amor che cupido trasse
Dal fodero suo amor scocasse
In primaveril stagione 
Senza che dei bei flauti
Amor stesso tuonasse:
Sapor di calligine e ristoro
Come di un fiorito pendio 
Di pietre al ciel tonando 
Lo stesso amor tornasse
Che di peggio non è la voce mia
Pria che partisse del mio arco
La strategia e tutto l'amor
Che un guerriero all'arte 
Mortal del cervo al suo stesso
Suono in tuon cantasse: amami
E sarem forse come quell'altre.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 80 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Muta e verticale se ne sta,
un campanello compagnia le fa,
le passo vicino come a scrutarla,
ma lei mi guarda e non mi parla.

Voce non le ha donato la natura,
solo il rumore di apertura e chiusura,
ma l'animo è di chi la sua maniglia toccava,
che un pò nei lineamenti mi somigliava.

Ora non disegna più archi di circonferenza,
di movimento arcuato è rimasta senza,
sotto di essa qualche volantino silente,
che non porta una data proprio recente.

Eppure su quell'uscio trovavo accoglienza,
sempre gradita era la mia presenza,
Il suo fruscio ritorna alla mente,
quando venivo accolto come un presidente.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 213 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.