Er Natale quest’anno s’avvicina

però sarà ‘na strana aria de festa

Pe’ troppi è de sicuro ‘n aria mesta

cor còre sceso sotto la cantina.

*

Nun ce so’ mezzi pe’ festeggiamenti

er portafojo piagne er conto è in rosso

cianno sporpati tutti fino all’osso

mo che se metteremo sotto i denti?

*

Sto a penza' che a mijara de persone

che sbarcheno er lunario propio male

come lo passeranno ‘sto Natale

se nun ce scappa manco ‘n panettone?

*

Andranno ‘n quarche ente assistenziale

che li accoje co’ ‘ piatto de minestra?

Che vita, è ‘n affacciata de finestra…

Ma pe’ loro sarà pe’ sempre uguale.

*

Andranno a dormi’ su le panchine

Sognanno forse bei  momenti d’oro.

Mo che hanno perso dignità e decoro

Infreddoliti aspetteno la fine

*

maledicenno a chi tanto e chi gnente

perché ‘sta granne società balorda

se sa, continuerà a tira’ la corda

e de chi soffre nun je frega gnente.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

L'inverno bussa a le porte
*
Oggi ‘n vento che taglia la faccia.

co’  ‘sto cèlo che pare de piombo

de li tòni se sente er rimbombo

e già sento cascamme le braccia.

*

Se ariscrocchia co’ ‘n artro alluvione

-e me pare che già s’ariaffaccia_

ciariffoga de melma e mollaccia

rimettennoce giù a pecorone.

*

L’autunno ha già preso la scesa

e l’inverno già bussa a le porte

la stagione va verso la morte

che a l’inverno s’è già quasi arresa.

*

Preparamo majoni e cappotti

accennemo la stufa o er camino

nun penzanno che ariva er casino

e che l’acqua verà giù a botti.

*

Ma speramo perché, doppo tutto

se ‘st’inverno sarebbe più mite

se potrebbe guari’ da l’artrite

sempre che fosse pure più asciutto.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Quanno me vie’ a manca’ l’ispirazione                             

io pe’ anna’ a caccia de esperienze rare

me ficco a letto e lì ciò l’occasione

de sogna’ tutto quello che me pare.

E nun è come quanno che so’ svejo:

mentre dormo li sogni me li scejo.

*

‘Sta notte ho inteso er sòno de ‘na tromba;

‘na musica a di’ poco celestiale.

Come se er sogno mio fosse normale

mi’ moje me chiamava da oltretomba.

Sembrò de cera co’ quell’occhi stanchi

e me diceva:  -Amore mio, me manchi.

*

Perché nun molli tutto e te trattenghi?

Ormai la vita t’ha già dato tanto:

tristezza, amore, gioia, riso e pianto…

me manchi troppo, ma perché nun venghi?-

So’ già diei anni ma ‘sto sogno stesso

forse lo cerco, ma lo faccio spesso.

*

Beh, sarà ‘n sogno tra er faceto e er vero

‘sto sogno tanto, tanto ricorente.

Ce l’ho come stampato ne la mente

e me sta radicato ner penziero.   

La vita senza lei nun cià valore,

lei nun c’è più. Ma l’amor mio, nun mòre.

                              

(a mia moglie) 

                                

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ahi ahi ahi 
 sta bella Italia a tappetu,                                                 
restu a casa e me  ddumannu
ci sta succede e continuamente mi ripetu,
sta gente more senza  sapè di cosa,
te sicuru è na trappola
di questa società ombrosa,
un elogio te core all'esperta sanità,
ca sta combatte all'infinito
questa  contagiosa epidemica realtà,
intanto a casa la sira mo ce coprifuocu,
speriamu ca tuttu quisto  malcontentu
rimanesse quantu  prima 
sulu nu  videogiocu,
e se qualcun altro
culla calma si decide,
ca chianu  chiano cu stu virus
anche quista innocente aria
sta me ccite,
speru   puru ca finisce tutta sta manfrina,
e turnare a visu apertu
senza sta soffocante mascherina,
sono del mio salentu e me ne vantu,
ulia  cu trovu  tuttu quell' affettu 
sparpaiatu  sacrosantu,
il popolo è indifeso e  rispettoso,
ma il Duce cu la sua manovra  gira largu
tiene strettu dru mistero cucciato
sulu a lui prezioso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: valeria viva*   Sostenitrice del Club Poetico dal 25-12-2022

Questo autore ha pubblicato 49 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sopravvivevo senza e te vedè
nun saccio quanta vote domandavo e te,
e quanno 'e risposte nun arrivavano cchiù
pregavo e te vedè, annanzo a stu Gesù.

Ogni matina, quanno glievo a' scola,
vulevo a te vicino, almeno pe' na' parola,
mentre s'astrigneve o' core sulo a guardà
tutt' l'ati criature nzieme cu l'ati papà.

Me so fatto gruosso, so' crisciuto senz'e te...
chiuso dinto a 'na libertà ca nun tenivo tu.
Mo ca saccio a verità, io riesco a te capì
voglio accummincià sta vita senza cchiù suffrì.

Mane e mane io, tu e mammà...
ce pigliamme a gioia ca ci'spettav già,
facenno 'e sacrifici senza mai ce lassà
pe' chesta strada nova... ca mo' amma affruntà.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

S’eri fiss

in di me penser

 

saltavi i foss

par long

e m’incorgevi no

da quant s’eri fess

 

ma ti fa ss-ilenzi

ingianò ma salta

la mosca al nass

 

e i nerv insèma.

 

Fuss ca fuss

la voeulta bona

ch’impari

a saltà i foss

par larg

 

inscì

ma bagni pù i pè.



 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: ING BOWLING  

Questo autore ha pubblicato 452 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
È dinto 'o mare,
addò 'nu pensier va a murì.
Addò 'e gabbiani, 'e gljuorno,
s'appiccechene co' viento.

'E nn'ammurate ncoppa 'a 'nu muretto,
che scenno a picca ncop all'onna,
se vasene e s'accarezzano
sotto 'a luna lucente.

È dinto 'e viche 'e chesta città
ca s'appiccene 'e pensier
nzieme 'o cafè 'a primma matina.
So' radice, ca nun se ponno scurdà...

È na terra ca te piglia o core,
l'anema, o suonn e pure a fantasia.
Napule te trase proprio dinto 'e vene!
E 'e surrise de' napulitani
t'e puort appriesso pe tutt'a vita.

"La terra dei fuochi" se chiamma accussì
pecchè quanno t'abbraccia,
te dà tutt'o calore ca...
sulo 'na mamma te pò dda!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Clorinda Borriello  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Napule nascette pe n'ommo ca mpazzette.
Ve parlo 'e nu pittore ca pe spasso e ffollia,
nu bellu ghiuorno decidette 'e fa' na pazzaria.
Don Totore che facite?" Curiuso addimannaje.
Don Genna', tengo che ffa' nu fatto gruoss'assaje!”
“aggi' 'a fa' na cosa: 'a ggente s'ha dda stupì”
'o munno ha ddà parlà: i' voglio sbalurdì.”
"Overo? Ma che ddicite, ma nun facite guaje!”
'A verità i' stesso llà ppe llà 'o scunsigliaje."
Ma isso capa tosta, ahimè se 'ntestardette;
'o quatro accumminciaie e cunsiglie nun vulette.
Cu na tinta blu; fra ciento e cchiù ttubette,
comme niente fosse 'o mare dipingette.
"Me serve ancora celeste, nun tengo cchiù cculore.
Mme putite aiutà? V' 'o ccerco pe favore!"
"Don Totore bello. I' v' 'a desse pure na mano.”
“Ma addò 'o vvaco a piglià. Diciteme, è luntano?”
Ll'artista frasturnato e nnu poco sfastediato,
dicette:" va buo', mo vengo..." e sparette nquartato.
C'aveva cumbinato, chillu miezo squilibrato!
S'era arrubbato 'o cceleste 'e ll'uocchie
d' 'e ffigliole ca stevene addormentate.
'A tela a ll'intrasatto azzurra se facette...
...e ffuje accussì ca a Nnapule 'o cielo accumparette.
E po' mmentaje 'o golfo illuminato d' 'a luna chiena;
pe 'o fa bbello tunno s'ispiraje 'o ventre d' 'a Maddalena.
"Ma ll'avite fernuto...", dicette curiuso assaje
Isso senza da' risposta, mmanco me guardaje.
Scurgenno na cummara affacciata a nu balcone,
Totore apprufuttaje e nun perdette ll'occasione.
Nu cunto se facette, murmulianno fra se e sse.
"I' mo ce provo: veco si 'o pozzo avè."
"Donna Rituccia cara, dinto a 'stu panaro...”
mettite 'o seno vuosto. Ve prego, è ppe n'affare.”
Nun ve ll'avesse chiesto, ma vuje mme provocate”
“E mo ve ll'aggia dicere...perdunateme...abbondate."
"Carissimo Totore, vuje mme lusingate...
“nu minuto e v' 'o dongo." "Donna Ritu' acalate!"
Chella pasta morbida c' 'o marrone ammischiaje.
"Don Genna', chisto è 'o Vesuvio." I' mme meravigliaje.
...e nun saccio si svenette, restanno senza fiato;
però nu fatto è ccerto, rummanette stupetiato.
E po' quanta scugnizze scennettene p' 'a via:
perfino Maria Betta fernette 'e fa' 'a cazetta.
Tonino 'o sfaticato, sbuffanno se sscetaje:
“Acchiappa chistu sbuffo"...e Ttotore ll'acchiappaje.
Ncapo 'o Vesuvio, 'o pennacchio isso mettette.
"Guagliù, evviva Napule!", allero assaje dicette.
Accussì nascette Napule: 'o quatro fuje completato.
È ll'opera 'e nu grand'artista: 'o pataterno ll'ha criato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ddio, perduoneme si me piglio 'a cunferenza:
sto' ccà a mmane giunte a tte cercà perdono.
Si tiene tiempo, te prego damme udienza,
te parlo a nomme mio...e ati pperzone.
Pur'i so' stanca 'e tutta ll'insolenza
'e chi nun perde maje ll'occasione,
'e fa' male e ppretenne ll'abbondanza
e mmanco 'o ssuvierchio lle va bbuono.
Stongo ccà addenucchiata a tte pprià,
te cerco scusa p' 'a cattiveria d' 'a ggente.
Tenimmo nterra nu ciardino ncantato,
ma è addeventato nu nivo 'e serpiente.
Tu c'hê rialato ll'azzurro d' 'o mare
e nnuje avimmo tignuto 'e russo ll'acqua chiara.
C'hê dato a vocca pe ce fa assaporà 'o mmiele
e nnuje mmece vulimmo masticà fiele.
C'hê dato 'e rrecchie pe ce fa sentere ll'allucche
'e chi sente dulore, 'e chi sta suffrenno.
C'hê dato 'e mmane pe ce fa da' carezze
e nnuje damme pacchere a cchi sta patenno.
Cu 'a vocca spisso ghiastemmammo
e qquanta vote ce sputammo nfaccia.
Ce guardammo comm'a ttanta nemice,
mmece e ce regnere 'e vase e abbracce.
'O mmale ca nterra stammo patenno,
sta facendo troppe, tanta muorte.
Giuvene, viecchie e ccriature appena nate,
stanno luttanno cu na mala sciorta.
Bbuone, bbrutte, bbelle e mmalamente,
cercammo 'e nzerrà 'o male 'int'â na morza.
Aiutece si può, miettece 'a mana toja,
pecché 'e luttà c'ammanca 'a forza.
I' stongo ccà a parlà cu tte llà ncoppa,
ma songo sulo na lucella ncopp'â terra.
Che ssongo i' a ccunfronto a tte:
nu sciore piccerenillo 'int'â na serra.
Ma tu ca vuò bbene a ttutte 'e figlie,
cumpatisce chi nun sape chello che ffà.
Te mploro pe mme e ppe tutte nuje
stamme a ssentere, stongo ccà a tte prià.
Madonnina bella 'stu manto tuojo mmaculato,
stiennelo comm'a nu velo ncopp'ê peccate.
Prutiegge a cchi tene 'o core affaticato,
si può perduone...'sti figlie addulurate.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La candela della speranza
dopo mezz'ora
già se nota la sua assenza,
In tanti a chiedela ar posto della foto
dove apparimo in tutto lo splendore
dopo avella cercata tra mille dove sembramo tutt'ar più
un rovo de more .
E i più a trova'subbito
la scusa...
pe' carità nu la mettete,
che ha detto Tizio
che ja detto  Caio
che poi te zompa tutto
er whatsAppaio.
Ma quanto dura poco la speranza
e quanto meno ancora la condoglianza
e che te frega
de la fratellanza
de chi lontano
giovane o anziano
da solo prega
e solo
ancora soffre o c'ha lassato.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Che to` da di 
commare mia

 La realtà
un di supererà la fantasia
Credevo..
me spaventassi davanti alla tv
seduto 
bello bello, li sur divano,
co na biretta n'mano
e frotte de non morti li drento
ar teleschermo.

Ma basta no starnuto
n' po` de febbre,che
t'arinchiudi ,
guanti e mascherina
e GUAI a chi s'avvicina .
Ce tocca sta
rinchiusi dentro casa
A Ni` n'se  po più usci
nemmanco pe fa  spesa
a pora nonna.

Sto virus disgraziato e impertinente
Arivato quatto quatto dall'oriente
ce vole spaventà
e quasi quasi,
un po' ce s'avvicina
Ma brutto zozzo vedrai che manca poco
e finirai strozzato ,
tra sapone
arcol e glicerina
da un giorno a n'artro
la morte tua gia s'avvicina
Perché domani,
brutto disgraziato..
te toccherà ciuccia la medicina.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 132 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mentre 'e ninne dormene se scetene 'e ppupate:
aspettene cu ppacienza ca scenne 'a nuttata.
Quanno 'o cielo è scuro e se nzerrene 'e ffeneste
gnome e bburattine jescene fore d' 'e cceste.
'A nu balcone apierto nu ventariello birbante

mbroglia 'e ppagine 'e nu libro 'e fate e ffante.
'E ppupate ballerine s'aizano ncopp'ê pponte
e mannene ciento vasille 'a luna ca sponta.
Nu pinocchietto buciardo cu 'o naso spuntato,
se sfida a dduello cu Ccirano a nnasate.

Na bammulella rossa 'e capille e mmalupina,
fa furbarie e ccufecchie cu 'a volpa malandrina.
Biancaneve cu nu pettine d'oro s'arriccia 'e ricce
e fra mille suspire d' 'o principe se ncapriccia.
Sette nanille curtulille e ppure male ncavate,

lassene Cappuccetto mmano 'o lupo affamato.
N'esercito 'e surdatine cumbatte na battaglia
cu Ccapitano Uncino ca è na granda canaglia.
Peter Pan aggira attuorno a ll'isola ca nun ce sta:
ll'ha perduta, chi 'o ssape si nu juorno 'a truvarrà.

Alice se nne va ngiro spaisata e smemorata:
nun s'arricorda cchiù nemmeno quanno è nata.
Cenerentola suspiranno se nfila na scarpina,
e nce trova annascuso nu scurnuso Pollicino.
Se sape...'e ccriature pe 'a troppa frennesia,

ammeschene spisso 'a realtà cu 'a fantasia!
Mentre tutte dormene...quanno se fa scuro,
'e follette se nfizzene 'int'ê suonne d' 'e ccriature.
Ma pure quanno sì gruosso nun faje peccato,
si truove cunfuorto 'int'ô munno d' 'e ppupate!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Amatrìsce

U ssanghe, chendeggnùse,
tènge chidde pète andiche,
pegghiàte a sckaffe da la forze de la natùre...
Ècchie ca se pèrdene,
mbaduessciùte da case scaffuàte...
Cèrchene, a “sècca d’acque”,
sènz’arrièssce, ngocche iànema vive...




Amatrice (traduzione)

Il sangue, con contegno,
tinge quelle pietre antiche,
prese a schiaffi dalla forza della natura…
Occhi che si perdono,
imbambolati da case crollate…
Cercano, “a sete d’acqua”, (quasi con ingordigia)
senza riuscirci, qualche anima viva…
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ce ffridde stasère...
Camìneche chiàne chiàne
sop’a ccusse lungomàre...
Non gamìne nessciùne...
La lune m’acchiamènde
e, facènne u “pìzzue a rrise”, me disce:
“Tranguille, stu vìirne av’a passà!”
U mare ggnore, agetate,
pìgghie a sckaffe chidde pète
ca u-aspèttene da sèmme...
A l’andrasàtte, n’onde, chiù fforte,
me fasce nu viàgge d’acque...
Maledètte o diàuue,
la svèglie st’a ssone...
Stève a sennà!
Ma pò, chiàne chiàne,
me n’avvèrteche ca stu core,
chiànge adavère iàcque e ssale
de cudde mare ca m’ammanghe...
assà!




Questo “Inverno” (traduzione)


Che freddo stasera...
Cammino lentamente
su questo lungomare...
Non cammina nessuno...
La luna mi guarda
e, accennandomi un sorriso, mi dice:
“Tranquillo. questo inverno passerà!”
Il mare scuro, agitato,
prende a schiaffi quelle pietre
che lo aspettano da sempre...
All’improvviso, un’onda, più forte,
mi bagna integralmente...
Maledetto sia il diavolo,
la sveglia sta suonando...
Stavo sognando!
Ma poi, piano piano,
mi accorgo che questo cuore,
piange per davvero acqua e sale
di quel mare che mi manca...
assai!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Viste de bbiànghe chèdda malanghenì
e ttinge de rose u delòre tù...
Fàuue, percè av'arrevà la dì
ca non ha da tenè cchiù chelure...


(Traduzione)

Vesti di bianco la tua malinconia
e tingi di rosa il tuo dolore...
Fallo, perchè arriverà il giorno
che non avrai più colori...


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Filippo Favia  

Questo autore ha pubblicato 3 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.