Sì femmena quanno chiagne e quanno rire.
Sì femmena quanno faje ll'oca giuliva.

Sì femmena quanno te vieste 'a palummella
'Nun sì maje brutta: 'a femmena è sempe bella.

Sì femmena quanno te guarde e 'nun te piace.
Quanno po' daje 'a vita sì 'na femmena verace!

Sì femmena cu 'o cazone, cu 'a maglietella astretta.
Sì femmena cu 'e bigodine e senza reggipetto.

Quanno po' sì vecchia sì chiù femmena 'e ll'ate,
mentre piense nustalgica 'e tiempe passate.

Sì bbella pure pecchè... essenno ca sì femmena,
qualsiasi cosa dice o faje, tu sì sempe femmena...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Accussì s'avutaje 'o pettene astritto 'a pettenessa:
"Te può pure attiggià, a me 'nun me faje fesso." 

"Nuje simme comme 'a cazza e 'a cucchiara.
picciò 'nun te tuculià comme 'a 'na janara."

"J' songo capace 'e sciogliere 'e nurechille..."
"songo 'o spasso d'ê ffemmene e d'ê capille!"

Rispunnette 'a pettenessa tutta 'nquartata,
sbattennese comme a 'na papera scannata.

"Tu sciuoglie 'o nureco ma 'nun lieve 'o perucchio!
"Faje sulo chiacchiere e maje niente accucchie."

Accussì s'attiggiava e se frusciava 'o petteniello,
mentre levava ll'ove 'nsieme 'e perucchielle.

"Sentitelo, va dicenne ca fa chello ca faccio j'..."
"Mme faccio 'e ccroce: Giuseppe, Gesù e Maria."

"J' cu cchesta pettenessa tutta culurata,
me 'nfizzo dinto 'e capille e una e pure 'e n'ata."

"Tutte 'e ffemmene cu mme addeventene pupate:
famme sentere, tu quanta cape hê pettinato?"

"Mentre tu faje felice bammulelle e ccapere,
j' lasso 'e ccape pulite e senza 'nu penziero."

"'O perucchio, si 'o vuò sapè, cu mme schiatta:
'nun 'o faccio maje addeventà ciuotto e cchiatto."

"Nvece j' quanno mme 'nfizzo dint'ê capille,
faccio accumparè tutte 'e boccole, 'e ricciulille."

"Pecchè j' songo bella, culurata: so' 'a pettenessa.
Aggrazio 'e ccape: cu mme so' tutte principesse."

"Tutte 'e nureche primma o poje venene a mme:
chiano chiano j' 'e sbruvoglie e senza farle patè."

"Pecchè j' songo aperta, abbundante e spaziosa,
tengo 'e diente larghe. So' stuzzicante e sfiziosa."

"E tu? Tu tiene 'e diente chiuse, 'nserrate e fitte fitte."
"Vattenne, si 'nzipeto: si sulo 'nu pettene astritto."


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pe fa 'o ccafè bbuono ce vonno pacienza e passione:
'nu cucchiarino chino chino d'ammore 'e devuzione,

'nu core frizzantiello si 'o vuò fa bello schiummato
e 'na 'nticchietella d'anice si te piace aromatizzato.

P'ô fa ascì vullente ce vo' 'nu granello 'e sentimento.
P'ô fa venì scuro 'nu pucurillo 'e povere d'argiento.

'O ffuoco tienele vascio: 'o ccafè adda ascì lento lento,
Senza pressa, chiano: sape isso quann'è 'o mumento.

Quanno 'o vide murmulià e siente ca te chiamma,
tu 'nun ô stutà, acala sulo 'nu tanteniello 'a fiamma.

Po' miettelo dint'à 'na tazza, maje dint'ô bicchiere.
Vide ca a poco 'a vota accuonce vocca e penziere,

Ll'urdemo cunziglio: stamme a ssentere ca t'ô spiego:
S'ha dda fa cu 'a mana d'ô core: osinò vene 'na ciofeca.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanno mme sento sculurita e tengo n'aria affliggente,
m'addimanno: "che sarrà? Po' penso: "è cosa 'e niente." 
Sarrà forse 'sta vita ca troppo spisso è brutta e amara,
mentre j' 'a vulesse vedè verde comme ll'acqua d'ô mare?

Saranno 'sti brutte penziere ca mme levene 'a fantasia,
o sarrà tutta 'sta freddezza ca mme da tanta malincunia?
'Ncopp'ô stomaco 'nu pisemo arde comme a 'na fiamma.
'O sento muzzecà, alluccà: ma 'nun credo ca è famme!

'Ncanna tengo 'nu nureco ca forte forte mm'astregne,
j' bevo, bevo e bevo: ma 'stu ruospo 'nun se ne scenne.
Cerco tuorno tuorno quaccosa ca luccichea e ca abbrilla,
'mpietto 'nu core cu ll'arteteca, zompa comme 'a n'arilla.  

M'arrobbo cu 'nu specchio quacche raggetiello 'e sole,
'o faccio abbrillà sulo p'ô sfizio d'ô vedè 'e cagnà culore.
J' vulesse parlà 'e sentimente. Pecchè no? Pure d'ammore,
'nvece m'aggia tennere tutto cose annascuso dint'ô core.

Sarrà forse st'aria ammurbata ca me leva 'o sentimento?
Sarranne tutte 'e silenzie, 'e rresate faveze d'â ggente?
Veco ca chello ca pe me è 'mpurtante pe n'ato è indifferente,
allora pur'j' penso e dico: "niente. Sarrà 'na cosa 'e niente..."
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanno ll'emozione volene pe coppa 'e spartite,
te sonene canzone appassiunate e chiene 'e vita.
Spalanchene ll'uocchie quanno te vedene suspirà,
tenene 'e rrecchie aperte quanno te sentene parlà.

J' ê faccio addivintà poesie, n'ato scrive canzone:
ma ce vo' pacienza quanno se tratta cu ll'emozione!
Però nne vale sempe 'a pena a ll'ê ccultivà.
Si ll'arracque crescene: ma s'hanna sapè piglià!

So' cristalle delicate ca vanne trattate cu dolcezza:
se ponno pure offennere si 'nun hanno carezze.
S'hanna sfiorà chiano cu 'e mmane, cu 'e ddete:
'nun s'hanna maje annasconnere mmiez'ê pprete.

Quanno può, cunfuortele: cantele 'na ninna nanna.
Cunfuortele sempe, si 'nun vuò ca se nne vanno.
Ogni tanto o spisso, quanno te piglia 'a fantasia,
appuojele 'ncopp'ô core e falle addeventà poesie...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
'A varchetella pare 'nu punto mmiezo 'o mare,
mentre addereto a 'nu scoglio allampea 'o faro.
'Nu chiarore sentinella, fa 'o guardiano:
aggira tutt'attuorno illumminannolo 'a luntano.

Te schiarisce 'a notte fra 'na luce e 'nu bagliore,
'ndirizza nave e varche rignennele 'e culore.
Perdennese p'â strada 'a varca s'è 'ncagliata.
Sta llà, naufraga: 'ncoppa 'a rena s'è appujata.

'Nu marinariello senza bussola ha perzo 'a via,
mmiezo 'o mare 'o scuro more 'e nustalgia.
Mette 'e reme 'mbarca, suspira sotto 'a luna:
aspetta c'ô faro, rillucenno 'o da 'nu lumme.

Mentre 'nu mercante ca vene a ll'oriente,
sbarca mercanzia e s'allucida oro e argiento,
'a varchetella 'a luntano se mette a suspirà:
sta 'ncerca e chillu faro ca tarda a llummiggià.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
On pozzu immagginara u mundu senza e tia , 
on vidi ca da cuntentezza rilucia puru a via!
Puru u chiaru e luna e supa i ceramidi 

cu chida fhaccia tunda e l'occhji randi 
scinda ogni sira 'ntra li vinedi
e queta queta annaca tutti i fatticedi .

A fhiumara e sutta i mura 'ndava nostalgia 

si ricorda puru ida 
chida cumpagnia e vesti culurati chi scindianu i senteri
cu a sporta chjina e panni supa a testa.
Si porrissaru parrara chidi petri!

Fhimmana d'ajieri 

eri u profumu e ogni cocipana 
chida addura e pumadoro chi gugghjìa 
chida tavula acconzata 
ca ogni Dominica paria na festa cumandata.

Eri nà poesia!

Oja ai i labbra russi e i tacchi ati

aricchji e mani ' ndorati 
sempa beda e chjina e allegria 
u dissa puru u Papa ca supa a terra senza e tia
on c'è armonia .

Pe fortuna i tempi cangiaru 

ma tu on cangiasti u dira toi 
duna senza u pretendi
pecchì si fhimmana chi senti ,
capisci e cumprendi ,
sini casa recojia , accogghji e voi bena,
sini Fhimmana e sempa 'on sulo e ojia e d'ajieri.

Ma è cosa ca ancora amu cumbatti 

pecchi 'ndavva 'ntro mundo pregiudizi
e omani chi azanu li mani ,
chi penzanu ca tu 'on bali nenta 
on capisciru ca tu sini aria frisca
e senza e tia 
on fhiuffa nenta!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 873 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanno nascette 'o sole 'e ffemmene 'e tutte 'e ccittà, 
se vestettene a ffesta, pecchè ognuna s'ô vuleva spusà.
'E ffigliole cchiù giovene se scummigliajene e zzezzelle
e se 'mbellettajene 'o viso cu pagliuzze e stelletelle.
Ce fuje chi appicciaje 'o ffuoco, chi 'mbiancaje 'a luna chiena, 
chi sunaje 'o viulino, chi imitaje 'o canto 'e 'na sirena.
Sulo Rusella era rimasta dint'â n'angolo appartata:
steva dispiaciuta assaje, 'nun era stata 'nvitata.
'A figliola chiagneva, vuleva partecipà pur'essa 'a festa:
accussì cercaje oggette 'e lusso dint'â 'na larga cesta.
Ma 'nun ce steva niente ca se puteva prestà a ll'uso:
Rosa truvaje sulo scarpe rotte e guante cu 'e purtuse.
"Figurammece si 'o sole accussì bello pensa a mme!"
Ripeteva triste e scunsulata riflettenne fra sé e sé.
Però 'nu juorno succedette 'nu fatto assaje curiuso:
'o sole a ll'alba se scetaje triste e 'nu poco addiruso.
A 'nu vacillo, tanta povere d'oro abbascio facette cadè,
a Rusinella se 'mbrillantajene 'e capille e 'o decolletè.
Comm'era bella Rusella tutta ricuperta d'oro!
'O sole vedennola se sentette 'e scuppià 'o core!
Scennette 'ncopp'â a terra, 'a mana e Rusella se vasaje,
pò tutto raggiante dint'â 'na casa 'ncielo s'ha purtaje.
Da allora 'o sole e Rusella fanno ammore mmiezo e stelle:
ogni quatte mise danno vita a cculurate criaturelle.
A vvierno nascene mele, pere, arance, noce 'e limone,
ll'estate schioppene 'e rrose e tutte 'e frutte d'â passione.
'O mese 'e Maggio ll'aucielle 'ntonene cante d'ammore
e Rusella bella, già 'ncurunata riggina, addeventa ciore...

Traduzione

La storia di Rosinella
Quando nacque il sole le donne di tutte le città,
si vestirono a festa, perchè ognuna voleva sposarlo.
Le ragazze più giovani si scoprirono il seno
e si imbellettarono il viso con pagliuzze e stelline.
Ci fu chi accese il fuoco, chi imbiancò la luna piena,
chi suonò il violino, chi imitò il canto di una sirena.
Solo Rosella era rimasta in un angolo appartata,
era molto dispiaciuta: nessuno l'aveva invitata.
La ragazza piangeva: voleva partecipare alla festa,
così cercò oggetti di lusso in una larga cesta. 
Ma non trovò nulla che si adattasse all'uso. 
Rosa trovò solo scarpe e guanti con i buchi.
"Figuriamoci se il sole così bello pensa a me!"
Ripeteva triste e sconsolata, riflettendo fra sé e sé.
Però un giorno accade in fatto assai curioso.
Il sole all'alba si destò triste e un po' adirato. 
Da una bacinella tanta polvere d'oro giù fece cadere,
A Rosinella si imbrillantarono i capelli e il decolletè.
Com'era bella Rosella tutta ricoperta d'oro.
Il sole vedendola si sentì scoppiare il cuore.
Scese sulla terra e la mano di Rosa baciò,
poi tutto raggiante in una casa in cielo la portò.
Da allora il sole e Rosella si amano fra le stelle,
ogni quattro mesi danno vita a colorate criaturelle.
D'inverno nascono mele, pere, arance, noci e limoni,
d'estate sbocciano le rose e tutti i frutti della passione.
Il mese di Maggio gli uccelli intonano canti d'amore
e Rosella bella, già incoronata regina, diventa fiore...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ogni anno 'a stessa storia: vaco e vengo d'â Lapponia.
Me piazzo 'ncopp'â slitta e vaco sempe deritto. 
'Ncuollo 'o vestito 'e sempe, ca s'è pure scagnato
e mme va 'nu poco astritto pecchè me so' 'ingrassato. 
Ogni ghiuorno m'arrivene centenare 'e lettere, cartuline:
me scrivene 'a tutto 'o munno: gruosse e piccoline.
Cu 'o tiempo m'aggio 'mparato 'a scrittura 'e uno, 'e n'ato:
'a vista 'nun tanto m'aiuta, pe ll'eta assaje avanzata.
Però aggio riconosciuto 'a scrittura tennera 'e Nanninella:
me cerca comme a ssempe 'na pupata, 'e ccaramelle.
Che brutta calligrafia! E chesta è 'a lettera 'e Maria!
"Babbo Natale mio, 'nun me purtà sempe 'a stessa cosa"
"St'anno, si pe te va bbuono, vulesse truvà 'nu ricco sposo."
Chi me cerca pazielle, chi va truvanno 'nu diamante,
chi vo' 'na connola, chi 'nu marito, chi 'nu turbante. 
Chi vulesse 'na bona ciorta e 'na vita senza patimente,
chi vo' 'na bambola, chi 'o pane, chi 'na varca, chi 'e diente!
Chi ha perso 'o posto 'e fatica e 'nun riesce a campà 
 e chi tene 'e rrendite spase 'o sole e fa 'a vita d''o pascià.
Ma j' che pozzo fa: vengo sulo 'na vota a ll'anno.
Si putesse, pigliasso 'a slitta e ghiesse sempe vulanno.
Accuntentasse femmene, uommene e bisognose.
A cchi n'ave necessità, 'o regnesse 'e tutte 'e ccose.
'Sta vota però ve voglio cercà j' a vuje 'nu piacere.
V'aggio lassato 'na lettera vicino 'o piatto, sotto 'o bicchiere.
Si' vedite quacche cristiano ca 'nun pozza accuntentà,
purtatancella vuje 'na cusarella, 'na parola pe cunfurtà.
Donate pace e surrise: nisciuno s'avessa maje 'ntristì:
criature, gruosse e anziane 'nun avessana suffrì!
Putissene purtà pe ssempe pace p'ê ccase, p'ê spitale?
Se putesse fa ca ognuno e vuje addeventa Babbo Natale?
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Preputente, arraggiuso, scrianzato,
tira e votta cavece 'a fore 'e ffeneste. 
Te trase dinto 'e capille e maliziuso,
se 'nfizza curiuso sotto 'e vveste. 
Quanno stà sfastedjato e chiove, 
votta acqua a zuffunne p'ê ccase.
Sbatte 'e pporte, scassa ll'arbere,
fuje pe llà attuorno comm'â 'nu 'nvaso. 
'E vvote stà quieto e te parla chiano:
s'appoja delicato 'ncoppa 'e mmane. 
T'accarezza 'o viso, te parla doce 
e te trase dinto chianu chianu.
Se 'ntrufola curiuso dintê rrecchie: 
'nu poco bruntulianno se 'ntallea,
po' 'mpruvvisamente scioscia, sbuffa
e scutuliannese vene e te schjaffea. 
Si 'o saje piglià isso s'addulcisce,
ma spisso allucca forte e te sturdisce.
A vvote dice cose ca 'nun sanno 'e niente:
se mette a murmulià parole sfaticate,
ca se ne vanno sbuffanno 'nsieme 'o viento...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Quanno surrid’  tu
se sceta ‘o sole a mezzanotte.

Pure ‘e stelle, ‘ncoppo ‘o mare,
faje cchiù bbell’…

E se accumpar’  ‘a luna chiena
se fa rossa e s’annasconne,
nun p’o’  cumpet’r se ce staje tu!

E mò,  ‘stu viento  friccicariello
 s’apposa  ‘int  ‘e  capilli tuoj
e  ‘na  ddora  ‘e giuventù  se smov'.

S’ì uocchje doce e vocca pure
 tu, s’i volo ‘e farfalle!...

… Che m’mporta se fore chiove
ma che fa’  se  ‘o  core è scuro
se me  puort’  ‘a  primmavera
co’ u'  surriso  ca’  faje tu.

… E  je ancora rid’ e guardann’t,
zittu- zittu dico pure, 

“Quant’è  bbella chesta vita
quanno me surrid’ tu!”….



... Quando tu sorridi
sembra svegliarsi il sole
a mezzanotte
e le stelle,
sul mare a specchiarsi,
son più belle…

Se poi c’è luna piena,
diventa rossa e si nasconde,
non potrebbe competere,
se ci sei tu….

Questo vento leggero, frizzante
gioca nei tuoi capelli
e tutto intorno
s’inonda della tua gioventù…

Tu, sei occhi dolci
così come la bocca…
tu, sei volo di farfalle.

… Non m’importa se fuori piove
che vuoi che sia
il mio cuore malinconico
se porti primavera
col sorriso che fai tu…

E sorrido ancora,
sorrido e ti guardo
e sussurro, sottovoce

“ Bella è la vita quando mi sorridi tu”….
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò  

Questo autore ha pubblicato 269 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questa canzone t’a vojo dedicare,

è ‘na canzone morto popolare

scritta pe me e pe te unici attori

che nun conoscono luci de li riflettori.

Ce metto puro a musica de sfonno,

‘na musichetta allegra, d’artro monno,

er monno nostro fatto de semplicità

c’abitavamo quarche tempo fa.

Però nun trovo parole da legà

a ‘sta musica che me fa ‘mbriacà.

Che vojo dì, che te vojo bene ?

Che ‘nsieme a te se sciorgono le pene ?

Che semo come ‘a pasta cor ragù ?

Che senza l’artro nun campamo più ?

L’hanno già dette ? come posso fà ?

Nun so banale, me devo rassegnà.

‘A faccio o stesso ma muta de parole,

lasso la musica pe parlatte ar core.

Resto in silenzio ed apro la mia bocca

pe datte ‘n bacio che l’anima te tocca.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

O mari, mari ca m’agghiuttisti

allu miu amuri nun ci pinsasti!

Chista è l’ura ca si susi

la niura ttrizza va sciugghiennu

mentri allu specciu si talia

già ci arriri lu mussiddu

pinsannu alli carizzi

ri quannu s’abbrazza a mia.

Iu lu sacciu chi va pinsannu

< quannu torna u me dilettu

ora ha fattu na simana

ca nun mi dormi n’ta lu lettu.

Cu sa? Se fici pisca bona

n’ta li acqui furasteri

chista vota mu prumisi

ca m'accatta la vistina.>

O mari, mari ca m’agghiuttisti

alla mia spusa nun ci pinsasti

cu ciò dici alla mia gioia

ca sugnu pani pi li pisci.

Ora u sentu, n’ta lu cori

lu risfiziu e lu duluri

di li tunni alla mattanza,

comu a iddi mi scannaru

e mancu fussi carni vasta

fora varca mi ittaru.

O mari, mari ca m’agghiuttisti

iu già quann’era picciriddu

ti tinia rinttra a lu cori

ora ca sugnu persu alli me cari

finu o iornu do signuri ,

n’ta lu funnu do to cori

cu dilettu ma sabbari.













1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ibla  

Questo autore ha pubblicato 167 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Paese ca te spiecchie dint'â ll'acqua. 
Te fliette dint'â natura supirchiosa. 
Te rimmire 'mbambulato ncopp'ô lago,
mustranne rame e ffoglie rigugliose.


'Nu forte addore d'aria 'mbalzammata,
mme fa scennere brivide p'ê rine. 
Se 'mprufumma d'ammore tutt''o cuorpo, 
mme pogne 'o naso pe n'addore 'e pino.

Casarelle janche 'ncoppa 'a vetta,
parene castelle 'e fate e fante.
'Nsilenzio s'aiza n'inno 'ncielo, 
saglienne và 'ncantanne angele e sante.

'Na nuvola spirciosa cu 'nu velo,
appanna appena appena 'na chiesiella. 
'Ntanto 'o parrucchiano 'ntona e sona, 
'o rramme 'e 'na vecchia campanella.

Vestuta 'e rose e ciure 'na figliola, 
regnennese 'e pagliuzze d'oro 'e ttrezze:
suspira penzanne a 'nnu muruso, 
ca passannele vicino ll'accarezza.

Ll'arrusto 'e cacciagione arrusulea, 
scrocchia ncopp'ô spiedo d'ê ppacchiane.
Se regnene 'e schiocche rosse 'e ffacce, 
mentre 'a luntano sonene 'e ccampane.

Ll'uocchie mje addeventene tupazie. 
Sotto 'o tetto 'na palomma è prena e sazia. 
So' sensazione ca 'nun vonno parole.
Mentre ce penso, comme me sbatte 'o core!

Traduzione
Paese di montagna

Paese che ti specchi nell'acqua,
ti fletti nella natura superba.
Ti rimiri imbambolato sul lago,
mostrando rami e foglie rigogliose.

Un forte odore di aria imbalsamata,
mi fa scendere brividi lungo la schiena.
Si profuma d'amore tutto il corpo,
mi punge il naso per un odore di pino.

Casette bianche sulla cima,
sembrano castelli di fate e fanti.
In silenzio si alza un inno in cielo,
salendo va ad incantare angeli e santi.

Una nuvola umida simile ad un un velo,
appanna appena appena una chiesetta.
Intanto un parrocchiano intona e suona,
il rame di una vecchia campanella.

Vestita di rose e fiori una fanciulla,
riempendo di pagliuzze d'oro le sue trecce,
sospira pensando al suo moroso,
che passandole vicino l'accarezza.

L'arrosto di cacciagione si rosola,
scrocchia sugli spiedi delle contadine.
Si riempiono di colore rosso i volti,
mentre da lontano suonano le campane.

Gli occhi miei diventano topazi,
sotto al tetto una colomba è gravida e sazia.
Sono sensazioni che non vogliono parole.
Mentre ci penso, quanto mi batte il cuore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 176 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Seduto sopra ‘n tronco chette trovo?

Vedo passà ‘no strano animaletto,

‘na specie de simpatico vermetto

che annava camminanno verso er covo,


un bucio lì vicino dentro a ‘n rovo;

come ‘na fisarmonica a soffietto

sur dietro se rizzava poi de getto

mannava innanzi er capo e … via de novo.


Sta natura! A guardalla è sempre festa:

si con carma l’osservi quer che vedi

è ‘na saggezza che ner core resta,


come quella creatura - chette credi! -

che prima d’annà avanti co la testa

voleva stà sicura su li piedi.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marco Magistri  

Questo autore ha pubblicato 10 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.