Vicino a 'n' lume sulle rive der fiume 
dorme er sor Giuliano un bon cristiano.    '

Chiede spicci e fà l'impicci 
je piàce de cantà e sonà
ma pe' dové magnà co' la chitara ce déve lavorà,
guai se lo provi a disturbà.

Dice che é 'n' Barone e che é partito
però pe' l'artri é solo 'n'povero disgraito,
oramai pe' la ggente é solo 'n'gran fetente!

A 'sti ziggnori vojo dì... 
co' la puzza sotto ar naso,
che de' giudicà nun é proprio er caso.

De' guardasse dentro casa è 'n'consijo
che a voi dev'ésse gradito.

Pure er mmejo borghese ben vistito
nun sarà mai er più pulito.

'Sto ziggnore dev'ésse padrone 
de cambià vita e nome
da Barone a Barbone
senza che nissuno lo intioli zozzone. 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Er Poeta Spicciolo  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nun so romano e ve lo vojo di,

nun so laziale e nun lo vojo fa,

so rispettoso dell’artrui cultura

parlo un romano da caricatura.

Perché me piace morto l’inflessione

c’avete in ogni vostra discussione,

rende l’idea ‘n vernacolo siffatto

forse pe questo me ne sento attratto.

Canzonatorio, ironico, ammiccante,

de qualità ne ha davvero tante!

A me che nun me piace scrive de fino,

a vorte me fa sentì ‘n po’ Pasquino,

e quanno a vanità ar core bussa

me piacerebbe d’esse come Trilussa.

Perciò, amichi miei, nun va prennete

si quarche stonatura ce trovate,

pe esse barbaro sono già evoluto

e nun posso che curà l’anacoluto !

Ho messo tutto nder ‘n granne calderone,

tra poco parlo romano come Cicerone.

Ma poi che serve solo de parlà

Si nun c’hai idee da manifestà !

Punitemi pe quello che non dico.

e nun perché nun parlo romano a menadito.

Pe quanto poi riguarda ortografia

giuro, me farò seguì da na mi zia,

e infine, pe la punteggiatura,

farò attenzione, ce metterò più cura.

Insomma torno a scola de italiano,

ma…nun ero io a volè parlà romano ?




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
È inutile,

ca m'astrigne,

sul pe' me tenè vicino.




È inutile,

ca m'stai a sentì,

sul pe t'assettà nzino.




Io pè te,

tanto io pè te,

io

manc' esisto.




È inutile

ca triemm,

quann't'accarezz.




È inutile

che m'tuocche

per vedè si sonc' overo.




Io pè te,

tanto io pè te,

io

manc esisto.




È inutile

ca m'asciutt'

e lacreme all'uocchie.




È inutile

ca m'pienz

quanne guard' n'ciel.




Io pè te,

tanto io pè te,

io

manc' esisto.




E dimane

sarrà eguale,

ma nun terrai chiù

niente a strignere,

nisciun a sentì,

nu motiv pè tremmà,

nisciun 'a cunsulà,

'a pensà.




Io pè me,

tanto io pè me,

io

manc' esisto.




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demonius  

Questo autore ha pubblicato 48 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Par na giostra,

tu me fai avutà a cap,

io ca sceng'

tu ca me puort' ncopp

n'ata vota

n'ata vota

e n'ata vota ancora.




Ncopp' a sta giostra

nun ce vulesse sagliere

ma nun saccio comm'è

avot e giro

giro sempre appriess a te.




Ormai m'a so pigliat

m'pacienz e Dio

nun me lamento

manco chiu

si me vir assettat nterr

me fai girà

si me vir ca giro

m'assitt' n'terra.




E uno tutto chest,

tutto chest'

che 'o fa a fa?

O fa sul pe sentì

ancora e ancora

a capa e girà.




E allora gira,

gira cu sta giostra,

io saglio e scengo,

fino a che nun sbatto n'terra.

Pecchè tu nun me pigli

o sacce ca nun me pigli,

si io sbatto n'terra,

tu continui a girà.




Par na giostra,

tu me fai avutà e palle,

mo nu saglio, so sciso

tu me vuò purtà ncopp

mo nu saglio, sto acciso

fattello sul tu stu giro

aggia deciso.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demonius  

Questo autore ha pubblicato 48 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E io ch'aggia fa,
ch'aggia fa
si a'final'
"chell"
nun eri tu?

E pensà che,
c'avevo creruto,
m'ero pensat'...
rint a chill'uocchie
m'ero spaisat'...nennè...

Chella vucchella,
e parole roci,
pezzerella pezzerella,
quand' m'abbracciast
quand'te abbraciaie
comm' tremmav' tu
tremmav' e m'astrigniv'.
Chiu fort.

E io ch'aggia fa.
ch'aggia fa
si nun si vuluta,
essere "Chella".
E mo si n'ata
e si pure e n'ato.

È cazz proprio,
pezzerè,
ca io non avev capito,
nun avevo capito
proprio niente
e chell'che si tu
e nun o'dicere
ca nun o sai
nemmeno tu.

E va', mo va',
e nun ce penzà
penza a parià,
penza a suffrì,
appriess a chi
nun te sap capì.

Io resto cca,
n'omm sulo,
n'omm perz',
n'omm ca va cercann
l'urdimo piezz
e nu cor sfrantummato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demonius  

Questo autore ha pubblicato 48 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Levame tutto e nun te cruccià.

Levame tutto e nun sta a guardà

s’anco quarcuno me vo da denuncià,

pe quer che vede, che nun è beltà !


M’hai già levato tante antre cose,

m’hai fatto fa le fini più pietose.

M’hai detto puro che ad essere sincera

manco m’amavi, nun era cosa vera !


Ora me resta solo de parlà

però hai detto che voi verificà

che se so donne dovrò solo abbozzà

che se so belle me devo da strozzà !


Nun so, co te, cosa devo fa

nun m’ami e devo sopportà

paletti fermi che metti e che rafforzi

vanificando tutti li miei sforzi.


Me piacerebbe, co ‘na ninna core a core

parlà de li segreti dell’ammore.

Io nun ce vedrei niente di male,

ma arrivi tu che sembri ‘n caporale.


Levame tutto ed avrò impressione

de fa la fine d’un nobile cappone

c’annò per essere tanto amato

e alla fine rimase scog…..


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
M'addupecheo,

m'addupecheo e t' penso,

penso ancora a quanno,

guardav' o munno,

cu na mano stretta

miez e cosce toie,

cosce lisce comm' a seta.




Te pens' amment rire,

cu chelli foss' 'nfacc,

te penso ca t' 'ncazz

e po' ca me rai 'nfacc.




Te pens' a vierno

cu chillu naso

semp' friddo

cu chilli cappiell e cazz

ca te mettiv

e me faciv piglià scuorno.




Te pens' a tavola

quann' allungav' a mano

pe' cercà a mia

e me guardav' rint all'uocchie.




Te penso luntana

te penso diversa

te penso ca speranza

ca t' puort' ancor'

tutt' chell' ca t'aggia dato

rint'o core.




M'addupecheo,

nun penso a niente chiu.

Traduzione:

Mi stendo un po',

mi stendo e ti penso,

penso ancora a quando,

guardavo il mondo,

con una mano stretta,

tra le cosce tue,

cosce lisce come seta.




Ti penso mentre ridi,

con quelle fosse in faccia,

ti penso che ti incazzi,

e poi che mi dai addosso.




Ti penso in inverno

con quel naso

sempre freddo

con quei cappelli strani

che indossavi

e mi facevi vergognare.




Ti penso a tavola

quando allungavi la mano

per cercar la mia

e mi guardavi negli occhi.




Ti penso lontana

ti penso diversa

ti penso con la speranza

che porti ancor

tutto quello che ti ho dato

nel tuo cuor.




Mi stendo un po'.

Non penso a niente più.



1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demonius  

Questo autore ha pubblicato 48 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E’ bello quando s’arza er ponentino

quer venticello discreto e birichino,

che nasce e, incosciente, va a planà

dove c’è solo bisogno de sognà.

Ma, a vorte, puro lui è sparagnino,

se spenge proprio quanno è a te vicino.

E’ inutile allora lusingà,

cambia la musica, ’nce sta niente da fa.

Ora però je faccio na preghiera

perché a necessità è proprio vera.

Parlasse ad Eolo e a le divinità,

de famme trovà donna…pe fatte lavorà.

Che se nun ce sta materia prima

nun ce sta nemmeno…er clima,

de fatte manco appena soffià,

er tuo sarebbe solo uno “spirà”.


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un rospo se ne stava, ’na matina,

appollaiato sopra ‘no scojo de ‘no stagno antico.

Pensava de cantà co ‘na vocina,

e non col gorgogliar di tono avito.

Puro provanno ancor e riprovanno

riusciva a riprodurre a malapena

un gracidar odioso con affanno

 all’intonar di simil cantilena.

Su di un rametto guardava un cardellino

li tentativi der rospo cantatore,

“Lassa perde” aggiunse er canterino,

“nun pe cantà t’ha fatto er Creatore.

Vedi, je disse, venendogli vicino,

ognuno è fatto pe quello che sa fare,

tu te ritrovi in questo acquitrino,

magna l’insetti e nun me imitare.

‘Nte crede d’essere un tenore

si ‘nchai la voce pe poter cantare,

magna l’insetti e fallo con fervore

fai quer che sai e più non scimmiottare.”

Ma er rospo sai che fece ? lo mangiò …

perché la voce sua potesse avere,

ma appena l’ucelletto trangugiò,

morì d’un ossicino nelle vie aeree.

E fu se stesso per la prima vorta,

un rospo repellente e ignavo

che pensanno de fare cosa accorta

cambiando voce fu di essa schiavo !


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Disse un bicchiere all'arto:

me devi ripagà

pe le testate d'ieri

co la scusa de festeggià.

Nun è corpa la mia

se tanta era allegria

de fasse na magnata

dal vino accompagnata.

Du panzerotti fritti,

du fave e pecorino

se devono assaggià

sinnò che ce sedemo a fà ?

dicevano l’ospiti

stupiti e quasi attoniti

che famo, ci astenemo ?

vogliam bicchiere pieno.

Cosa potevo fare

Se per ottemperare

Alla legge del cin cin

Io, servo del buon vin ?

Te davo ‘na capocciata

capisco, indesiderata,

credevo tu facessi

buon  viso per gli eccessi.

Er guaio sai che fu ?

guardando nel menu

non vidi a prima vista

lunghezza della lista.

Tre primi piatti

In ogni modo fatti.

Quattro  secondi  “solo”

per non avere scrupolo.

Contorni, frutta e dolce,

luppoli d’ogni specie

a completare il tutto

prima del grande rutto.

Come vorresti amico,

dolente e infastidito,

quanno che se magna, cor vin,

necessita un cin cin.

Nun sta a pensà  a noi artri

agli urti, e ai disastri.

pensa soltanto che

Il conto, nun lo devi pagà te
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
M’imbufalisco sol quanno che occore,

so carmo de natura, lascio core.

Me piace esse sempre soridente

nun famme trascinare dalla gente.



E che potranno dire su di me,

nun ho mai fatto male ad alcunché.

Solo du scherzi pe facce na risata

quattro battute pe passà a serata.



Ma c’è parola  che me fa dannare

che, dentro me, odio menzionare.

Mò ve la dico nun me frega un fico,

m’incavolo quanno me dicono “Simpatico”.



Si so le donne a dirlo vole dire

che nun so io a farmi preferire,

ma a guardare realtà dei fatti

pe me nun c’è sta proprio trippa pe gatti !



Si, ‘nvece, so li omini a dichiararlo,

me viene da sudà solo al pensarlo,

der lor giudizio costantemente temo

vor dire scemo, ma scemo scemo scemo !



Signori miei allora nun chiosate

odio aggettivo che m’addebitate,

dei miei natali qualcun mi è testimone

allora definitemi ‘n “testone”.



Che co le donne ho sempre mantenuto

un buon rapporto e sono benvoluto,

anche se malgrado è capitato

essere amato e molto bidonato.



Co l’omini so sempre forse stato

tutto d’un pezzo ma carmo e controllato.

Me so sempre fatto rispettare

Il lor sarcasmo volli anestetizzare.



Credetemi nun è più grave offesa

si te chiameno testone a distesa.

E poi sia quello che sia

me deveno da fa sta cortesia.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Quanno li pistoni tua

ne le cilindre faceveno su e giù

come er pisello de la gioventù

e cantaveno la sinfonia de li ggiri

sempre a lavorà come biechi crumiri

allora sì che si davi 'na capocciata

nun te doleva la guarnizzione de la testata

allora sì che si corevi gajardo pe' annà a 'na festa

nun te sforzavi pe' rischià li battiti in testa.

..................

So passati molti anni

e se semo fatti vecchi tutti e due...

motore mio bello.

 

Te te magni l'ojo minnerale pe' nun sta male

io me magno l'ojo de oliva pe' abbassà er colesterolo majale

Te tossisci la matina pe' nun partì

io c'ho la sigaretta elettronica pe' nun patì

Io soffro de bilaterale cateratta

te li fari opachi tieni e la vernice sciatta

 

Più vecchio te sei fatto

più te bevi l'acqua come'n matto

più rimbambito sto io a diventà

meno me aricordo che me devo areidratà...

Semo fatti strani noi due davero...

se comportamo in maniera opposta e differente

quanno vecchi diventamo

e nun ce ne frega più gnente....

 

Allora motore mio fedele e sincero

cor core distrutto ora triste te lascio

ormai er destino mio è de ricoveramme ar cimmitero

ma n'urtima vorta te vojo bacià prima de lo sfascio.

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: alsemer  

Questo autore ha pubblicato 22 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

M’hanno già detto che m’hanno cojonato,

io ho risposto che me so sbajato.

Nun ho pensato de nun poter cadere

ne’ trappole con sì sottil candore.

 

Ne ho tesi in vita mia de sti tranelli

quanno che io trovai du occhi belli !

Carpii di tante donne la fiducia

or che lo fanno a me, oh si che brucia.

 

Però io nun riesco a rassegnamme

e penso ognor a come vendicamme.

Nun me va giù, nun sono più abituato

a prenne le donne…da quell’artro lato !

 

Sono ferito, deluso ed ingannato.

Nun voglio che ad antri ciò sia destinato.

Diceva ‘n mio amico vecchio, vecchio assai

che co l’amore nun se scherza mai !

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Si m’hai lassato che ce posso fare,

me magnerò un poco de sapone

pe fa le bolle e pe nun parlare

de la stranezza della situazione.

Che poi, a ben vedere, c’hai ragione,

riuscivo solo a fatte annoiare,

parlavo tanto dell’ammirazione

c’avea de te, pe fatte tanto amare !

Nun ho preteso gnente de speciale,

amavo tanto con te dialogare,

du o tre battute in tono amicale

sol per cercare di impressionare.

Eri granne, eri magistrale,

nun me pensavo  che forse pe natura,

nun afferrassi er senso assai banale

d’una battuta, antica addirittura.

E là sbajai de novo a giudicatte

Credetti solo che mi riprendessi,

invece le soluzioni tue più adatte

furono che de te me dimenticassi.

Sei tanto intelligente, o donna mia.

Pe questa soluzione sono grato,

dimenticatte nun è una follia.

Er tuo nome…già lo ho obliato.

Questo vor di che in tutta vita mia

d’intelligenza mai mi fiderò,

a meno ch’essa nun sia

la mia…co e donne proprio nun ce stò. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Me so sbajato.
C’avevo er foco agli occhi e ho creduto
fossi l’amore che avea sognato
quel che nun avevo mai posseduto.
 
Me so sbajato.
Io me specchiavo in quegli occhi veri
In essi me sono beato
‘nsapevo gnente nun fossero sinceri.
 
Me so sbajato.
Nun me dicevi d’amamme,
e te ne sono grato,
nun volevi de fatto ingannamme.
 
Me so sbajato.
Tu me mettesti subito er guinzaglio,
visto che ormai ero bello che annato,
ero rimasto ormai senza orgojo.
 
Me so sbajato.
Poi te mostrasti comm’ eri fatta,
e ne rimasi quasi inebetito,
su ogni frase eri circospetta.
 
Me so sbajato.
Se puro pe disgrazia te scherzavo,
co le frasi di amor alato,
in un affronto mi barcamenavo.
 
Me so sbajato.
Io te lo dissi che avevo gigionato,
che per amor ti avevo dileggiato,
tu me mannasti a morì ammazzato !
 
Me so sbajato…
Ma non sbajerò mai più
si nun sarò giammai considerato,

nun ricadrò in tale servitù.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Bronson  

Questo autore ha pubblicato 295 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.