Seu torrende terra mia

No poto abarrare

chena tie

ti portu in su coru

notti e die.

Mama no pranghere po mie

a ti domandai perdonu .

seu torrende.

O bella terra mia

t'apu lassau

in circa de traballu e trastullu

attesu meda meda seu andau

tristu e solu chentza unu soddu.

Mi seu agattau

fridu e asullu

in d'una terra chi no fiat sa mia.

Mi depis perdonai mama mia

seu torrendi in sa terra mia.

Ollu imprassai su soli

chentza agonia

in su mari asullu ollu nadai

in sa murta frisca arrumbullai

po non depi timi prusu s'umbra mia

seu torrende a tie

amàda terra mia.

T'apu lassau s'anima e su coru

preparàmì su lettu e sa ninnia

at'essi viaggiu longu po arribbai a tie.

A s'obrescidroxu ap'arribbai

su entu estu s'ada calmai,

no siasta addolorida mama mia

seu torrende a prexiu in terra mia,

m'aspettu festa manna e alligrìa,

seu torrende a prexiu in terra mia.

Genoveffa Frauopere©2017

Sto tornando terra mia

Non posso stare

senza te

ti serbo nel cuore

notte e giorno.

Mamma non piangere per me

a chiederti perdono

sto tornando.

O bella terra mia

ti ho lasciata

per cercare lavoro e divertimento

lontano, molto molto sono andato

triste solo e senza un soldo.

Mi sono ritrovato

freddo e viola

in una terra che non era mia.

Mi devi perdonare mamma mia

sto tornando nella terra mia.

Voglio abbracciare il sole

senza agonia

nel mare azzurro voglio nuotare

nel mirto fresco rotolare

per non temere più l'ombra mia

sto tornando a te amata terra mia.

Ti ho lasciato l'anima e il mio cuore,

preparami il letto e la ninna nanna,

sarà un lungo viaggio per tornare da te.

All'alba dovrei arrivare

il maestrale si dovrebbe calmare,

non essere addolorata mamma mia

sto tornando felice nella terra mia,

mi aspetto una grande festa e tanta allegria

sto tornando felice nella terra mia.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-07-2021

Questo autore ha pubblicato 348 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Anninnia, anninnia
Su pipiu de Casteddu,
Bellu frorisceddu,
Sesi un’angiuleddu
Fillu meu pitticcheddu!
Ti portu in su coru,
Ti cantu una canzonedda,
Po di Dromiri.
Tui iasti abolli
Andai a passillai,
A biri is froriscedusu,
Amighisceddus tusu,
Ma funti in cumpangia
De su Frori Gesusu.
Dusu asi a biri
Crasi a mengianu,
Immoi dromidì
Fillu de su coru meu.
Sesi andendi incontru
A su scelu in terra.
Paradisu de sa vida mea!
Anninnia, Anninnia!

Traduzione del testo
Ninna nanna, ninna nanna;
il bambino di Cagliari,
un bel fiorellino,
sei un angioletto,
mio piccolo figlioletto!
Ti serbo nel cuore,
ti canto una canzoncina
per farti addormentare.
Tu vorresti andare
a passeggio,
per vedere i fiorellini
I tuoi amichetti,
essi sono in compagnia
del Fiore Gesù,
li vedrai domani mattina,
adesso dormi,
figlio del mio cuore.
Stai andando incontro
al Cielo in Terra;
Paradiso della Vita mia!
Ninna nanna, ninna nanna!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonietta Angela Bianco BGrZv*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 25-07-2021

Questo autore ha pubblicato 49 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ll’uocchie tuoje comme ‘o mare
fann sbattere stu core mije
cchiù forte ‘e ll’onne.

St’uocchie ca tiene
lucente ccchiù de stelle
só’ comm’a duje suspire…
ogne suspire coce,
ma cu nu ffuoco doce.

Sta voce, ‘a mije,
t’ha fatte ‘mbriacà
e mmiezo a st’aria mbarzamata
pure ‘a luna amme fatte annammurà.

Stienne sti bbracce,
nun riesce a aspettà
me vuò' sempe abbraccià...
me vuò sempe vasà.

Je senz ‘e te
tu senz ‘e me
nun putimme sta’
e core a core,
facimmo 'ammore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 260 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pe me si’ na passione
cchiù forte ‘e na catena
ca nun se spezza maje.

Suspiro mio carnale
te cerco comm’a l’aria
t’astregno forte ‘mbraccio a me.

Luntane staje
ma nu penziero mme cunzola,
ca tu pienze a me sola.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 260 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ê vvote mme veneno mmente viecchie ricorde,
'e quanno me magnavo 'o munno a mmuorze.
'E quanno 'a vita 'e tutte 'e juorne ll'affruntavo,
cu ffatica, cu ttant'affanno e ttanta sfuorze.
Però ogni ccosa 'a pigliavo alleramente:
currevo annante e arreto, comm'ô viento.
E mmo stongo ccà a mm'allicurdà...
'e fatte e ccose, succiesse tantu tiempo fa.
'A nunnarella mia purtava 'e capille,
attaccate 'a rret'â capa cu 'e ffurcine.
Capille janche comm'a sscelle 'e palomma,
'a stagiona teneva ddoje cerase pe rricchine.
Nu scialle ncopp'ê sspalle fatto a mmano
cu qquacche rremasuglio 'e lana vecchia.
Na curnicia cu ddinto nu vetro consummato,
ca essa spisso ausava comme specchio.
'A 'int'a 'o mantesino sempe appuntato,
spuntava spisso nu pezzullo 'e ciucculata...
e si quacche nnepote se ll'ammeretava,
essa diceva: "tie', è ppe tte, hê fatto 'a bbrava!"
Ancora m'allicordo chelli bbelli mmane:
mane faticatore, nervose e cchiene 'e calle.
Quanno pe mme vasà nfaccia s'acalava
e sse ncurvava tutta quanta dint'ê sspalle.
Quanno po' mme faceva na carezza,
chelli mmane parevano carta vetrata.
Allora mme devono fastidio, ma mo no:
comme vulesso essere ancora accarizzata!
N'aggio sentuto 'e friddo e ancora tremmo:
penzo a cchella casa fredda estate e vvierno!
Però comme mme piacesse e nce turnà:
nce rrummanesse a mmo nfino a ll'eterno.
Eva chiena 'e macchie nfacci'a 'e mure:
macchie nere e grigie per ll'ummidità.
Ogni mmacchia cuntava nu poco 'e storia:
llà pure 'e mmure putevano parlà!
Accussì s'aspettava ca scenneva 'a sera,
quanno a nonna appicciava 'o vraciere.
Gruosse e nnennille attuorno ô ffuoco:
'e bbrutte penziere se scurdavano nu poco.
Pe nnuje ninne peccerille eva nu juoco:
quanta cose se vedevano 'int'ô ffuoco!
Chi vedeva nu sciore, chi ll'aquilone,
chi na casa 'e spirite, chi nu dragone.
Quanno s'appicciavano 'e ramuscelle,
chelli sscintille a mme me parevano stelle.
Nu cunto d' 'a nonna, na vecchia canzona:
quanta bbelli culure teneno ll'emozione!
Tenevamo 'o nasillo russo agghiacciato
e ddete d' 'e piede e d' 'e mmane cu 'e ggelune.
Maglie vecchie e ccazune arrepezzate,
purtuse vicino ê ccazette e ccazettune.
Si ce penzo, quantu tiempo ca è ppassato,
ma da allora 'o calore 'e chillu vraciere,
che vvulite a me...nu' ll'aggio cchiù ppruvato.

Traduzione

Il braciere

A volte mi vengono in mente vecchi ricordi,
di quando prendevo il mondo a morsi.
Di quando la vita di tutti i giorni l'affrontavo,
con fatica, con affanno e tanti sforzi.
Però, prendevo ogni cosa allegramente:
correvo avanti e indietro come il vento.
Ed ora sono qui a ricordare...
di fatti e cose, accaduti tanto tempo fa.
La nonnina mia portava i capelli,
legati dietro alla nuca con le forcine.
Capelli bianchi come le ali delle colombe,
d'estate portava due ciliegie come orecchini.
Uno scialle sulle spalle fatto a mano,
con qualche avanzo di lana vecchia.
Una cornice con dentro un vetro consumato,
che ella adoperava spesso come specchio.
Dal grembiule che portava sempre addosso,
sbucava spesso un pezzettino di cioccolato
e se qualche nipote lo meritava,
lei diceva: "tieni, è per te, sei stata brava!"
Ancora ricordo quelle mani belle:
mani lavoratrici, nervose e piene di calli.
Quando per baciarmi il viso si abbassava
e si incurvava tutta nelle spalle.
Quando poi mi faceva una carezza,
quelle mani sembravano di carta vetrata.
Allora mi davano fastidio, ma ora no:
come vorrei essere ancora accarezzata!
Ne he sentito di freddo e ancora tremo:
penso a quella casa fredda estate e inverno!
Però quanto mi piacerebbe ritornarci:
ci rimarrei da ora fino all'eternità.
Era piena di macchie vicino al muro:
macchie nere e grigie per l'umidità.
Ogni macchia raccontava un po' di storia:
lì anche i muri potevano parlare!
Così si aspettava che scendesse la sera,
quando la nonna accendeva il braciere.
Grandi e piccoli attorno al fuoco:
i brutti pensieri si dimenticavano per un poco.
Per noi piccoli bambini era un gioco:
quante cose si vedevano nel fuoco!
Chi vedeva un fiore, chi l'aquilone,
chi una casa di spiriti, chi un dragone.
Quando s'accendevano i ramoscelli,
quelle scintille a me parevano stelle.
Un racconto di nonna, una vecchia canzone:
quanti bei colori hanno le emozioni!
Avevamo il nasino rosso ghiacciato
le dita di piedi e mani con i geloni.
Maglie vecchie e pantaloni rattoppati,
buchi vicino alle calze e ai calzettoni.
Se ci penso...quanto tempo è ppassato!
Però da allora il calore di quel braciere,
che volete da me...io non l'ho più provato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 177 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ddoje voce cantàveno ‘a stessa canzone
‘na canzone doce doce ppe ll’anema
ca strignev ddoje core annamurate.

Ddoje ore e ll’ammore è scuppiate
comme ‘a nu lamp miez ‘o cielo
comme ‘o ffuoco all’ intrasatta.

Po’ … chella fotografije…
ll’uocchje tuje m’anno ‘ncantate
dint’ c’aggio viste ‘o mare,
‘a vocca rossa comm’ ‘a nu granato
e ‘o core mije s’è ‘mbriacato.

Stu sciore delicato,
stu sciore appassionato
cchiù nisciuno l’a pigliato
tu sul te l ‘ ‘e saputo arrubà.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 260 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ninna nanna nenna mia,
libbera nsuonno 'a ffantasia
Duorme duorme peccerella,
'int'ê vvracce 'e mammarella.
'St'uocchie ca tiene nzerrate,

int'ô scuro de 'a nuttata,
quanno ll'arrape â mmatina,
so ppiezze 'e cielo celestine.
Ninna nanna, ninna nonna,
sonna tanta bbelli suonne.

A 'e lupe statte accorta,
tiene bbona nzerrata 'a porta.
Si te vieste 'a pecurella,
te vene stracciata 'a pelle.
Ninna nanna ninnarella,

duorme 'into â cunnulella.
Cu 'sti mmane pezzerelle,
chello ca vide vuò afferrà.
Nun desiderà ogni ccosa,
tutto nun se po' ppiglià.

Vide addó miette 'e mmane,
te può ppognere 'e ddetelle.
Mmiez'ê mmore truove 'e spine,
nenna mia...ricuordatello.
Nun te mettere sott'ê luce,

statt'accorta ca t'abbruce.
Nun t'accustà troppo 'a miccia,
ca cu 'o ffuoco po' t'appicce.
Ninna nanna rusellina,
nenna bbella e ffarfallina.

Arrepuose vocca 'e rosa,
mpaurita sì, ma curaggiosa.
Nun dà sempe e ssulo vasille,
mparate a ddà pure 'e murzille.
'A vita nun sempe è llieta...

vide addó miette 'e piede.
Quanno grossa tu sarraje,
e na nennella astrignarraje...
appen'a notte 'o scuro spanne
...tu cantale 'sta ninna nanna.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 177 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
O’ssaje ca nun te scorde,
tu si na voce, nu core
l u n t a n o,
m'astrigne sta mane,
a mia stregne a toia.
Quanno a luna s'affaccia,
se sbroglia do velo,
v e c o
l’ombra toia sulamente.
Duorme stanotte, sonnete
a me e si te chiamme
nun risponnere, continua
a durmì.
Sonne st’ammore, st’ammore
l u n t a n o
ca o’ core vo bene
ancora cchiù assaie.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giuseppe Buro  

Questo autore ha pubblicato 64 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Schizzichea, niro s’è fatto ‘o cielo

e ‘sta campana, ca luntano sona

‘o core mje fa scuro. ‘A vita

è ‘o tiempo e ‘na stagiòna,

passa ambressa. E’ sciore

ca schioppa a primmavera

è ll’estate quanno tjen’

‘e man' chjene ‘e giuventù. Po'

accummincia a chiovere e

mesta se fa ll’aria e ll’anima toja.

E, se saje ca vierno tuoje

s’avvicina, ‘nu penziero scuro

sfarfallea 
pe’ dinto ‘a capa.

Ma songo sulo nuvole,

‘ncoppo a ‘stu cielo.

Schizzichea ancora,

ma je saccio ca tra poco

accumminciarà

a chiovere a zeffunno

int’all’anima mja…



Pioviggina, nero è il cielo

e questa campana cupa

che suona lontano

mi fa triste il cuore.

La vita è una stagione, passa

troppo presto. E’ fiore

che sboccia a primavera

è estate quando le mani hai

piene di gioventù.

Poi, comincia a piovere e

mesta si fa l’aria e l’anima

e, se sai che anche

il tuo inverno s’avvicina

un pensiero triste comincia

a farsi strada. Ma, sono solo

nuvole, ora, in questo cielo.

Pioviggina, ma io so che

tra un po’, pioverà

a scroscio, nell’anima mia.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò  

Questo autore ha pubblicato 269 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le comiche
*
Ier’sera so’ annato a l’osteria

pe’ beve un goccio, e  pe’ smorza’ la sete.

Lì er vino nun lo danno a porta’ via

così so’ entrato e me so’ messo a sede’.

*

Siccome er cammeriere nun veniva,

pure si me sentivo così stanco,

ho capito che lì me conveniva

d’arzamme in piede e d’anna’ a beve ar banco

*

e dissi a l’oste: -Si nun bevo casco,

tengo tutta la lingua appiccicata.

A sor Ora’, passateme quer fiasco

che me lo scolo tutto ‘na tirata.-

*

E me lo so’ bevuto per davero

co’ ‘na tirata. Doppo chiesi a Orazio:

-Dammene un artro litro ar vetro, e spero

doppo de quello de sentimme sazzio.-

*

Ma sazzio nun ce fui manco pe’ gnente.

E chiesi: -Un artro mezzo litro!-  Allora

la sete era passata veramente.

Ma er sor Orazzio me rispose: -Ancora?

*

-Ma scusa Ora’,  a te che te ne frega

si vojo beve, che nun te lo pago?

Poi che ce fai te drento ‘sta bottega,

ce venni er vino o ce tiri lo spago?-

*

-Io te ne posso da’ quanto ne vòi

che ciai raggione, io sto qua pe’ venne’.

Tiè, bevi. Si te senti male poi

vedrai ch’abbasserai tutte le penne.-

*

Ma siccome nun ce pagavo er dazzio                               

e quer vinello era bòno assai,

je dissi: -Un artro quarto a sor Orazio,

bòno così nun l’ho bevuto mai!

*

Finito er quarto: -Famme un po’ er piacere,

-tanto pe’ fa’ completa la misura-

de famme beve un urtimo bicchiere

armeno spegno ‘st’artra po’ d’arsura.-

*

Ma, er bicchiere l’avevo ancora in mano

quanno la vista me se fece nera.

Piegai le cianche e allora piano piano

co’ un botto so’ cascato giù per tera.

*

A riarzamme su, so’ stati in troppi.

Così me dissi: è mejo beve a fiaschi!

Lo vedi ? Meno bevi e più te intoppi;

come te fai un bicchiere imbriaco caschi !

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Un sentimento che avvelena er còre

co’  ‘n  veleno che è dorce come er miele.

Ma spesso è amaro, amaro come er fiele

è ‘n sentimento che se chiama “amore”.

*

Quello che te stravorge l’esistenza

e che te manna fòra co’ l’accuso

acchiappa tutti e, nessuno è escluso

che de l’amore nun se po’ fa’ senza.

*

A vorte t’ariduce a mar partito

te pija a l’improviso, a tradimento

e te fa’ perde er sonno e er sentimento

poi te lassa mezzo rincojonito.

*

E nun c’è cura pe’ guari’ ‘sto male

anzi, ce n’è una sola de sicuro:

de vede’ rosa ar posto de lo scuro

allora tutto sembrerà normale.

*

Te fa vola’ sopra ‘na nuvoletta

te fa’ senti’ leggero, come er vento;

pe’ er còre tuo è l’unico alimento     

e de ariscenne giù poco t’alletta.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

(omaggio a Esopo)

*

Una formica che s’arampicava

su ‘n arbero pe’ mugne li pitocchi

sentenno ‘na cecala che cantava

gegè gegè gegè, strbuzzò l’occhi

e je disse: -Pensieri ce n’hai tanti…

vorei sape’ si pe’ che cacchio canti.

*

Ma nun te l’ha insegnato er padreterno

che ‘sta vitaccia è fatta de lavoro

e che devi pensa’ pure a ‘st’inverno;

che hai d’ammucchia’ riserve pe’ er ristoro

de quanno nun se trova più la sbobba?-

-Lavora tu, che te verà la gobba.

*

Mentre che tu lavori io intanto

me ne stò qua sull’arbero agguattata,

ringrazio dio che nun m’ha dato er pianto

e me diverto a fa’ ‘sta serenata

e che ogni tanto posso spicca’ er volo

pe’ anna’ su un artro ramo a fa’ un assolo.

*

Fatica tu che già ce sei tajata.

Mentre che tu t’ammazzi de fatica

preferisco sta’ ar sole qua sbracata

mentre che tu, mia povera formica

p’arimeddiatte er pranzo co’ la cena

t’ammazzi de fatica. Me fai pena!-

*

Ma la formica nun sapeva mica

che la cecala cià la vita corta.

Fece finta de gnente la formica

continuanno a riempi’ la sporta.

E infonno la morale, che ce dice?

Mejo campa’ de meno ma… felice!

***                                            

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Co’ lo zufolo in bocca ‘n pastorello
guardava er cèlo. Mentre zufolava
co’ l’occhi assorti ner segui’ ‘n ucello                          
arcune vacche ar prato pascolava.

*                       

Ma er Padreterno -je scappò pensato-
che ha fatto tutto giusto, però in fonno
su quarche cosa penso, avrà sbajato
quanno ha creato tutto quanto er monno

*

Pensò a l’ucello fermo su ‘n aratro
e a quanto spazio cià a disposizione:
j’abbasterebbe mezzo metro quadro
pe’ facce pranzo, cena e colazione!

*

E invece lui co’ l’ali pò vola’
così dovunque appizzaa lui ce magna
padrone  de lo spazio lui può anna’
dar colle ar piano o giù pe’ la campagna.

*

La vacca, co’ la ciccia che ha addosso
e de l’ucello magna assai deppiù 
bruca quella poch’erba attorno a ‘n fosso
o tutto ar più, pò anna’ poco più giù.

*

Te pare giusto questo? Io direi:
‘sta vacca che se sta a magna’ ‘sto prato
sarebbe giusto che volasse lei…
Er Padreterno è stato propio ingrato!

*

Pensava a questo già da un paro d’ore
ma senza de l’uccello ave’ sospetto,
che invece volò basso sur pastore
e j’ ammollò indé ‘n occhio un regaletto.
*
Subbito je venì ’n idea bislacca:
E se a vola’ ner cielo der Creato
ce fosse stata ar posto suo la vacca? 
sarebbe robba de mori’ affogato.

*

Pure 'sta vorta è stato dimostrato
che se deve anna’ piano cor pensiero

Lo pensi bianco ma vie’ fòri nero

quanno te metti a critica’ er creato.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

-Nonnetta bella,
ricconteme ‘na bella favoletta.-
-Quella der gnomo e de la fravoletta?-
-No, quella la so!
Ma intanto che me magno ‘sta ciammella
te potressi però
contanne un artra nòva.-

-Un artra, propio nòva, e che ce vo’?
Aspetta un po’ un momento
che nonna fa la prova,
adesso me la invento!

C’era ‘na vorta un chicco d’uva nera,
contento de sta’ ar monno.
Però ciaveva tanta nostargia
de anna’ a trova’ su’ nonno.
E così lui na sera,
armato de l’ardore giovanile,
prese giacca e fucile
e se ne annò fischianno pe’ li campi.

Ma, nemmanco arivato ar crocevia,
-Dio ce scampi-
incontrò un vecchi amico
che stava appeso a un arbero de fico.
Er quale, ner vedello passa’ sotto,
je disse: -Fermo lì, dimme indo’ vai!-

Allora er chicco d’uva, capirai,
arzò l’occhi de botto.
E lì, ner chiaroscuro de la notte
nun riconobbe l’amico suo de scòla
e je rispose: -Vado indo’ me pare!-
Ma er fico j’arispose: -E’ ‘na parola!
Qua è tutta robba mia caro compare.
E su ‘sta propietà
nisuno ha da passa’
sinnò mo scenno e te do un po’ de botte.

Ma ne la notte carma
er chicco puntò l’arma
e, punfete, ‘na botta che sconquassa.
E così: er fico... secco e l’uva... passa!
E io te ciò infarcita la ciammella
che hai preso adesso drento la scodella.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Me dispiace fanciulli mia diletti

questo è un Natale da dimentica’

vorei avecce li sòrdi pe' crompa’

come l’anni passati i regaletti.

*

perché quest’anno è annata così male

che pe’ magna’ me so’ dovuto venne’

la slitta vòta assieme co’ le renne

e ‘n c’è gnente da fa’ pe ‘sto Natale

*

perciò ve dico: da quest’anno in poi

-siccome ch’er  governo scellerato

come tant’artra   gente m’ha sporpato-

li regali me li mannate voi

*
bambini ricchi. Io vorei portalli
a quei bambini che nun cianno gnente

ma fate presto che la cosa è urgente
nun ciò regali e gnente pe sfamalli.

*
Io me vergogno a chiedeli a li preti.

Dato che ‘sto Natale è annato fiacco

se me date ‘na mano a riempi’ er sacco

pe’ portalli a chi soffre ce andro’ a piedi.

***

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.