Poche misere parole
bastano a scatenare
la tua supponenza,
l’ira violenta, rimbomba
incontrollata nell’eco:
“Non alzare la cresta”.

Ti sei divertito a dipanare
la mia mente, e ora
le tue fauci affilate
a dilaniar le mie membra
inesorabilmente stanche,
preda incontrastata
nel mio silenzio, sono pronta.

Sono pronta come seme d’esile fiore
a esser spazzata via
dal tuo vento,
eppure sento di tenerti testa
in quest’ultimo barlume
di lucidità che mi resta.

Germoglio tra le zolle
d’un campo di grano.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 87 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Oggi che sto portando

uno più di ieri

il fardello degli anni

mi sovviene il pensiero

di quanto la vita

possa essere leggera

più di una piuma

che si libra nell’aria

e molto di più dell’anima

che dicono pesi 21 grammi.

Più delle parole

e delle cose astratte

che non hanno un senso

se non vengono pronunciate.

Altrimenti restano sospese

ad un filo leggero

nel baratro del niente

legato alla speranza

che in questo gioco della vita

quello che conta

perché ha una fine

rimane solo l’esistenza.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 71 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come Pierrot sulla luna
altalenante mi siedo
tra molti perché e tanti però.

Perché tanta ipocrisia
dopo giorni in cui ti ho dato
tempo e armonia?
Perché pensieri omessi
dopo attimi in cui hai avuto
complete sincerità e ilarità?
Perché mezze verità
dopo momenti in cui ti ho dato
solo vero rispetto e pura onestà?

Falsità, bugie, tradimenti tuoi
a dispetto di lealtà, veridicità, amore miei.

Ti sei vestito di integrità
essendo in realtà portatore di corruzione.
Discepolo di franchezza
sei all’occorrenza abile opportunista.
Assecondi appena puoi
e come buon oratore plagi con maestria
per ottenere i tuoi servigi.
Persegui i tuoi obiettivi con determinazione
lasciando alle tue spalle come nulla fosse
una scia di indignazione in me
che tuttavia son sempre pronta a porgerti la mano.

Ah bell’oratore
ancora però t’appartiene
tutto il mio essere e il mio amore.

Quanto dolore, quanta delusione
a discapito di cotanta passione
da te elargita e poi tradita.
Però quanto ardore ancora
nutro in seno per te
che ti sei cibato di anima e carne mie.

Io, Pierrot altalenante, alla luna
che tanto insieme decantammo
chiedo perdono per averle parlato
d’un sogno realizzato poi sbranato da te,
avvoltoio travestito da aquila reale.
Come serpente adesso strisci via
evitando confronti pur solo in amicizia
scomodi per te che ti rintani
come ladro di virtù e beltà.

Rabbia, odio, disprezzo
potrei provarli in piena giustificazione
se non avessi in me intensi sentimenti
ancor per te che non lasciano spazio
a tali negatività e brutture.
Ho dato io opportunità alla mente
di rispondere al cuore…
mente fredda contro cuore pulsante
e l’anima è in subbuglio…
non può aver amato e amare
un essere che muta col mutare del tempo;
mi rifiuto il sol pensare che tu sia
rivelatore di funambolismo.

Allora aspetto, sì aspetto ancora…
aspetto e spero di ricevere da te
quel vero di cui ti vanti di nutrirti,
quel vero che ti faceva grande agli occhi miei
abbagliati dalla tua schiettezza.
Attendo però che sia tu a rispondere
ai miei tanti perché armandoti anche solo una volta
di sincera spontaneità nella piena libertà d’essere
colui che non delude, colui che è paladino
di candore autentico privo di camuffamenti,
spogliato d’ogni mascheramento.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Un foglio bianco
da scarabocchiare,
la penna tra le dita
e la china che
scorre velocemente
per non perdere
alcuna nota
dell'anima mia,
che oggi ha voglia
di parlare a te.

Colori sbiaditi
tra le rughe dei pensieri
che libere, volteggiano
malinconici.

Parole folli
talvolta nascoste tra le righe,
per non cadere nel pregiudizio
dell'ipocrisia del mio tempo...

Chi sono dunque?

Una nota stonata
urlata da un fanciullo
che libera il suo canto,
con le cuffie dell'anima,
che detta libera il suo andare
tra i silenzi della solitudine.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Leonardo Ancona*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 01-06-2020

Questo autore ha pubblicato 64 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Spesso ti vedo

tra iridi di lontani pensieri

adagiato tra forza e fragilità.

Appartieni ad altra vita

altri amori e tempi andati.

Ed è nei righi delle notti bianche

che ti ritrovo

col cipiglio o il sorriso di chi sa

che non esiste tempo o luogo

in cui ti possa celare

che io non riesca a ritrovare.

Nonostante ciò mi manchi,

negli anni il dolore si fa lieve

colmando il vuoto nel ricordo

mentre il cuore stanco

come un pugno chiuso

s'apre lento nella quiete

del tuo evanescente sorriso.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau  

Questo autore ha pubblicato 146 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Misteriosa
e sfuggente, 
illumina paesaggi
ed anime, 
quando insonni,
la cercano. 

Appoggiarsi
alla luna quando 
la solitudine diventa
un fardello, 
quando vorresti
che sogni diventassero
realtà.

Come quella canzone 
pensi alla notte che
non passa mai...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Grazia Savonelli*   Sostenitrice del Club Poetico dal 08-02-2021

Questo autore ha pubblicato 241 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Oh mondo
osserva le mie lune storte,
guarda le oscurità che invadono il mio spirito,
nota il fuoco rabbioso che emana il cuor mio
celando l’atroce sofferenza che mi stritola l’anima.

Ascolta le urla strazianti dei miei pensieri,
senti le grida laceranti delle mie labbra mute,
scruta nei miei sorrisi lacrime nascoste,
rintraccia nella mia mente felici ricordi di ciò che fu.

E odiami

Vedendo la mia assordante quiete
udendo la mia gioiosa tristezza
chiaro sarà il motivo della mia richiesta
d’odio e non d’amore,
di disprezzo e non rispetto.

Quindi odiami
cosicché ogni ferita subita
avrà ragion d’essere,
ogni calunnia patita
avrà la sua logica
ogni mio perché
avrà la sua risposta.

Odiami mondo
e forse ogni macigno
diventerà piuma
ogni spina diverrà petalo
ogni chiodo si tramuterà in foglia
l’odio si trasformerà
in pace…tetra…
ma pur sempre pace.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Piove sui pioppi
che oscillano argentei.

Piove sugli agrifogli
della verde pineta.

Foglie pungenti...

piove sui volti
che la vita ha deluso.

Si mimetizzano le lacrime...

tutto pulisce
e porta via la pioggia.

Rimane il dolore.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Saverio Giovanni Ferrara  

Questo autore ha pubblicato 78 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Si dice che le prigioni
dell'umano giudizio
siano un'utile pena
un opportuno confrontarsi
nello specchio tagliente
delle proprie azioni
un sussurro insistente
che fa eco ad un dipinto
condiviso nella misura
di essere stati ribelli
o più spesso inadeguati
e deboli nell'intendere
le catene di reazioni
che più cerchi di spezzare
più si temprano rabbiose
sotto colpi di parole
e sospetti sottintesi
nel sentirsi accerchiati
e sbagliati nell'intimo
fino ad arrancare verso
una luce qualsiasi
senza sapere più
se orienta alla salvezza,
alla completa rovina
o solo alla mera illusione
di poterla raggiungere
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Manuele*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 31-12-2020

Questo autore ha pubblicato 58 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Di quanta vita avrei voluto vivere.
Di quanto giovane tempo
mi sarei potuta vestire,
e quanto amore e sogno
avrei potuto godere.
Non resta che il lieve
Immaginato profumo,
e questo stanco sorriso
che inconsapevolmente
mi incornicia il viso.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 113 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Maculati duri pensieri
smarriti tra le note dei sospiri
occultati dal cuore alla mente.
Sorgono vigili alle viscere
che s’aggrovigliano al digiunar
dei morsi famelici
in fulmini e saette
squarciano in due
a scaricare nel mio mare in tempesta.

Onde di vite asfissiate;
m’arresto, dinanzi
all’orrore di tale crudeltà.

Sono le tenebre
diseppellite dal mondo
che riemergono per degustare
il sangue di innocenti.
D’aurora nera
s’imbratta
l’umanità indifferente,
l’untore
a ripeterne la storia.

Inerme al mio vedere,
si piega dannatamente l’anima mia
a queste verità irrisolte.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 87 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nella mia casa
si è incastrato un battito di poesia prodiga di cielo.

La notte gli è materna con un pizzo di stelle sul tetto e
l’alba come sorella le agghinda di speranza le pareti.

La mia casa
ha il garbo dei fiori da qualche parte e il pane fresco sulla tavola
con tre etti di profumo quotidiano
due sedie di un tempo lontano
cariche di memoria .

Indisturbata si spolvera l’argento tra i capelli
e ha mani grandi di latte caldo e miele.

La conosco e riconosco
ogni angolo
ogni piastrella
ogni fuga
ogni rumore .

-Sappi che ci sono !
Così pare di sentire un’interno nascosto.

E trovo pace
quando chiudo la porta
accendo la luce
uno squarcio di bellezza
hanno le mura
arrendevole una tonalità brillante ai vetri
con le nuvole che si azzuffano sul mare e tra le vigne dipinte
il suono fluido del fiume che racconta alla luna i suoi desideri .

... è come quel fiume la mia casa, fatta di oggi , fatta di ieri.

Passaggi d’acqua vivide di voci e di solitudine
profumi e odori di volti mescolati
dipartite mai più tornate
certezze intrappolate
e un cuore limpido
che ( nonostante tutto) scorre .
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 818 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Cara me,
eccoci qua, ancora una volta
davanti allo specchio.

Io guardo te e tu guardi me.
E che sguardo!

Occhi intensi e profondi,
di quel verde dei prati
a confondersi col giallo
di spighe di grano.

Mi guardi, sospiri,
e io credo di sapere
cosa stai guardando adesso.

Vedi ancora quella ragazzina insicura,
timida, indecisa, con la paura del futuro,
intenta a non offendere nessuno,
a non recar danni ad altri,
a non voler ferir nessuno…
ma che viene ferita…
una volta…
ed un’altra ancora.

Fissi quegli occhi fino a penetrarli
spogliandoli dell’armatura
costruita in difesa a sogni e speranze
che pesa da tanto ormai.

E ti si mostra come mai finora
quella ragazzina, divenuta ora donna,
impulsiva, passionale, pur sempre sognatrice
china a raccogliere di nuovo
i cocci di una vita martoriata,
ma consapevole che rimessi insieme
saranno più forti e combattenti.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Pioggia su di me
l’accolgo
e attendo
che lavi via
anche solo un po’
del dolore
che mi attanaglia
l’anima.

Mi immergo in essa
e spero
che non sia visibile
il mutare del viso mio.

Goccia dopo goccia
nascondo
dietro un sorriso
il mio pianto.

Sola tra la gente
spalanco le braccia
e chiedo
al vento che
porti con sé
ogni mia singola pena.

Attendo…
spero…
mentre lacrime dal cielo
si confondono
con le mie.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
L’azzurro degli occhi
indossa l’esteso lenzuolo
dell’immenso cielo
pieno di vita,
pronto al dono della luce.

Profondo come l’abisso
di un mare in tempesta
nel sole che rispecchia
inverni rigidi da riscaldare.

Libero nella notte, sogna
sugli uomini assopiti,
aspettando quell’aurora
dove le anime
rivestirà di gioia e amore.

Tale sfumatura sprigiona
il più spiccato senso di libertà,
nel respiro pacato, calma trasmette
portando per mani i pensieri bui
con forza verso la meta della dimenticanza.

Come cura per il mondo
nel mio solitario andare
con rispetto dunque, t’indosso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Leonardo Ancona*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 01-06-2020

Questo autore ha pubblicato 64 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.