La schiuma del dolore
a riempire rughe
di rabbia in occhi lucidi.

Inghiotti veleno
accusando colpi ruvidi
che strappano la pelle
a un'anima sempre più
resa muta nel tempo.

Intesti le righe del tuo vivere
di pensieri vissuti dal tempo
stracciando la gioia d'essere.

Implodi, mettendoti in ginocchio
solo per comodità, senza cadere.
Volgi gli occhi al cielo
ritrovando quel sole che
aspetta solo il tuo sguardo e...

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Leonardo Ancona*   Socio sostenitore del Club Poetico dal 01-06-2020

Questo autore ha pubblicato 55 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Anima d'esile corpo,
gridi in silenzio
cadi,
perdi la luce,
sprofondi in un abisso
senza ritorno.

Ti sdrai,
si ferma la mente,
vi è quasi puzzo di stantio
tutto sta per finire.

Fatiche di un essere
sensibile
che non riesce
più ad affrontar la vita.

Boato improvviso,
risveglia e
allarga i limiti della mente,
limpido il futuro ora diventa,
la fiamma, luce del corpo divampa
incamminandosi verso l'alba.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Ti ho perso
inconsciamente
nei meandri
sommersi
dalla mia
mente; autodifesa
per il male
subito.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Tra i campi ingialliti di trifoglio

occhi docili  guardano il cielo .

Una tela dipinta 

affonda il torpore tra le nuvole e 

canta con le cicale. 

   I passi che attraversano 

 parlano del fiume 

posso ascoltare tutte le scorciatoie, i sentieri , 

 tutto ciò che batte

li sotto un filo d’erba .

E se guardo la luna 

le stelle mi nascono

 una ad una e mi turbano .

Qualcosa si fa canto.

Aspetto che l’aria scompigli i capelli 

aspetto di perdermi dentro le onde del mare 

ciondolare come un girasole

raccontarmi tra le pagine ancora e 

quando tornerà la solitudine nel cielo 

come una nuvola lasciarmi fluttuare

nella malinconia di un tramonto o 

in un bicchiere di neve .

Ma esplodono le gemme sui rami 

e il bacio della Primavera 

mi solletica le mani . 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Caterina Morabito*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 14-03-2014

Questo autore ha pubblicato 816 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E ti sogno ancora,
nella notte di queste lacrime
che copiose rigano le gote
di chi ancora ti desidera.
Ti sogno ancora,
nel corruccio di chi consapevole comprende
che la morte non lascia scampo.
Ti sogno ancora,
nell'infinita certezza
che il filo spezzato
un giorno si rilegherà
per ricongiungersi nuovamente.
Ti sogno ancora,
nell'intimo dell'universo
del mio cuore,
che il giuramento d'amore
fatto sul ciglio della tua vita
saranno mia scialuppa di salvezza
per sigillare quell'addio temporaneo
in perpetua certezza
che un giorno in cielo ci rincontreremo.
Ti sogno ancora,
nel profondo distacco
che il destino ci ha inflitto
spaccando a metà
l'inferno e paradiso
che questo amore mi dà e renderà.
Ti sogno ancora;
a mani vuote e cuore pieno
di dolore a segnare i miei sogni
con l'ombra della tua carenza!
E ti sogno ancora, e ancora tanto ti sogno,
perché nel sognare
brilla un barlume di miraggio sospeso,
che mi lega ancora a te
ed è per questo che...
Ancora ti sogno inevitabilmente!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Lapietra  

Questo autore ha pubblicato 48 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Seduta sulla valigia
in questa stazione
sperduta nel vuoto di quell'addio
che non ha lasciato scampo,
rimbomba l’eco delle tue parole:
"Tutto tra noi è finito."

Lacrime,
smettete di solcare il mio volto
facendo rinvenire ricordi
che più straziano il cuore
e ossessa nel pensare
dimentico di avere tra le braccia
il mio dono più grande
che attende il domani.

Futuro dell’”ora" ci sei!

A te riverso l’immenso amore,
non posso lasciarmi andare,
mi sentiresti singhiozzare
dinanzi ai tuoi occhi,
mio bimbo innocente.
Trattengo il dispiacere, rifugiandomi
nel tuo dolcissimo sorriso.

La mia speranza.

Mentre aspetto il treno che m’allontanerà,
fisso le rotaie, del mio nuovo destino.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tempo che scorre
vita che fugge
con forza e pazienza
ho costruito la mia torre!

Prigioniera di me stessa
nella stanza dei segreti
sono vicina al cielo
e dalla terra lontana

Dopo anni di viaggi
di lacrime e fatica
di meta e di metà
è ancor priva la mia vita

Ma qui un dolce riposo
tra seta e velluto
mi godo indisturbata
mentre resto incantata
a contemplare albe e tramonti
su un mondo sempre uguale
fino all'attimo fatale
che curerà ogni male!
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poetessalibera  

Questo autore ha pubblicato 26 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Chiusi in questo guscio
come piccoli noccioli
che mai germoglieranno

Sperduti come naufraghi
bruciati dal sole
o ghiacciati dalla neve

Equilibristi insuperabili
su un sottilissimo filo di seta

Luci di candele mai consumate
che illuminano il niente

Pietrosi sentieri che portano al nulla
da cui indietro non si torna

Eclissi di un sole che mai risorge
nella falsa notte crudele

Polvere muta che nessun sospiro rimuove
da preziosi antichi mobili tarlati

Io e te ogni giorno siamo
io e te ogni giorno viviamo
io e te ogni giorno cogliamo
il frutto della non passione
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poetessalibera  

Questo autore ha pubblicato 26 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Non lo so,
ma ci credi?
Guardo e immagino il mio viso che ti guarda e ti domanda,
non lo so che sguardo ho,
non posso immaginare cosa puo provocare il mio osservarti, dopo la domanda.
Eppure ti osservo, ascolto, non ti parlo,
poi d'un tratto tu mi chiedi,
e vuoi risposte,
non ne ho,
sono affollato e popolato di domande
temo le tue risposte.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Luto  

Questo autore ha pubblicato 6 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi sono fermata un istante
nel battito della notte...
i giorni scorrono veloci
trasportati
dai tuoi occhi bagnati.

E' passata una vita intera

solo ieri
era apparso
il nostro primo
sorriso.

Mi sono fermata  un istante

le tue mani
stanche
parlano da sole...

accarezzano 
il futuro
che ci avvolge
nel suo mantello
trasparente.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: barbara tascone  

Questo autore ha pubblicato 42 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Quand’è sera
a mani disgiunte
tra Gioie d’occasione
rendo grazie a quel Dino
e alla Rina per un
altro giorno d’ispirazione.
Non avrò parola se non
da dita fredde, giace
in scomoda prona
sibilla Andando e stando.
Amo dunque sono,
e suona la campana.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 553 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Va' e cerca poesia
che non ha tomba
né litania

Cammina
nell'anima
nel ringhiar
del dolore
Va e cerca poesia

Che come
religione
senza Dio
Strappa
da dentro
la gabbia
dell'io

Va' e cerca
il mugghiare
del mare
la belva feroce
di quegli uomini
appesi alla croce

Cerca poesia
nella strada
solitaria

Fa del verso
la tua meta
e la tua aria
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Elisabetta Pedata Grassia  

Questo autore ha pubblicato 4 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sembra di poter scorgere
il fiato morbido di un lume,
nell'attesa di notti e scalini.
Lasciasti ci coprisse una scia
lunga una vita o una notte
sola, gradevole di gelsomini.
Sussurrasti con il ruscello su
barche di giornale il mio e poi
il suo nome, noi ti stavamo
ad ascoltare in fondo alla via.
Tremavi flebile, sola agli occhi
del lume… lei ed io c’eravamo
nelle notti bagnate di silenzi
e brina versate su quelle mie
d’inchiostro, le sue rosse d'albe.
Posso scorgere dalle tue finestre
aperte uno scalino più su, il buio.
Ricorderemo i passi nelle gambe.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 553 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
I sogni (infranti) della Primavera araba - IlGiornale.it

E' finito un inverno
che sembrava un inferno
dove ombre di vita
chiuse dentro in lager di vetro
non avevano più sogni da raccontare.
E' finito così
arrivato nel silenzio
e sparito con un ultimo soffio di vento.
Ora il sole sembra più caldo
si respira un po' meglio
e si sveglia quella voglia
che solo lei sa dare.
Primavera di sogni
quelle ombre da troppo tempo 
chiuse li dentro
puoi dare speranza
dentro giorni migliori e sempre più caldi
non dovrà essere più un inferno
ma un bel manto fiorito
con sopra tante stelle 
che ritornano a brillare.


 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 682 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La luna è scesa in un chiaro
dall’alto della notte per compiacersi
del canto d’un delfino in un riflesso.
Canta il poeta e sogna di lei sirena
senza la coda e di quel lume di
luna nei suoi occhi, senza permesso.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: MastroPoeta  

Questo autore ha pubblicato 553 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.