Mi commuove

questo flebile profumo d’arancio

mentre resisto immobile

ad un tempo che non posso trattenere.

Mi commuovo

negli angoli  nudi dell’anima,

quando la pelle incontra la paura

e rinvengo che tutto si disperde,

facilmente, come un respiro.

Dentro me la Parola grida

e mi commuove…

E questo raggio di sole, abbraccio

a me, a noi, inermi ed impotenti

in questa clausura, mi commuove.

E penso a terra arida, fredda,

senza più mani da stringere

e mi emoziono…

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò*   Sostenitrice del Club Poetico dal 22-08-2015

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Con la fronte stanca
e le mani nei pensieri
son tornato
ai frassini natii

Ho accarezzato 
i miei morti
nel segreto semplice
d'una preghiera
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 119 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Vedrai solchi dipinti sui sorrisi,

capelli sbiaditi dalle primavere.

Mi vedrai invecchiare…

Sarò albero curvo, fiume che secca

roccia che sgretola.

Ma la mano tremante

saprà ancora darti carezza e, sempre,

gli occhi scruteranno i tuoi pensieri.

La mia estate è finita,

questo autunno è ancora dorato,

m’abbeverano i tuoi giovani sorrisi.

Al sopraggiungere dell’inverno,

lo so, stringerai la mia mano

per accompagnarmi nella notte…

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giò*   Sostenitrice del Club Poetico dal 22-08-2015

Questo autore ha pubblicato 259 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Racconto storie per dimenticare: l'amore non ha età


Eravate giovani
a guardare il mare
e di notte contavate le stelle
tu sognavi di regalarle il mondo
mentre lei chiudeva gli occhi
e sognava di te.
Un amore è per sempre
non muore mai
nemmeno se finisce il mondo
e neanche il vento
può rubare i cuori
di voi innamorati dell'amore.
Anche in tempi così duri
che vorrebbero fare dimenticare
non si placa il sentimento
e come una forte tempesta
abbatte tutte le barriere.
Eravate così belli quel giorno
con il mare che ascoltava 
i vostri desideri
ora un pò di rughe
non nascondono i ricordi
un amore è così!
Per sempre
con quegli occhi che osservano ancora il cielo
e lei che sogna sempre di te
e non basta un male
a fare finire tutto
c'è l'amore che guarisce le ferite.
Stanotte è nato ancora un fiore
nel vostro vecchio giardino.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: RAFFAELLO CONCA*   Sostenitore del Club Poetico dal 30-04-2019

Questo autore ha pubblicato 682 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
"Afferro i giorni"
A questa età volano troppo velocemente mi servirebbero più ore

"Afferro le memorie"
A questa età scopro dei buchi e non vi è verso di riempirli

A questa età si perde la vista e anche gli occhiali
che cerco ed immancabilmente son conficcati in testa

Ho le mani colme di scarabocchi
e il cervello a buchi come il groviera
è finita anche la carta e l'inchiostro dell'ultima sfera

Arriva la sera e credo che sia l'alba
poi apro la finestra per cambiare aria alla stanza
e m'accorgo delle stelle

Finirà anche l'anno e poi ne arriverà un altro
chissà se mi ricorderò di ieri e dell'altro anno

Passa il tempo e si sente, oh se si sente!

Però mi ricordo bene
di tutte le marachelle che ho fatto
e di tutti gli amori amati e consumati

Mi ricordo di te che guardo ancora attraverso lo specchio
i tuoi capelli son sbiancati e il tuo viso ha qualche piega
il sorriso sembra accorciato però, di te, mi ricordo bene
sei ancora tanto bella.
Afferro le note della spesa
Dove sono le chiavi di casa?
Devo fare qualcosa...ma cosa?
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ambra PILTI*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 08-05-2014

Questo autore ha pubblicato 215 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Nella notte suona una canzone
le note volano via
e mi sono ritrovo da sola.

Parole taciute
per affollare i pensieri.

Brillano le stelle su di me
dire è finita
ascoltando il rumore del silenzio
l'anima vola lontana
nei pensieri che urlano.

Quante volte avrei voluto morire
immaginando quel leggero fascio di luce
che mi avvolge,
cammino sospesa nell'aria
dentro la luce
senza toccare la mente
momenti in cui la mente...
Non esiste
penso alla mia vita,
penso che rifarei tutto,
anche gli errori
che mi hanno fatta crescere
piangere e cambiare.

Momenti fuori dal mondo
dove dico addio...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Silvana Montarello*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 30-04-2013

Questo autore ha pubblicato 803 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Io sono la somma di quello che ero
ieri, oggi, domani, sempre
di quello che sono e che sarò
o che sarò diventato
sono l'uomo e la donna in divenire
sono l'attimo presente
sono il qui e ora
e sono l'eternità di sempre.
Secondo dopo secondo
ritorno sempre primo
comincio con le news il ritmo del mattino
io sono il tempo sulle tue tempie
il bimbo di ieri
l'uomo di oggi
il vecchio che sarò
orologi stinti su vecchi comò
quasar e lampi magnetici
fulmicotone
sono la tua, la mia generazione
sono Carosello, sono il Pianeta Papalla
la Carmencita, John Travolta che balla
sono forse un Medioevo precoce
dove quasi più nessuno ha la sua voce?
Bisogna urlare allora per farsi sentire
in questa giungla di rumori...
E canto e danzo con disperata allegria
"La vie en rose" di e con Grace Jones.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Laura Bocci  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Siamo anime dissonanti 
all'orizzonte
di un'alba inafferrata,
sentiamo venire a meno
l'ossigeno.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-11-2020

Questo autore ha pubblicato 77 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
E se un tempo pensavo, 
ora penso, ma penso per altri.
Stanca mente ricolma di nozioni,
stanca mente sola nel tempo,
nell'evolversi dei tempi.
Vivo fra gli altri e con gli altri,
odio, dolore e amore 
sono le vie inconsce 
per le menti altrui.
E vagare nel loro pensiero 
senza trovare che disperazione,
il vuoto del nulla non ha alcun amico,
se non la pazzia e la mente sola.
La mente è la vita,
il pensiero che scorre:
come l'acqua dei fiumi soggetti alle piene 
invade gli altrui terreni 
per nutrire altre terre 
e da esse trovare un senso di vita 
attraverso la vita.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giuseppe Trucchia  

Questo autore ha pubblicato 23 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Le lacrime dei poeti

non possono morire

asciugate dal vento

o accartocciate

fra le pieghe della pelle.

Le lacrime dei poeti

non possono morire;

sono stille di ghiaccio

che il calore della passione

scioglie su fogli bianchi di farfalle.

Le lacrime dei poeti

non possono morire;

sono l'inchiostro

dell’anima

che si libra leggera

nel vortice delle emozioni.

Le lacrime dei poeti

non possono morire

quando graffiano la pietra

con il soffio delle parole.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 70 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Sogno di dipingere

le storie infinite dei  giorni

che passano,

i volti sconosciuti

che mi sfiorano ogni giorno.

Sogno di dipingere i sorrisi dell’infanzia e i

profumi della terra calpestata

e le onde del mare all’orizzonte.

Sogno di dipingere lo sguardo di mio padre

quel giorno lontano.

Sogno di dipingere i colori della vita

e le correnti  dei fiumi

che trascinano

impetuose

le stelle

della notte.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: barbara tascone  

Questo autore ha pubblicato 42 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Dopo mesi
in prima linea, 
Basta, 
me ne vado via. 

Non è una resa ma 
desiderio acuto
di solitudine. 

Sola con me, 
far chiarezza
a dubbi, confusione. 

Cercarti senza sapere 
ancora chi sei... 

Voler essere piccolo, 
quasi invisibile, 
come la coccinella, 
il fiordaliso, 
il pettirosso.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Grazia Savonelli*   Sostenitrice del Club Poetico dal 08-02-2021

Questo autore ha pubblicato 229 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Secerne un succo di prigionia

- acido -

questo silenzio dentro me.


Immerso in schiume di vita,

una volta mi parlavo più spesso

senza guardar dalla finestra il fuori.


Non ascoltavo i sospiri dei vecchi

o gli schiamazzi di chi pensava

che i vecchi non esistevano.


Dovrei rivisitarmi con cura,

spazzolare i persistenti dubbi,

ripianare zolle mai coltivate,

accendere luci nascoste.


E guardar dalla finestra il fuori,

ascoltare i sospiri dei vecchi

o gli schiamazzi di chi pensa

che i vecchi non esistono.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 378 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

(Al tempo del coronavirus)

Tra le mani il niente
se non la speranza
di gocce frammentate
sgorgate dalla sapienza
e da assimilati tomi
di qualche romito vate
che dall’alto dell’olimpo
sputa sentenze
restando a debita distanza.
A loro la priorità
del diritto alla parola
e a noi poveri artigiani
l'illusione della parvenza
che tutto debba finire
così come è cominciato.
Non prendete atto
di queste mie parole
sono solo lo sfogo
e non la pretesa di un richiamo
per l’incontrollata paura
di quello che ci vive intorno.
La paura del subdolo
è la peggiore
lo è da sempre stata.
Allora non resta
che impadronirci di quel tempo
dando voce alla resilienza
per rinascere migliori.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Antonio Girardi  

Questo autore ha pubblicato 70 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Ridi ridi ironico pagliaccio

col tuo vestito dai mille colori:

d’improvviso il tuo viso di ghiaccio

e fai ammutolir tutti i signori.


Fai divertir grandi e piccini

con le tue smorfie, i salti, le moine:

si divertono un mondo i bambini

tra balzi mimiche e canzoncine.


Piange piange il mesto pagliaccio,

una lacrima scende sul cerone:

dal viso al pianto, rimane di ghiaccio

in un attimo cambia l’espressione:


Simbolo della gioia e del dolore,

il vestito dell’animo e del cuore.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Donato Caione  

Questo autore ha pubblicato 25 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.