Vedo una luce lampeggiare  in lontananza tra le onde del mare.

Eri proprio tu mio bianco amico  faro, che mi accompagni a casa

Senza mai pensare, senza un lamento mi indichi dove andare.

Mi guidi da mia moglie, ch’è li ad aspettare, tutta notte in piedi

A pregare.

Ogni volta io gli dico, è grazie al mio amico faro.

Di giorno lui sonnecchia, non sa cosa fare.

Poi arrivano i gabbiani che vogliono giocare

Mentre ai suoi  piedi dei cuccioli

Allattano affamati a dei capezzoli ormai svuotati

Alcuni ragazzi ti  urlano vicino, per un goal non dato

Ma a te non importa, ti fanno compagnia

Tu li ripaghi, guidando i loro padri per la

Giusta via 

      

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: nicodemo Vetere  

Questo autore ha pubblicato 24 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.