Il vento ha condotto
il tuo pensiero a me,
senza chiedermi il perché
ho ascoltato il tuo cuore.

Mi ha parlato di solitudine
e bagliore d’amore
che come dolce embrione
è nato in te con affetto e rispetto.

Torre vitrea hai innalzato
in difesa da nuova sofferenza
dissolta dalla mia volontà
nel ricambiare la tua stima.

Patir non devi più
ma viver un’amicizia vera
che con cuor sincero
offro alla tua anima in pena.

Pazienza la mia non è
bensì piacevole costanza nel capirti,
mostrarti che bene ancora c’è
per chi lo vorrà e anche per te.

Il cuore non è mai di cemento
pronto ad accogliere semi
di nuovi fiori per cancellare
in te ricordi blasfemi.

Non giudicare chi è pronto solo
a criticare e condannare
arricchisci la tua vita
con fede e carità.

L’amore poi arriverà da chi
non ti vedrà come amico
ma uomo nobile e bramante
da tener vicino ogni istante.

L’amicizia dono del Cristo è
sacra per me e per te
tale è e sarà
da qui all’eternità.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 199 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

poesie profonde*
# poesie profonde* 28-09-2021 13:57
E' veramente un bellissimo testo che apprezzo e condivido
Veronica Bruno*
# Veronica Bruno* 28-09-2021 17:13
Grazie mille cara.
Un abbraccio affettuoso :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.