Silenzi che circondano la vita,
a volte grevi a volte necessari,
arrivano puntuali come albe
perché si senta d’un riscatto l’urlo
che negli abissi tutto si propaghi
là dove ogni felicità esplorata,
eterna fata dispettosa e vispa,
vada a trovar sicuro nascondiglio.

Poi, tutto è quiete al rassegnarsi.
Riprende forma il tuo microcosmo
nella certezza d’aver ancor provato
ad inseguire tracce promettenti.
E passa, un’altra notte passa indenne
da improponibili duelli insonni
quando con l’arma della fantasia
battaglia vinci e tu la chiami guerra.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 373 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
# Simone 01-04-2021 15:51
Molto apprezzata da parte mia
Un saluto Aurelio
Giò*
# Giò* 02-04-2021 19:37
Il silenzio necessario, il silenzio d'oro, il silenzio che rigenera. Abbiamo bisogno anche di tacere, del silenzio per meditare e ascoltarci e alla fine uscire indenni dalle nostre guerre interiori.
Io ho inteso così il silenzio di cui parli, ma è una lettura del tutto personale.
Apprezzatissima lettura. Ciao...^°^

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.