Mi guarda
bestiale chimère
in cima
alla chiesa,
Nostra Signora
piange,
sue lacrime
rimbombano
sulla mia anima
cascata di dolore
appesa
alle guglie
della vita.
 
Lasciatemi
andar via
troppa pena
porto,
nel fisico
carico
pesi immani
di esistente agonia.
 
Lasciatemi
andar via
da estati
non vissute
da inverni
subiti,
da sguardi nascosti
di indifferente malinconia.
 
Lasciatemi
andar via
affogare
nel profondo mare
d’un abissale oblio,
perder l’eco
di questa
triste follia.
 
Solo
una piazza
un mercato
accoglieran
lo schianto del
mio corpo,
non batteran
più campane,
il rimorso
suonerà
nel cuore
di incantevole
zingara
a morto
sotto
il severo
compassionevole
sguardo
di una
chimère.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 152 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Debora Casafina
+1 # Debora Casafina 06-07-2012 15:37
mentre leggevo mi è venuto in mente lo straordinario personaggio di Quasimodo ( il gobbo di Notredame) a me particolarmente caro, in questa tua versione ancora più vivo e tragico, molto bella!
Paola Pittalis
+1 # Paola Pittalis 06-07-2012 17:13
non amo le poesie molto lunghe, ma questa mi è piaciuta
scoria
# scoria 07-07-2012 15:04
Enrico, i versicoli mi piacciono solo quando sono estremamente particolari e giocano tra di loro, quello che precede con quello che segue, altrimenti non hanno senso. Qua si parla di pena, di triste follia, di abissale oblio, di dolore....di tutte queste cose se ne parla, sono tutte chiamate per nome, ma la poesia in sé non le trasmette, non le fa sentire, ovviamente secondo me---
io approfondirei lo sguardo...
Enrico Barigazzi
# Enrico Barigazzi 07-07-2012 16:05
Grazie della critica, ho usato poche metafore ed ho chiamato i sentimenti o le sensazioni che ad essi rimandano con il loro nome....proprio perchè.....il personaggio in questione, una specie di Quasimodo ma più arrabbiato e deluso dalla vita, urla queste sue emozioni e non vuole che gli altri intendano ma che le comprendano benissimo...... dato che sono i suoi ultimi attimi di vita...è come se con il suo urlo prendesse a pugni il mondo....che non lo accetta.....Cia o:)..
Francesco Losito
# Francesco Losito 07-07-2012 15:15
Primo la poesia non è molto lunga, secondo la penso in modo antitetico a quello di scoria +5
scoria
# scoria 07-07-2012 15:26
de gustibus ;-)
Enrico Barigazzi
# Enrico Barigazzi 07-07-2012 15:58
Grazie a Tutti dei commenti......a nche delle critiche.....ch e son sempre utili...ciao:)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.