Quel che è stato
non è stato dimenticato
ma nascosto, protetto,
nell’animo nostro.

Tremiti inebrianti assalivano
membra ossessionate
che varavano
tra insaziabili orgasmi
il talamo che ansioso
ci attendeva.

Lì in ginocchio
magnificavo il tuo membro.
Labbra lussuriose ricevevano
il suo succo
così come la terra
il suo seme.

Mi dissetavo
con eccitante giubilo
perdendoci nei nostri
languidi sguardi.

Tanto caldo e intrepido
era il goder tuo
dentro la carne mia
insaziabile del suo sapore.

Come stiva di una nave
mi ero aperta
per il tuo viaggio
nel mio profondo antro.

Selvaggio e dolce esploratore
continuasti l’incursione
tra piacere e passione
l’intera notte.

Poi stremati
giacere stretti
in intreccio di corpi
ancora ansimanti,
nel tepore dell’alba
sull’isola dell’adulazione.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 13-04-2021

Questo autore ha pubblicato 18 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.