prima che venga ieri...

Per quanto io possa raccontare storie
quella più bella è una citazione
dall'arte di creare meraviglie
dal niente che contiene l'infinito:
come la piegatura della luce,
equazioni tutte irrazionali,
numeri primi ancora da scoprire
unici spesso come personaggi
esperti verso nuove direzioni.


Di Quanti in fila tutti casuali
verso la stella antica e più remota
giovane in fondo, se paragonata
a ciò che posso solo immaginare.

E dentro me racchiuso, 
un micron canta perenni sinfonie.


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Abner Rossi  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

pierrot*
+2 # pierrot* 06-09-2015 09:29
leggendo viene veramente voglia di mettersi in contatto con la parte più bella e grande sempre da scoprire.
Un bell'invito
Grazie
Abner Rossi
+1 # Abner Rossi 09-09-2015 08:51
Ciao Pierrot, ti ringrazio. La poesia proviene da una conferenza sul tema della "luce nella poesia di oggi" tenuta agli studenti di un istituto di storia dell'arte. Temo che prima o poi noi poeti dovremmo deciderci ad inserire tutto quello che la scienza ci ha dato invece che attardarci in metafore che, col tempo, rischiano di essere luoghi comuni, se non lo sono già. Metterci in contatto è un obbligo indifferibile.

DAVVERO GRAZIE
Abner

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.