Dipende dalla luce della sera

l'odore delle strade consumate

i suoni intorno, le voci catturate.

 

Brividi di oggi, più che ricordo,

percorsi comuni più che eredità,

tratti, strade e rughe più che parole.

 

Un lampione sotto casa che saluta,

i lesti passi che tornano,

un tavolo anni sessanta,

suoni di cucina.

 

Vita oltre la nostalgia,

ciò che è stato

è qualcosa che ancora continua

per le scale verso l'ultimo piano.

 

Come segnalibro provvisorio

per la prossima pagina.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Abner Rossi  

Questo autore ha pubblicato 106 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

alsemer
+2 # alsemer 12-07-2015 14:32
Poesia un po' ingannatrice... cattura il lettore in un'atmosfera fotonica, ma in g realtà si tratta di scarto temporale.
Abner Rossi
+2 # Abner Rossi 13-07-2015 08:35
ti confesso che non ho capito il commento.
Comunque ti abbraccio
Abner
Rocco Michele LETTINI
+2 # Rocco Michele LETTINI 13-07-2015 05:12
Segnalibro provvisorio per la prossima pagina... Cotanto trasmetti in sì espressivo verseggio... curato diligentemente. .. Lieta settimana.
Abner Rossi
+2 # Abner Rossi 13-07-2015 08:35
grazie! Buona settimana anche a lei
Abner
Maria Rosa Schiano
+2 # Maria Rosa Schiano 13-07-2015 08:20
Ricordi e presente insieme, con eleganza, con delicatezza...
Ti lasci avvolgere dal tuo mondo, ne fai parte, piccole cose familiari, quotidianità
che permea il tuo essere e ti fa sentire vivo...
Sembra d'esserci lí con te, sotto quel lampione, o su per quelle scale...
Abner Rossi
+2 # Abner Rossi 13-07-2015 08:36
grazie, un po' di compagnia fa sempre bene.

Grazie davvero
Abner
elisa
+3 # elisa 13-07-2015 16:43
Il presente .....colmo di passato che guarda al futuro!
Molto bella!
Ciao Elisa
Abner Rossi
+1 # Abner Rossi 13-07-2015 18:55
Grazie Elisa e complimenti per ciò che scrivi.

Abner
Antonia Vono
+2 # Antonia Vono 14-07-2015 17:06
Siamo incisioni del tempo ,Abner,piccole rughe che scavano ogni giorno tra luci e ricordi e che cambiano profondità a seconda di come sono illuminate le vie che persorriamo...a volte fanno male,ma si ritrovano nello stesso luogo,alla fine,nello stesso gesto, e proseguono il cammino per raggiungere il piano superiore..
Tra ciò che siamo stati e ciò che siamo e ciò che diventeremo..
Siamo appendici di un gran bel libro..
Un saluto con stima.
Anto
Abner Rossi
+1 # Abner Rossi 15-07-2015 08:20
Cara Antonella, non ti nascondo che le scale per l'ultimo piano mi preoccupano, sia per quello che significano, sia per il paradosso temporale che contengono. Grazie del tuo preciso e significativo commento.
Un abbraccio poetico.
Abner
paolo di cristofaro
+2 # paolo di cristofaro 14-07-2015 23:49
bellissima con questi sbalzi temporali , sembra un disegno di Escher dove i livelli diversi si intersecano e danno una quadro paradossale e piacevole!
Abner Rossi
+1 # Abner Rossi 15-07-2015 08:18
Grazie Paolo. Il tempo per me, ma oso generalizzare, è un paradosso costante e infinito.
un caro saluto
Abner

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.