Sfera stellare che bruci al vespro nei miei sogni, 
Sabbia calda come astri e pianeti nelle strette mani sanguinanti, 
Sale sulla pelle e radiazioni gamma che alterano il respiro, la vista, 
e poi il delirio. 
Tremore ed estasi, 
forse amore o ecstasy. 
Forse sogni sparsi, 
puzzle di quasar e stelle filanti. 
La riva d'argento fuso che bagna i piedi e le comete cadenti. 
Circo di intenti, fanti e figuranti, 
gangli e neuroni tra i denti. 
Ma tutto scivola via, o quasi
Tra gli isotopi e l'entropia...
Tra calanchi e profondità, 
nelle galassie dentro me
Che nessuno esplorerà...
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fabrizio  

Questo autore ha pubblicato 27 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Catilina
# Catilina 20-09-2022 12:22
singolarità d'estate e unicità poetica... apprezzata...
Fabrizio
# Fabrizio 20-09-2022 23:17
Grazie mille ????

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.