Io in Islanda non ci sono mai stato
Mai nello stato di ghiaccio e fuoco
Ma istanti freddi, fermi in quei cieli distanti
Mi affondano immaginando di immergermici dentro
Solo soletto al mio caminetto arroccato
Cantando sgolato e a denti stretti
Gelato su quell'isola senza germi

Quella lingua dura di mare tra mura
Di scogli e scaglie di lava che lavano
Tutto lo sporco da cui ora fuggo
Che posto pulito
Zero nasi ficcati e zero noise
Niente traffici imbottigliati tra casoni a caso
Che ti inquinano anche dentro
A forza di contatto con tanto schifo

Ma un pezzo di pazzo pensereste di me adesso
A chiedere asilo in quell'antro
Ebbene sogno soltanto, lasciatemelo fare
Spero che da qualche parte un faro
Ci sia in cui mi farò guardiano del mare
Custode del mio niente
Tutto questo in mente
Tutto questo sognando ingenuamente
Di far la mia locanda
Certo non calda, ma sicuro candida
In Islanda 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.