divorata dalla lingua
ti sembra un breve tratto
la cavità del solco sul
mio corpo rovesciato
nella regola che
segue il mondo
la pella cieca e aperta di
un decollo a smaltimento
che odore sconfinato la
prepotenza dei capelli
nel pudore abbandonato 
dietro asfalti e carreggiate
e ora senza luce
ti occupi del tempo
con un camice sul collo
e lo sguardo incatenato 
di un cadavere suicida.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Jean-Jacques  

Questo autore ha pubblicato 10 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone*
+1 # Simone* 08-04-2024 05:57
Affascinato dal tuo stile
leggo in quella chiusa qualcosa che forse invoca clemenza .
Un saluto Jean
Jean-Jacques
# Jean-Jacques 08-04-2024 09:58
Grazie sommo poeta. In effetti sì, ma già il fatto che tu definisca stile le mie cianfrusaglie, è il massimo della clemenza, ah ah ah. Grazie ancora e buona settimana.
Ivan Pozzoni
+1 # Ivan Pozzoni 06-07-2024 19:45
Discreta.
Jean-Jacques
# Jean-Jacques 06-07-2024 21:35
Grazie mille, Maestro!
Paguro
# Paguro 10-07-2024 14:55
Il tuo è uno stile particolare, mi piace

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.