Ma quanto sono belli i banditi
che non badano alla bandana
che se il vento è insufficiente
tergiversano su una tramontana
Ma quanto sono belli i cuscini
Le piume e gli inchiostri
con dentro gli assassini
Ma quanto sono belli gli allocchi
con gli occhi sognanti
smerdati dagli scirocchi
Ma quanto sono belle le bestemmie
Le preghiere di noi scimmie
E si dice ch'è brutto se uguale,
spirando secco, quasi Maestrale
È la tendenza a inabissarsi della luna
o la faccia rassegnata della iena
o ancora il gioco crudele dell'altalena:
arrivare dall'altra parte
e poi ripresi da questa vita tirrena
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Nicola Matteucci  

Questo autore ha pubblicato 415 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

genoveffa frau*
# genoveffa frau* 10-05-2022 20:16
Tutto appartiene all'uomo che non dovrebbe andarne fiero, ma è ciò che succede talvolta, con l'inchiostro si scrive e si cancella, le azioni restano! piaciuta, grazie!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.