In totale tre terzine di endecasillabi a rima dantesca tra la seconda e la terza terzina una stanza di quattro versi, sempre endecasillabi.


Mio padre voleva scrivere poesie
mia zia mi insegnò a cantare
lottai contro le mille ipocrisie...

Iniziai un dì di fronte al mare;
cantai giovanil tra aspri monti;
salmodiavo l'Eros che più che fare...

Tu mi ascolti e allòr ti prenda
quello spirito soave pièn d'amore
- che infante volle fuoco e ammenda -
che è quello di quel mistico fiore.

Costruisce allòr d'ingenio fronti
a muover cortese un caldo invito:
scolpire gli estremi orizzonti.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 81 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Simone
+1 # Simone 04-01-2022 20:11
stile impeccabile nei suoi più profondi significati .
Un grande piacere leggere poesie come queste.
I miei sentiti complimenti .

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.