È primavera

anche a Milano, nessuno mi può

convincere di coltri artificiali.

Sogno quest’odore ch’è glicine

tra stelle elettriche, 

sogno le scarpe di Garlando

danzarmi in via dei Fiori Oscuri.

Sogno, e tocco

il prato sotto il tavolo

dell’ I L’ov brunch

e il tuo sorriso da pancake -dolcissimo

levita, pieno di charme

e delle tue anime, tutte. 



1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Rita Stanzione*   Sostenitrice del Club Poetico dal 18-07-2015

Questo autore ha pubblicato 746 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

numerouno
+2 # numerouno 28-05-2018 16:50
Ma quanta gioia in questi versi. Immaginifica declinazione d'una primavera. Complimenti.
Tea
+2 # Tea 29-05-2018 13:39
... ciao, molto piaciuta questa primavera milanese... complimenti anche da parte mia...ciao
Henry Lee*
+1 # Henry Lee* 30-05-2018 08:11
Sensi coinvolti, emozioni travolte, come sempre sei di una poesia immensa. HL.
Rita Stanzione*
+1 # Rita Stanzione* 30-05-2018 14:30
Grazie a voi per l'apprezzamento .

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.