Suono di violino
permea la notte
di malinconiche
memorie,
strade deserte
sono tappeto
dispiegato
sotto l’ombra
dei miei passi.
 
Tuo profumo
invade
il mio corpo,
dolci amplessi
ci coinvolgono.
L’amore da te
promesso come
tetra illusione
di  un cuore perso
nell’incubo
dei tuoi abbracci.
 
Frivola sensualità
complice di
fuggevole piacere
annienta
sogno
d’amor perduto
tra le note
della melodia
di un
violino.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 146 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Paola Pittalis
+1 # Paola Pittalis 15-10-2012 07:52
piaciuta
Enrico Barigazzi
# Enrico Barigazzi 19-10-2012 10:20
Grazie Paola....
Alberto Automa*
# Alberto Automa* 15-10-2012 20:40
...già il titolo presuppone una maggior capacità di ossigeno, non si sa a quale dolore si verrà esposti leggendo...e quando una poesia fa soffrire un po' è certo
si è di fronte a qualcosa che non è vano... molto bella quindi...:-)
Enrico Barigazzi
# Enrico Barigazzi 19-10-2012 10:20
Grazie Alberto...

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.