Passava la giornata
moriva il sole dell'estate
uno stanco settembre
si affacciava alle nostre finestre
il mio petto era una prateria
per il tuo respiro

bello sentire i rumori
della calle
voci lontane, vite di corsa
passioni represse, fretta da incubo
e noi due distesi
ad aspettare l'inoltrarsi
del pomeriggio

la tua pelle chiamava
la mia mano
diveniva evanescente
ai miei occhi
impercettibile al tatto 
svaniva

dolce visione onirica
di un pomeriggio di fine
estate.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 152 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Michelina
# Michelina 24-09-2018 13:12
Mi piace sembra la scena di un film di Delon.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.