A volte si meraviglia come i sensori della vita
Non gli riflettono luce. Dopo un tormento,
Si sorprese come può passare il tempo senza padre e senza madre
Ed avere per lo spirito solo aria e immaginazione.

Naturalmente, ci sono i primi baci di un tempo, e
Il gioco più intimo d'amore e la fusione delle risate,
Un gufo nero all'alba, con le ali aperte pennellata-pennellata
In attesa sul ciglio della strada per un abbraccio.

Ma la vita (cosi com'è venuta) sta andando;
Sgretolarsi cosi ampiamente sulla Terra che 
La forza magnetica sente l'entusiasmo d'addio
La solitudine rimane soggetto astratto e non dichiarato.

Lei si decompone lentamente dopo l'arrivo della mezzanotte,
Umanamente, in acqua e sale, ma non sui sentimenti.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: aleksander çulaj  

Questo autore ha pubblicato 22 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

nabrunindu
+2 # nabrunindu 09-09-2015 18:07
caspita, complimenti!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.