È surreale questa mia terra, quando la guardo dal mare:
sembra ma non è, come il torpore che precede  il sonno,
come una Torre di Babele che arriva in alto, fino al cielo.
Un atto di superbia, il confronto col diverso, la prigione,
poi l’arte povera, e improvvisamente il dadaismo, il mio.
Non c’è che degrado nel vostro ordine, assenza di senso,
la verità che spiega il disgusto: come la scia della matita.
E così il bambino che ero, oggi non è altro che un suono,
un pensiero che mi ricorda che “dada” non significa nulla.
 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 659 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Automa*
+2 # Alberto Automa* 29-05-2014 17:21
...Hugo Ball... :-) bravissimo...
Charlie
+2 # Charlie 30-05-2014 10:05
ma sì!! :D :D :D
sapevo (anche vista la foto del tuo profilo) che avresti gradito il riferimento.
charlie
Sara Cristofori
+2 # Sara Cristofori 29-05-2014 18:23
bella e disincantata...
Charlie
+1 # Charlie 30-05-2014 10:06
grazie Grizabella :roll:
Sabina
+2 # Sabina 29-05-2014 22:46
Complimenti.
Charlie
+1 # Charlie 30-05-2014 10:08
Sabina, très gentille!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.