«Sono chiari i nembi
e chiaro è il sentire
nel mattino che dal principio
nel calar del sole
va a dormire»

E quando la notte boreale giunge
nella costellazione d’Auriga
m’appare il tuo volto
e i sogni di rinnovano nell’inverno
frantumandosi nell’universo pieno di te
che mi sorridi
nel viaggio mio più intenso
per raggiungerti tra le stelle
testimoni d’un grande amore,
il nostro.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giancarlo Gravili  

Questo autore ha pubblicato 172 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

genoveffa frau*
# genoveffa frau* 01-10-2021 19:19
Sempre un onore scrivere e recitare i versi con te, grazie Gian!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.