Già è notte? O tarda sera, che vetusta
 
  musa sei e tanto leggera? Che sei gentile
 
  e tanto dolce pari a chi si sa, frusta!
 
  Come ogni notte fredda e leggera e vile -
 
  Sarà tanto diverso allora la giornata serena?
 
  Sembra tanto sciocco il mondo e fesso il cuore
 
  tanto vile il mio sguardo (che) su pensier mena
 
  a dimandar pietà sarei pietoso e quindi: "amore"?
 
  Già tanto volsi da questa vile tentazione
 
  ma tanto piú dolsi di tornar a cantar
 
  come se tu bella musa fossi canzone
 
  questa notte accompagni a favoleggiar
 
  sarà tanto diversa la mia emozione?
 
  O poco uguale cotal fanciulla allegra amar...?

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 9 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.