Uscito di casa il freddo mi assale.
Risale velocemente le membra,
Mi percorre la pelle,
il sangue,
le ossa;
Giungendo all'anima irrequieta.
Qui si placa.
Non lo sento più.
Penso di averlo vinto,
Di essere riuscito a scappare da lui.
Ma come una rondine d'inverno,
Ha creato il suo nido in me.
È ormai un rumore monotono
di cui non distinguo le note dalla melodia della vita.
È parte di me.
Ma un giorno ritroverò la tiepida casa.
E la rondine lascerà il suo nido.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Lava  

Questo autore ha pubblicato 22 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Aurelio Zucchi*
+1 # Aurelio Zucchi* 22-01-2021 13:51
Bel testo introspettivo, con una similitudine poetica ben equilibrata ed efficace.
Lava
# Lava 23-01-2021 02:02
Grazie Aurelio
Giò
+1 # Giò 22-01-2021 20:27
Anch'io concordo con Aurelio.
Bella poesia con belle metafore.
Ciao...^.^
Lava
# Lava 23-01-2021 02:02
Apprezzo molto
Enrico Barigazzi
+1 # Enrico Barigazzi 23-01-2021 19:44
Buono lo stile e belle le immagini evocate da questa poesia. Piaciuta.
Lava
# Lava 24-01-2021 00:49
Grazie mille

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.