Si desta mia prode
Che del tempo e tanto
Amor che cupido trasse
Dal fodero suo amor scocasse
In primaveril stagione 
Senza che dei bei flauti
Amor stesso tuonasse:
Sapor di calligine e ristoro
Come di un fiorito pendio 
Di pietre al ciel tonando 
Lo stesso amor tornasse
Che di peggio non è la voce mia
Pria che partisse del mio arco
La strategia e tutto l'amor
Che un guerriero all'arte 
Mortal del cervo al suo stesso
Suono in tuon cantasse: amami
E sarem forse come quell'altre.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 81 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.