Che vvo' chesta lunella birichina,
c'accumpare dint'ô scuro 'e notte.
'E matina sta ncielo annascusa,
po' s'appresenta verzo mezzanotte.
Mmiez'ô cielo splennenno s'affaccia,

quanno 'o nniro ogni lluce s'agnotte.
Si 'a fisse pare ca te guarda nfaccia,
te fa ll'occhiolino e nu vaso te votta.
S'avvanta 'sta lunella spucchiosa,
orgogliosa s'appiccia e s'allumma.

Cu nu gruosso penniello pittato argiento,
votta ragge 'int'ô mare, dint'ô sciumme.
Quanno ê bbote se mette 'e travierzio
va scutulianno 'e vvele d' 'e vvarche.
Sbrunzulea 'e rrezze d' 'e marinare,

quacche ppesce curiusanno se mbarca.
Che ddice 'sta lunella appassiunata,
quanno 'int'ô scuro te porta n'ammasciata.
Te vene a ddicere cose che nun hê sentuto,
te parla e quacche ccore 'nnammurato.

Che vvo' 'sta luna ntristita e spirciusella,
ca se ncupisce quann'o tiempo è bbrutto.
Se mette nfaccia nu gruosso farzuletto,
po' manu mano 'e llacreme s'asciutta.
Che vvo' 'sta luna a fforma 'e cunnulella:

fa 'a ninna nanna pe se fa vucà da 'e stelle.
Che vvo' 'sta luna timmida e scurnosa
ca se fa rossa quanno 'o sole tramonta.
Se fruscia, comme si fosse 'a cchiù bbella
e sse nne va nun appena 'o sole sponta.

Che vvo' sta luna tonna e 'mpurtante,
bussola de 'o marenaro e de 'o navigante.
Sott'â luna barcullanno n'omme mbriaco,
surzianno se guarda na grossa bbutteglia.
Tutt'attuorno pare tutto triste e ssulagne,

pe ttramento 'a luna guarda e vveglia.
A ll'intrasatto ogni ccosa se raddoppia...
...e 'o mbriaco cu ll'ombra soja fa coppia.
Nun è ssulo e nun penza cchiù 'a sfurtuna:
pe ccumpagne tene cielo, mare e ddoje lune.















1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 152 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Bongiorno a lei sora Giocò, me scusi pe` l'ardire
nun è pe m'picciamme de l'affari vostra,
ma m’è sembrato de ave` visto
er sor Augusto, si…proprio lui er vostro
consorte,li dietro all'angoletto
si propro li 'ndo c’è er baretto
der sor Giggetto.
So che lo cercavate, sora Giocò
ma nun ve l'ho avvisato.
Nun è per quarche cosa , ma 
si nun sbajo l'ho visto abbraccicato
stretto stretto ar buio li nell'angoletto
a quella panterona de la fija der
portiere.
Sora Giocò, che fate
mettete giu quo scopettone
pe carità de Dio, ma che ve frega.
Tenetela more` pe carità che questa
mo li scanna tutt'eddua come capretti.
Levateje er cortello da le mano,
Oddio ce sviene ...
Corete commare` serve l'aceto
fatejelo annusa che s'aripia
nine` tireje su le gambe, sventolaje la faccia
E che te lo dico a fa che giornataccia.
Ecchitelo tiè guarda chi ariva, er mandrucone.
A sor Augu, sentite che ve dico, è mejo che ve date a la campagna,e pe quarche
giorno nun ve fate vede, voi e quella sisona .
Che si ve pia, la sora Gioconda ve gonfia come
na zampogna.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marina Lolli  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Se dessimo peso a ciò che ha peso e sapessimo misurare col giusto metro, eviteremmo errori di valutazione. Ma noi misuriamo in maniera approssimativa, "ad occhio" e così finiamo col pesare male. Sarebbe bello se avessimo la capacità di dare alle cose il giusto peso. E se imparassimo a prendere le giuste misure da tutto ciò che ci opprime e che ci fa arrabbiare? Se ci liberassimo della superbia, forse rimarrebbe spazio sufficiente per cose che hanno valore...


Guardanne 'nu buriuso, superchiuso,

n'omme barbuto, 'o rivulgette 'stu pensiero:

"Te puorte 'ncuollo pise ca 'nun tenene peso

“e 'nu carico 'e fronne appestate appese."

"Te nne vaje facenne 'o splendido, 'o bbrillante,

cammine tutto buriuso e a pietto annante.”

“Ma si 'nun saje da 'e ccose 'o justo piso,”

“tutte 'sti pise se fanno sempe cchiù pesante!”

“Che nne faje 'e pise ca 'nun regnene”

“e sanno sulo dà suone avvacante!”

“Ma che piso hanna tennere 'sti pise?”

Addimmannaje ll'altezzuso ajzanne 'o viso.

“Dà peso, sulo a chello ca tene peso,

nunn'è ca fosse po' 'sta grand'impresa!”

“Si 'o piso nunn'è de qualità dà sulo arraggia.”

Chesto rispunnette, a ll'omme buriuso 'o saggio.






Il peso

Guardando un borioso superbo,

un uomo barbuto, gli rivolse un pensiero:

- ti porti addosso pesi che non hanno peso


e un carico di fronde appestate appese. -

- Vai in giro a fare lo splendido, il brillante -

- cammini tutto borioso e a petto avanti -

- ma se non sai dare alle cose il giusto peso,

tutti questi pesi diventano sempre più pesanti! -

- cosa te ne fai di pesi che non riempiono

e sanno solo dare suoni vuoti! -

- ma che peso devono avere questi pesi? -

chiese l'altezzoso alzando il viso.

- Dai peso solo a ciò che ha peso -

- non è poi questa grande impresa! -

- se il peso non è di qualità ti innervosisce. -

Questo rispose, all'uomo borioso il saggio.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giovanna Balsamo  

Questo autore ha pubblicato 152 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.