Se non è una canzone
che cos'è un ciclone
gira vorticosamente su stesso
quanti giri fa per finire
di lasciarsi andare
nelle pieghe dell'infinito
guardandolo ammiri
la forza che ha
e pensi all'uomo
domandandoti cos'è
in confronto a lui
alla sua bocca
dove esce impurità
avvelena l'aria
mortificandola
mentre appare il sereno
a chi da tempo non lo vede
o non lo ha mai visto
e si incammina scalzo
con i piedi sudati
per essere invidiato
dalle fiamme alte
che spaventano, il cielo

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 598 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Manuele*
# Manuele* 25-04-2021 18:24
fotogrammi e similitudini di forte impatto emotivo che si susseguono velocemente seguendo un flusso di pensieri introspettivo; piaciuta e originale la similitudine canzone-ciclone e poi ciclone/uomo, siamo piccoli e imperfetti, basta guardare la natura per rendercene conto grazie
poesie profonde*
# poesie profonde* 25-04-2021 21:43
Grazie a te. Buona serata
Veronica Bruno*
# Veronica Bruno* 26-04-2021 14:40
Immagini ricche di emozioni e riflessioni. Complimenti per questa bellissima e significativa poesia. Un caro saluto.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.