In sovrappensiero, attraverso

distese infinite di giorni quieti.

Il vento non pizzica corde d'arpa

e non lo sento.

La pioggia non trafigge margherite

né annega coccinelle.

La luna non mostra mai

la faccia cruda della notte

né la veste di magia.

Tutto procede d'inerzia nel mio mondo.

Il sole s'alza e torna a letto

senza aprire queste tende.

Forse, profumano le rose

nel giadino fuori casa

Ma il calendario appeso al muro

non avverte ch'è già Maggio.

E cammino per la stanza,

per la via e la città.

Chissà che sto pensando...

mentre perdo la mia strada.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ibla*   Sostenitrice del Club Poetico dal 22-02-2021

Questo autore ha pubblicato 162 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Sara Cristofori
+3 # Sara Cristofori 21-10-2017 08:24
a pieno nelle mie corde, con questo senso di vacuità e di consapevolezza di un tempo che irreversibilmen te (e inutilmente) scorre...
Antilirico
+3 # Antilirico 21-10-2017 12:25
un'introspezion e meravigliosa con immagini superbe... ciao ibla...
Hera
+2 # Hera 21-10-2017 17:01
Incantata per le bellezza e la bravura... ECCEZIONALE!
Silvana Montarello*
# Silvana Montarello* 24-10-2017 22:31
Distese di poesia infinita, bellissima ciao.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.