Ciao a tutti!
Propongo questa mia riflessione sulla "moda", con la speranza di offrire nuovi spunti ai lettori e senza la minima intenzione di offendere qualcuno, perché il rispetto degli altri è la base della civiltà. Premettendo che non sono una psicologa (la qual cosa gioca a mio favore, visto che anche molti psicologi seguono fedelmente la moda*), intendo affrontare l'argomento "moda" da osservatrice esterna, ovvero da persona che non si precipita ciecamente ad adottare qualsiasi tipo di "look" venga proposto dallo stilista o dal vip di turno. Se scelgo di aderire ad una moda (cosa che avviene molto raramente) lo faccio solo dopo aver considerato se questa moda mi piaccia davvero e sia adatta alla mia figura e personalità. Tutti si dovrebbe agire in questo modo logico, eppure la grande maggioranza delle persone oggi segue ogni nuova moda senza porsi interrogativi e senza curarsi se stia migliorando o peggiorando il proprio aspetto: vi sarà sicuramente successo, qualche volta, di notare un vostro amico o conoscente risultare più brutto dopo aver adottato il "look" del momento!
Le mode in realtà esistono fin dai tempi antichi, ma è stato con il diffondersi dei mezzi di comunicazione di massa, che la moda è diventata un business da miliardi di dollari. In particolare dal ventesimo secolo in poi, c' è stato un continuo avvicendarsi di mode di ogni tipo, spesso di brevissima durata. Entro certi limiti, tutti seguiamo la moda, perché non possiamo vestirci con gli abiti di duecento anni fa. Oggi abbiamo però la fortuna di avere a disposizione una scelta molto vasta di stili, che possiamo anche mischiare a piacimento per realizzare il nostro stile personale, cosa che però ben pochi fanno, preferendo copiare lo stile dei vip. Oggi sempre più persone, di ogni età, seguono le mode del momento. Ciò che conta per la gente è uniformarsi, mostrare di essere aggiornata e al passo coi tempi, essere "trendy" nel proprio aspetto anche nel caso in cui, una certa moda lo peggiori drasticamente, perché non tutti i modi di acconciarsi o vestirsi sono adatti a tutti senza distinzioni: ad esempio, se una donna con gambe stortissime dovesse mettere una minigonna soltanto per seguire una moda, risulterebbe più attraente? Con la gonna lunga o i pantaloni, la donna in questione coprirebbe un suo difetto (difetti ne abbiamo tutti!) e apparirebbe più gradevole. Il mio ragionamento è forse sbagliato?
Seguire una moda, significa per un giovane (ma oggi non solo per i giovani) sentirsi più sicuro, sentire di appartenere a un gruppo che lo accoglie proprio (e spesso soltanto) per il suo modo di apparire e non per la sua interiorità e personalità.
Chi non segue la moda spesso viene escluso, considerato inferiore (quando invece molto spesso si tratta di persone estremamente intelligenti) e trattato quasi da appestato. Questo è tragicamente sempre più vero man mano che passa il tempo. La forza con cui vengono impresse nella mente delle persone certe mode, è sempre meno contrastabile, anche per persone dotate di media intelligenza, le quali sorprendentemente si lasciano andare trasformandosi in un lampo nel tipo "ideale" eletto dalla moda del momento, sopprimendo la propria individualità e uniformandosi alla massa. A questo punto, mi viene in mente una strofa di una mia poesia che dice "l'individuo ormai si perde nel labirinto degli uguali, come fare ora mi chiedo, a esser veri e restar tali?".
Spesso una moda della quale tutti sembrano entusiasti, dopo un po' di tempo viene accantonata lasciando il posto ad un'altra diametralmente opposta e tutti si adeguano obbedienti, rinnegando quello che fino a pochissimo tempo prima sembrava piacergli tanto. La potenza di questi "suggerimenti" sul modo in cui dobbiamo apparire, è travolgente e sembra essere diventata inarrestabile, tanto da riuscire addirittura a ribaltare i gusti delle persone! Un esempio di questo strano fenomeno è rappresentato dalla moda della barba, la quale fino a qualche anno fa, era poco diffusa tra gli uomini perché in generale poco apprezzata dalle donne: ricorderete certamente che, fino a pochi anni fa, tra i cantanti, attori e sportivi considerati belli, la barba era poco diffusa e, nei pochi casi in cui c'era, quasi sempre era molto leggera. Poi, sorprendentemente, sembra che quasi tutte le donne si siano innamorate di ciò che fino a poco prima non gradivano.
Molto spesso una persona non si chiede se una determinata moda la stia rendendo davvero più bella o sia adatta alla propria personalità: ad esempio, i sopracciglioni che oggi sono tanto di moda tra le donne, si addicono veramente ad un volto femminile dolce e magari anche minuto? Rendono davvero la ragazza più attraente? Ne ho viste alcune con le sopracciglia più grosse degli occhi. A me non sembra proprio che queste enormi sopracciglia mettano in risalto lo sguardo, le trovo pesanti ed opprimenti. Mi domando inoltre se agli uomini piacciano.
Spesso, oggi si seguono più i "consigli" della moda che quelli del medico. Molta gente sembra agire in modo automatico. Mi sorprende molto il fatto che anche persone di 40, 50 o più anni, aderiscano alle più banali mode come fossero teen agers.
Poniamoci questa domanda: ci si può davvero innamorare in massa e contemporaneamente, tutti della stessa cosa? Ogni persona è unica e ha il proprio cervello, è la forza con cui i mass media (tramite la pubblicità che ormai ci segue ovunque, i programmi spazzatura e tutto il resto) imprimono nella testa della gente certi messaggi, che annulla la capacità di fare una scelta consapevole. Tutti ci si uniforma e quasi non c'è più distinzione tra una persona e l'altra, si appare come un unico enorme corpo. E' essenziale avere la consapevolezza di questo fenomeno, solo così saremo davvero liberi di scegliere!
A volte la moda è oggettivamente brutta o poco pratica: ricordate ad esempio, negli anni dal 2003 al 2006 circa, i pantaloni che lasciavano il sedere mezzo di fuori e che erano sempre sul punto di cadere giù? Erano belli e pratici? Tra l'altro, erano anche poco igienici per se stessi e per gli altri. Nello stesso periodo andarono di moda le scarpe da donna con le punte lunghissime, con cui camminare era un'impresa.
La depilazione maschile è un'altra "necessità" creata dalla moda: premesso che, giustamente, ognuno ha il diritto di fare ciò che vuole con il proprio corpo, bisogna riconoscere che, mentre le donne si sono sempre depilate, per l'uomo è una pratica nuova e onerosa, avendo da estirpare molti più peli decisamente più robusti di quelli femminili, dovendo necessariamente ricorrere alla dolorosa ceretta, spesso total body.
Ora sta andando di moda addirittura lo smalto per unghie da uomo, mi astengo dal commentare.
Non voglio commentare neppure su piercing e tatuaggi, sempre più diffusi, dico soltanto che personalmente non mi attraggono, tra l'altro so che farli è abbastanza doloroso, inoltre rimuovere un tatuaggio non più gradito può essere un problema.
Probabilmente qualcuno penserà che, in fondo, non c'è nulla di male a seguire una moda. Il problema è che la moda si basa sul concetto falso e pericoloso che "se non ti conci così, allora non sei attraente e vali zero!" e annulla la capacità di scelta del singolo individuo. La frustrazione e la depressione sono dietro l'angolo, se non si vuole o non si riesce a conformarsi prontamente alla moda del momento, ragion per cui, spesso anche chi dentro di sé aborrisce una certa moda, alla fine cede e vi aderisce per il timore di venire emarginato o considerato "strano". La moda non di rado influenza anche il modo di parlare, di pensare e di agire, spesso senza rendersene conto. Esiste un lato oscuro in tutto ciò, un'incognita inquietante: se chi inventa le nuove mode è così abile a manipolare le persone, chiediamoci fin dove potrebbe spingersi la sua sete di guadagno. Di solito, in questo campo, le persone sono viste soltanto come polli da spennare. Non solo in questo campo, qualcuno giustamente dirà, ma la moda è pura futilità e apparenza, un giro di miliardi basato sulla vanità, l'ingenuità e l'influenzabilità delle persone.
Quei pochi che non seguono la moda mantenendosi fedeli al proprio gusto personale, spesso vengono guardati dall'alto in basso, giudicati ed emarginati, ma sono le proprio le persone capaci di non farsi manipolare troppo dai martellanti messaggi provenienti dai mass media, quelle dotate di maggiore capacità di ragionamento e di spirito critico, consapevoli che la società in cui viviamo inventa di continuo nuovi modi per far spendere i soldi (faticosamente guadagnati) in frivolezze (tra le quali la moda occupa un posto di rilievo) che risplendono come diamanti, tanto rari quanto preziosi, in mezzo a innumerevoli sassi grigi, opachi e tutti uguali. IL CORAGGIO PIU' GRANDE E' ESSERE SE STESSI, SEMPRE E COMUNQUE!
*in riferimento agli psicologi che seguono le mode, trovo incredibilmente deludente che, profondi conoscitori della psiche umana quali dovrebbero essere, si lascino andare poi a qualsiasi banale moda come ragazzini. Probabilmente pensano che essere alla moda sia un modo per aumentare la fiducia e la stima dei pazienti. A me fa l'effetto opposto.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poetessalibera  

Questo autore ha pubblicato 57 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.