Svegliati: la vita è dolore

Con quanto coraggio potrei dire
"Ho camminato nella valle dell'ombra della morte
E visto
Le case, donne con capelli intrecciati
Uomini con vestiti stretti nei treni"
Attraverso binari; stasi
Nella valle dell'ombra della morte

Mi sveglierò nel cuore della notte
Nel cuore delle tenebre
Con quanto coraggio potrei andare
E segnare su ogni muro
Ogni albero, ogni montagna, ogni mare
Ogni foglia di ogni albero (è piena di veleno)
E scrivere "svegliati: la vita è"
Senza finire la frase

Potessi con le lingue sussurrare
A immobili specchi
E impenetrabili finestre
E con gli occhi scavalcare
Le distese sinistre del cuore

Ma la mano è tesa verso una conca infinita
L'orecchio tende a venti senza suono
Gli occhi oserebbero scavalcare
Le distese sinistre, i muri dei giardini abbandonati
Con cocci di bottiglie 
Ma il cuore mio si accartoccia 
E si forma in quello di uno spaventapasseri:
Fermo, nei campi gialli, con corvi sulle spalle
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 103 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.