Voglio arcobaleni piegati sui lati, verso gnomi e pentole d'oro;

non si addicono i bianconeri ai nerobianchi del mondo,

non si fanno scacchiere mentre tutti eliminano i gradini,

passatoie di petali, non cocci sui sentieri.

Sorrisi, delizie di cuore, pertugi che si aprono disvelando amore,

quello che noi respiriamo pensandolo dal peso di una carezza

o di una lacrima che si posa, roteando nel vuoto,

sulla fronte appena accennata di febbre.

Archi di vertebre, braccia sempre presenti,

silenzi violentati nella notte del declino,

nervi immobili contro una tarantella convulsa,

parole di conforto al vento, che sa dove posarle.

>una speranza nel mattino randagio troverà la dimora<

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Romildo Giribaldo  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.