Si adagiava silenzio solitario
all'incalzare del dì
su quella melodia stupenda immaginando di seguire
passi veloci
investiti dal ciclone
percorso dagli anni
scottanti
ripresi dai cuori arrabbiati
che terminavano
serate, coperte dalla bianca nevicata, nell'incessante
ostinazione, del basso cadere
eterno insopportabile
dolore


1/2/2011


A volte il tempo non fa respirare o male, perdendosi nel vuoto del silenzio
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 697 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Fone
# Fone 13-05-2022 22:34
Mi ricorda molto una serata in birreria dove uscendo in inverno c'è quel momento di solitudine che ti porta all'auto che ti fa dire: Chi ti ha portato qui? E: Accidenti un altra volta. Poi quel male di vivere che ce la chi prova noia di sopportale quella tanto profonda insoddisfazione che incoraggia a qualcosa di grande ma anche svilisce. La sento molto bene.
Grazi della condivisione del tuo lavoro
poesie profonde*
# poesie profonde* 14-05-2022 08:57
Grazie tante Fone. Buona giornata a te

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.