Non restano impronte
nel mattino senza alba
smarrita nell'eterno abisso
delle contraddizioni.
Le somme degli errori
tra colonne di addizioni
sfuggono agli schemi
nei confusi tempi.
Si popola lo stagno
nella perenne oscurità.
Un silenzio spezzato
dal gracidar di rospi
e bubolar di gufi
sfuggiti all'eclissi,
all'orso bianco
e ai lupi affamati.
La volpe festeggia
perde il pelo
salva il vizio.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-07-2021

Questo autore ha pubblicato 317 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mi ricorderò dei mortali tuoi
di natal paludoso lupanare dislocati
Simil a orda di inferociti buoi
dal volgar vezzo già condannati.

Oh turpi soliloqui d’alma clandestina
che de l’inferi ‘nvocasti alti pelaghi
ca niun in terra fe repellente intestina
e nel finir dei giorni poscia te vaghi.

Or succhi come dolce acino
l’osso ch’al midollo arriva
e dicendo male nomini sol asino
chi non ha nome nella cruda deriva.

Sì, turpe imago di mellifluo puzzo
in te soggiorna alitato da infimi demoni
e sine causa petita giù fonno fe ruzzo
che diritto alcuno grida ne i polmoni.

E lentula pelle scinne da le carni
ìmputridendosi al contatto de i fochi
ca eterni son e colmi di lingue scarni
penetranti vanno per terga pur fiochi.

E poscia verba scoppiettanti
per intestini e bisogni impellenti
son del cul frasi odorose e mal parlanti
ca rimango mpligliate fra i denti.

A quanto fu sanata male coscienza
in tal individuo amorfo e illuso
che nemmanco potente flautolenza
mette il pensare a nuovo uso.

Poni allora sol figlio d’ostracismo
passo stanco e a mal pena zoppante
strada secca e brulla nel cinismo
e pur senza montatura al suol galoppante.

Chi sie tu dunque di puzzo lercio
in bragatura intinta e gocciolante
dal viso alitoso e guercio
che sputante va come nudo viandante.

Chi potria mai te vezzar di baci
e mulieri proposte fare di sollazzi
che a vederti ognun dice taci
e pur scansa le orme tue di frallazzi.

Vienci allor a pie congiunto
a inferi donato nel trapasso
serem ben soddisfatti del tuo unto
che a tal ingresso metterem grosso masso.

E non far prece d’aver terga salda
al traghettator tuo pel fiume Lete
che di tua esistenza bieca e maramalda
di legger a niun verrà mai sete.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giancarlo Gravili  

Questo autore ha pubblicato 197 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Stanotte ho sognato

mi nonna e mi nonno,

dicevano che presto

me volevano impazienti

all'altro monno.

 

-A nonnini, ricordateve

che in lista d'attesa

c'è mi sorella maggiore

che se no, poverella,

se sentirebbe offesa.

 

-Va bè, aspettiamo ora

ma tu dille che ancora

l'attendiamo alla buon'ora,

che all'inferno c'è posto

per un'anima infame

che deve finì arrosto.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Arcibaldo  

Questo autore ha pubblicato 5 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
L'eroe culturale
-donatore del fuoco-
Prometeo d'Atene
incatenato alla rupe del Caucaso
mieteva pensieri, parole
e cieche speranze
per alleviare il dolore degli uomini
accecati dal volere degli Dei.
Lui, ribelle per antonomasia,
resistette imperturbabile al supplizio
di un'aquila spietata 
mandatagli da Zeus
che batté le ali
in direzione del divino eroe
assetata del suo sangue epatico,
a causa dell' illuminata discolpa
di non aver saputo mentire
 al cuore
 e accettare l'ignoranza.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Marco  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Sulla pubblica piazza
vestito di plastica colorata
un asino incatenato
ragliava a comando

e il divertito padrone
con in mano una cintura
ragliava
nella stessa misura
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 151 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Pe sconfigge’ ‘sta iella dilagante

che da quanno so’ nato me vie’ appresso

me so’ detto: annamo, nun fa’ er fesso

va’ a consurta’ ‘na brava chiromante.

Così ciannai. Lei stava ar terzo piano

e cominciò cor leggeme la mano.

*

Come la vidde cambiò de colore

diventò rossa quasi paonazza

me disse: vedo un fiore de regazza

che aspetta te sortanto pe’ l’amore

e questa qua è la linea de l’affetti.

Adesso, sempre se me lo permetti

*

a ‘st’artra linea vojo da’ ‘n occhiata

quella de la fortuna. E in un momento

-chisà se me volesse fa’ contento

ne la speranza poi d’esse’ pagata-

la lesse e disse: ‘mbè, pòi sta’ beato

perché te vedo proprio fortunato.

*

Che vò da di? Pe’ nun resta’ deluso

je pagai tutto, comprese le tasse

poi perché la fortuna nun scappasse

scesi le scale ma cor pugno chiuso.

Questo è successo che ormai so’ du’ anni…

Ma, la fortuna ‘mbè, che dio me scanni

*

Se l’ho mai vista ma, comunque sia…

ieri sera ar bare da Romano

me so’ deciso a ‘n tratto a opri’ la mano

e la fortuna se n’è annata via

poiché pe poco nun me la fò sotto

ho fatto ‘n cinque ar super enalotto.

*

De ‘sti ladroni se po’ avecce fede?

du’ anni co’ la mano sempre chiusa.

Mbè quanno uno è imbecille nun c’è scusa

po’ anna’ a ammoriammazzato chi ce crede!

Oggi so’ annato subbito a riscòte’

e domani in vacanza a Lanzarote.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Er pappagallo sta sopra er mazzolo.

Co’ quela voce tutta sgangherata

ogni tanto me fa la serenata

come si me volesse fa’ ‘n assolo.

*

Oggi, cor canto suo straordinario

ha cominciato cor suo tira e molla.

Ieri magnò er pennello de la colla

e l’ho portato dar veterinario

*

perché je se gonfiò tutta la panza

e j’hanno fatto la lavanda gastrica.

La cura è stata veramente drastica

e ce ‘n ha avuto che je basta e avanza.

*

Mo io so’ incinta. E ner passaje accanto

vedennome co’ ‘sto rigonfiamento

gracchiannome co’ tutto er sentimento

m’ha detto: -me dispiace proprio tanto.

*

Vabbene io, che so’ pure vecchio

e poco me funziona ‘sto cervello.

Ma pure tu te vai a magna’ er pennello?

T’è piaciuto? Pijetela inder secchio.

 ***                                                               

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: enio  

Questo autore ha pubblicato 30 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Al mattino
ei porta
un cappellino grazioso
per far che passi
un pochino vezzoso
e nel dar lezione
ogni sei dì canta
la stessa canzone

Tanto gli spiaccia
nel guardar poco
ma potria star meglio
in altro loco

Oh, mio Dio
mi sovvien un pensierino
non vorria
che pian pianino
alla mia porta
il diavolo lo porta!!

Diavolo
... pussa - pussa via
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 151 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

La mia Italia...

con quegli uomini dai vestiti scuri,

dalle bianche camice,

accostate a cravatte che rispecchiano le loro origini.

La mia Italia,

come un calzino di Natale,

colma di doni...

per quegli uomini dalle mani grandi…

gente di borgo,

gente da poco…

 gente…

Non si deve indossare una camicia bianca

se tutto il resto è sporco.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Luigi Castiglione*   Sostenitore del Club Poetico dal 11-02-2022

Questo autore ha pubblicato 26 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Demoni morti calcano le scene,
dalla quinta Mangiafuoco urla
contro gli spettatori.
«Pagate il biglietto o vi mangerò a fine spettacolo»

Lauta cena per gli attori
a ognuno toccherà un gentleman seduto in prima fila.
Frattaglie a mo’ di spiedini
nel barbecue allestito nel retroscena
«In morte della vita»

«Sono Dermidion carne degli inferi e amico di Mangiafuoco
chiederemo a testa una testa, per prenotarsi al botteghino mettersi in fila»

Fila di uomini paganti e pagani, la maschera fornisce singolarmente un coltello.
Non importa il sesso o la provenienza o il colore, basta infilzarsi il cuore,
colui che lo farà nel giusto e nel modo giusto avrà l’onore d’essere divorato per primo,
a seguire la massa in silenziosa attesa.

Tuona Dermidion dalle scene

«Che ogni testa sia segata a metà del cranio, che si frulli la materia grigia con il frullino a immersione dopo aver levato il coperchio dei pensieri.
Sia servito il ghiaccio tritato e si mischi con l’intelligenza e… servite il cranio con cucchiaio d’argento avendo cura di riporre la mezza testa come coperta dell’anima che altrimenti evaporerebbe per il troppo dannato fuoco.
Si conceda il privilegio di vedersi mangiare al mangiato, possibilmente in seguito gustando gli occhi del prescelto in salsa capricciosa e con mousse di melone alla panna.
Sia servito lo stomaco sfilato e condito con sugo d’ostriche e paprika, avendo cura di apparecchiare a crudo il duodeno con fiele estratto dalle menti umane.
Poi tagliate a fettine cosce e glutei e ogni singolo pezzo sia frollato a dovere che nessuna pietanza
è mai abbastanza per le genti degli inferi, non tralasciate il “sesso”, quello è il più gustoso di tutti.
Sia...»

Una campanellina da il via alla pro cessione di sé…

Fila d’uomini piangenti ripensano all’entusiasmo della morte, diniegano il piacere e annegano il passato delirio chiedendosi il perché dell’imbecillità comprovata, ora vorrebbero non immolarsi al dio pagano dell’ipogeo… Troppo tardi Dermidion deve imbandire la grande tavolata allestita sul palco e poi, poi cos’è la morte per uno spettatore non pagante, poco appagato e illusionista di se stesso?

«Oh morte accogli l’uomo che guarda il teatro dei burattini e ora che egli s’immola al tuo altare pagano, anche se riluttante vomita già il sangue raggrumato.
Sì, morte dona la pace ai puri che privi di purezza sedevano sulle sedie senza pagare, sei forse tu
oh amata morte, pura e bella?
Dona allora a questi corpi succulenti la grazia dell’inferno che poi cos’è altro la vita se non un bruciare continuo?»

Va in scena il banchetto dell’ultimo atto e Mangiafuoco, buono e mite in fondo al cuore, piange
e mangia l’ultimo spettatore e brinda con Dermidion e… alla fine del lauto convivio l’inchino
dovuto alla sala…
Vuota oramai, come le anime di chi le viveva.

Suona un putto vestito di fiamme e squillano le trombe del peccato e scende il sipario sul teatro,
il Teatro della vita.
Applausi arrivano da fuori il teatro
da quelli che la vita…
Hanno avuto il privilegio di non averla vissuta.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Giancarlo Gravili  

Questo autore ha pubblicato 197 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

E’ nata una stella…
-dicono i tonti-
ma è piccola,
già vecchiarella,
brutta non saltella,
fatica fa a parlare
perché
non sa brillare.
Dio,
tanto buono,
l’ha creata
con un tuono,
sventurata
non percepisce
il suono.
naviga
nel buio fitto,
balbetta
come un uomo
sdentato,
quello col naso
col gocciolo,
povero vecchio
atroce illusione
d’esser capito
da chi come lui
è ‘gnorante,
ratto in ogni senso
a pigliare saette
dove brilla
per niente
l’essere suo,
tonto efficace
a non darsi pace
se essere nulla
o zero di niente. 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

****

ho




1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: pierrot  

Questo autore ha pubblicato 33 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Un tuffo al cuore
la nostra favola
che celebra amore,
pensieri notturni
roventi come brace
gemono ansimi bui,
sorprendimi piacere
sfiora i dolci lamenti
svuota l'ansia d'aurora
inarca il corpo fremente.
Il giorno ci è dolce amico
un cavallo che forte galoppa
una scia di luce accecante,
acqua che svuota acqua.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Di budello

troppo chiuso dai lai

appesi alle pareti bianche

con mani imploranti

 

o aperto dalle correnti

verso il nero traguardo

 

dove l'occhio sfida

il vitreo paesaggio

per concepire un frutto

immaturo e ocra

 

o libero al fine

per un soddisfatto atto,

 

sempre commovente

lascia membra rilassate,

una gioia profonda

con lacrime forzate

 

ad attendere

che la notte riallacci

il sonno e le braccia conserte

 

nell'urlo delle viscere

mai sazie indolenzite

a ripromettersi d'usare ancora

 

lo spazio che rintrona a botti

tra forti ingiurie

nell'indistinto silenzio della notte.

 

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Libero  

Questo autore ha pubblicato 140 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.


Frequenti son gli inciampi

su idee già definite

marchiati son d'inchiostri

sentimenti elargiti.

D'arte sei indegno

del plagio non v'è contegno

di cos'altro ti ritieni degno

se non del disprezzo

sputato nel tuo regno?

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-07-2021

Questo autore ha pubblicato 317 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.