Arriverà il giorno in cui,
i miei occhi saranno bui,
il freddo attraverserà la mia salma,
e comincerà la mia eterna calma.

Fuori non cambierà niente,
formicolio ancor ci sarà di gente,
il tram passerà sempre puntuale,
con la gente che ci scende e ci sale.

Un nuovo necrologio verrà affisso,
io sarò in compagnia di un crocifisso,
apparirò come ospite di un dormitorio,
giacente forse in un anonimo obitorio.

Il mondo non si fermerà per me,
continuerà così come è,
si conterà sulle dita di una mano,
chi sentirà nostalgia di me sul divano.

Lacrime che non sentirò cader sulla mia fronte,
ma di cui sin da ora conosco già la fonte,
mani amorevoli accarezzarmi dolcemente,
contro la legge della vita imprecando inutilmente.

Ahahah! Ora però facciamoci una gran risata,
la poesia potrebbe esser mal interpretata,
ciò che scrivo è probabilmente arbitrario,
i mezzi pubblici non sono mai in orario.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 235 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Berrone
# Alberto Berrone 02-01-2022 22:59
Molto simpatica come poesia :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.