Lo sguardo regolare sul passato,
l’analisi del giorno inanellato
e tutto quanto ancora spero avvenga
sono colati nell’alveo della notte.

Il sonno è stato esatto spartiacque.
Chissà se ho fatto qualche sogno
che, quasi sveglio, adesso non ricordo
e invece era forse da salvare.

Altro giro, altra corsa
lungo la strada colma di sospiri,
nell’aria in cui da secoli trovare
il senso della vita che non muore.

Altro giro, altra corsa
sull’affollato treno della vita
sul quale guadagnarsi il finestrino
da cui inseguir le curve di colline,

da cui veder le vette con la neve,
lembi di mare dell’antico azzurro
e gente che non usi come specchi
vetrine dei balocchi d’una volta.

*
Stesura 2008
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Aurelio Zucchi*   Sostenitore del Club Poetico dal 04-03-2020

Questo autore ha pubblicato 429 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Grazia Savonelli
+1 # Grazia Savonelli 31-10-2021 12:40
Acuta e vera
Ibla
+1 # Ibla 31-10-2021 22:45
Un viaggio introspettivo dove non manca l'azzurro del mare come segno distintivo di tutta la tua poesia.
Un caro saluto da Ibla.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.