Nel suo perduto sogno

mai saprà

del vile inganno,

ignaro spettatore resterà.

Sarebbe maggior  pena

scrutare  occhi di chi ami

e scorgere tra iridi castani

un velo di pensieri insani.

Disarmato e reduce di battaglia

frantumò l’animo in mille pezzi

nel timore di  conceder pietà all'ingrato.

Crudele inganno.

Eppure non seminò gramigna

seppure nel cuor patì gran danno.

Scuotendosi risorse,

e non  tenendo cipiglio

rinnovò il sogno.

Dell’oscurità non ebbe timore,

 all'alba andò incontro

con altrettanto vigore

accordò nuove note nel cuore

lasciandosi avvolgere

nell'adagio delle nuove  ore.


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: genoveffa frau*   Sostenitrice del Club Poetico dal 20-07-2021

Questo autore ha pubblicato 159 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Veronica Bruno*
# Veronica Bruno* 16-07-2021 10:44
Rinnovare uno o più sogni, anche dopo delusioni e inganni.
Bellissima.
Un caro saluto
genoveffa frau*
# genoveffa frau* 21-07-2021 23:43
Ti ringrazio Veronica Bruno, buona serata!

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.