Cosi vivi, si agita il cuore
all'arrivo di un treno che fischia
sguardi verso l'orizzonte, perpetuo
dolore continuo nell'estasi del mondo
turbato dall'anima in movimento
Ami il buio, lo circondi stringendolo forte
senti che devi proteggerlo. A costo di ucciderti
fissi il fuoco. Ti fai illuminare da lui
e con gli occhi lo accarezzi. Fino all'ultima fiamma
indolenzita si bruciano le ceneri. Ardono alzandosi
Contemplandole, la pace ti cerca. Sei lì, con lei,
vuoi farla tua, sentirla addosso, scacciando diavoli folli
colmi di rabbia mentendo pure a se stessi.
Tutti li abbandonano, disperati si arrampicano alle facciate
pitturate d'amore, pennellandole col nero
Impazziscono facendosi da scudo
dimagrendo fino a sparire
seguite, dalla spira sul mare

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: poesie profonde*   Socia sostenitrice del Club Poetico dal 16-07-2013

Questo autore ha pubblicato 598 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.