“In natura il primo verde è dorato, e subito svanisce. Il primo germoglio è un fiore che dura solo un’ora. Poi a foglia segue foglia.
Come l’Eden affondò nel dolore, così oggi affonda l’Aurora. Niente che sia d’oro dura.”
(Robert Frost)

Sei fugace, amore,
come un batter d’occhio,
come la linea del crepuscolo
e come il mare in profondità.
Sei come le bolle di sapone,
come centouno conchiglie,
come mille ali di insetti.
Sei semitrasparente,
sei l’arcobaleno,
sei magica
come
la levata
della canicola.
Inizialmente ti tingi
di un colore lilla-lavanda
poi viri in pesca-arancione
e alla fine proietti su di noi
i tuoi celesti stati mentali,
il primissimo chiarore
mattinale. L’aurora.
Sei dorata, amore,
e talvolta rosea
o purpurea
e a volte
anche ramata.
Da meandri più oscuri
ti osservo mentre ti avviti
in tonalità incapaci di resistere,
in transiti terreni e slanci mistici.
Finché durerà la tua interferenza,
queste mie piccole percezioni
ti resteranno abbracciate,
come un punto nave
al suo orizzonte.

“Essere poeta è una condizione, non una professione.”
(Robert Frost)


1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Charlie  

Questo autore ha pubblicato 655 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.