Vibran come timpani
Questi umidi cieli
Come suoli di battaglia pestati dai cavalli
I suoni degli uccelli
Soli e tremanti
Coperti son dagli ululati dei venti

A nulla, pioggia, il tuo tocco lieve serve
Se la terra trema al terrore del tuono
Che corra il corvo pellegrino alle selve
Ma le fronde piangenti non saran riparo buono

Ed eccola lì, languida
Lieve luce all'orizzonte
Sparisce nella nebbia
E nei lampi si confonde
Ultimo sospiro che giace
E poi si spegne
Tra i ghiacci scroscianti
E una nebulosa pace
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 54 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.