Trovandomi fianco a fianco con l’autunno,

sembra che parte della vita abbia

intenzioni di abbandonarmi, e per prendermi in castagna,

chiuda i suoi cancelli anche al sole,

 alquanto trascurata la sua aria,

mi è mancato il coraggio

sin dal suo arrivo di alzarmi

per andare ad abbracciarlo per darle il benvenuto!!

Sino al suo arrivo, stavo in spiaggia,

gli occhi abituati a splendidi azzurri paesaggi,

desideravo tanto affittare

una barriera invalicabile per continuare a respirare

la stessa aria tiepida di fine estate,

lo zucchero del sole che ha sempre sorriso compiaciuto

nel vedermi piacevolmente felice, mi sono tuffato

per l’ultima volta, ma non avrei

mai voluto abbandonare niente di quel mondo,

senza molti giri di parole l’autunno,

tutto sta cambiando!!

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Tonino Fadda  

Questo autore ha pubblicato 242 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Alla deriva



A-68

inquietante bianchezza

di maestosa bellezza

frammentata e fragile

più del clima -

disciolto.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: indio  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

foglie di un rossore febbrile

in silenti vigneti d’autunno

tremano

e, l’intrico dei rami,

svestono.

 

fossi una di loro

svolazzerei

con te

 

avviluppati

e spogli.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: indio  

Questo autore ha pubblicato 8 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come un bambino
 in un museo di farfalle
Tutti i giorni tornavo da scuola
Ed d'ora vado per quelle vie
Sperando che ci ritorni mio figlio
Ancora non nato
Sono come lui però lui è un altro
Ci vuole coraggio - così
Mi insegnò la farfalla.
E sono divenuto farfalla 
E non ho ancora un figlio
Ma mi ricordo di quel museo
Delle anime di quelle creature
Come stilizzate ed impresse
 nel legno e vetro che ci separavano
Siamo noi con loro e loro con noi
Siamo tutto questo e altro ancora
Siamo della terra il grande mistero
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
In un ventre di terra
Secca e scotta
Un torrido ronzio scoppia
Dalla bocca di questa arida serra

E un senso di imminente apocalisse
Serpeggia sordamente
Anche se forse non esiste

Questa terra non è la nostra serra
E non faremo di lei inferno
Dove un tempo pioveva
Non lasceremo entrare una nuova Eva
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
C'è un modo di vedere le cose: nuovo
ed è dolce il sì cortese che  chiama
spinge fuori dal contesto un uovo
e azzurra la processione che ama

ed è ancora fiaccola verace ed emozione
quel dolce sì cortese che tanto piglia
e rende dei due uno in un soleone
che tramuta il mondo - lo tien in briglia

sembra perspicace e quell'intimo Sole
rende agli uomini calor e pace
un sì cortese che giace

come un canto suonato dal balcone
un favor è l'amore una amicizia con un fiore
un guardar le stelle mentre si tace
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Con gli occhi
stanchi di polline
non riesco a vedere
le radici in chiasmo
che ci abbracciano.
Dafne è fuggita.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alessandro Tcholi  

Questo autore ha pubblicato 11 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Tu hai intessuto di steli di luce
E ragnatele il cielo stellato
Di latte hai bagnato la terra
E di teli leggeri il mare perlato
Che rimbomba lato per lato

Nei microbi mondi sotto i miei piedi
Formiche in floride forme chiuse
Infestano, forano, mangiano
Dolcemente l'etra in cui siedi
E noi ne siamo pieni e non chiediamo altro 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Candida, calda la notte si sfalda
Sfrigola la dolce lucciola di stella
Di candele l'aria del cielo si pastella
Il vento cala
Il campo di grano s'incornicia
Loda riverente la cicala
Nulla nel cosmo è più mosso
La Terra grida:
"La Luna brucia!"
"È lava, ci cola addosso!"
Poiché l'occhio del cielo
È diventato rosso

Luna amata, vergine satellite
Chi ti ha cucito quest'abito di fiamma?
Quale sarto ti ha fatto abbellite
Le gote pallide, gioia del mio cuore?
Tendimi la mano, scendi, mia bella
Corri sui colli, saltella con me
Brucia la Terra, amore
Brucia il mio corpo
Come in mille apocalissi
Prendimi, possiedimi, Luna
Adagiami nel tuo sangue
Per mille pleniluni, per mille eclissi

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Di là dal rivo 
e tra siepi 
ermo è il rumore 
oltre la brina 

Sotto 
un cielo impallidito 
la sincerità d'una margherita 
è la cosa migliore
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Carmine Ianniello  

Questo autore ha pubblicato 160 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Stanno nascendo i germogli
e non è ancora primavera -
si incontrano teneri amanti
sul far tiepido della sera.
Tutto il mondo si affatica
e campestre lascia i suoi nidi lontani:
la poiana e il tenue ermellino
e si liberano nei campi i fagiani!
Sembra estate ma nemmeno inverno...
Il gennaio triste dei merli
che gridano dal cielo un miserere:
<Non sbocciano i fiori,
bensì raminghi germogli>>.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 107 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Vibran come timpani
Questi umidi cieli
Come suoli di battaglia pestati dai cavalli
I suoni degli uccelli
Soli e tremanti
Coperti son dagli ululati dei venti

A nulla, pioggia, il tuo tocco lieve serve
Se la terra trema al terrore del tuono
Che corra il corvo pellegrino alle selve
Ma le fronde piangenti non saran riparo buono

Ed eccola lì, languida
Lieve luce all'orizzonte
Sparisce nella nebbia
E nei lampi si confonde
Ultimo sospiro che giace
E poi si spegne
Tra i ghiacci scroscianti
E una nebulosa pace
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Ealain  

Questo autore ha pubblicato 62 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Come d'incanto
la costellazione
appare,
brilla Orione
sulla fredda
pietra, pronta
a scaldare
lo spettacolo,
grande, tra
i più grandi.

Stendardi
di parole
armoniosamente
stese
come fossero
tovaglie profumate
ad asciugare
al fresco vento,
contemplate
quasi misticamente
dal sole che
volge a capolino
il suo cammino
dietro le colline.

Devoto saluta
il cantore suo,
egregio attore,
interprete
d'aliti di sospiri
e
ansimi d'amore.
Illusionista
immaginario
fa apparire
l'aurora boreale,
magistralmente
con pieghe
inamidate, come
fossero stirate,
striate
d'armonioso colore.

Fili di candida
trama, seta
la più preziosa,
tesse misteriosa
attendendo l'arrivo
del
sovrano suo sposo.

L 'oscurità giunge
al suo cospetto,
di cuore la spoglia
e d'anima
la riveste.
Lei, sua unica
stella tra le più
belle splende,
di luce propria.
Luna
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Pietrina Lorito  

Questo autore ha pubblicato 121 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Mutato è il tempo
affido a te
ricordi di una calda estate.

Fresca l’aria tua
accarezza lieve
il mio viso d’ambra.

Foglie gialle come farfalle
spiccano il volo
cantando l’arrivo tuo.

Pampinosi campi
compaiono agli occhi
rapiti dai tuoi colori.

Profumi agrumati inebriano
anime assopite
dal vissuto tepore.

Autunno così ritorni,
con rossastre nubi
adorni cupi giorni.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Veronica Bruno  

Questo autore ha pubblicato 258 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Guardare un tramonto
con le nuvole rosse e l'azzurro
ed aspettare che vien sera
per vedere comparire le amiche stelle
si meravigliano i miei occhi
e il mio cuore danza,
come quando la natura
mi stupisce con altri
suoi splendori.

Lieto così di esistere
per vivere questi
attimi d'incanto.
 
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Alberto Berrone  

Questo autore ha pubblicato 57 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.
Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.