Tutto il giorno io mi annoio,
sono il tuo accappatoio,
attendo verticale il mio momento,
che tu proceda al mio indossamento.

Come un gobbo passo i giorni,
aspettando che tu ritorni,
quando entri in bagno son sempre sugli attenti,
anche se vieni solo per lavare i denti.

Quando finalmente mi afferri per il collo,
comincia il mio agognato ammollo,
inizio il mio lavoro certosino,
asciugandoti pian pianino.

guardo come pettini i tuoi capelli,
con il phone te li fai belli belli,
intanto asciugo bene la tua pelle,
anche sotto le tue opinabili ascelle.

Poi mi lanci sul pavimento con disinvoltura,
neanche se fossi spazzatura,
e anche se esci senza salutare ,
io il giorno dopo ti tornerò ad amare.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Stornello Meneghino  

Questo autore ha pubblicato 235 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Berrone
# Alberto Berrone 20-06-2021 17:19
Simpatica questa poesia :-)

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.