Ella si va, abbacinante e gentile
 Lasciando le ombre scosse e dubbie
Che dice all’animo espira vile
di tanto cotale lustro e tetrubbie
Poi dallo stoikòn alla ner bile
 mosse un gesto che onesta fece
la canzon e l’alchimia delle pile
 che sembra esser come nero pece.
Così mosse e torna e il tempo tale
che sembra le nostre gesta orma
lasciate e riposate sopra tanto male
Così che arché d’amor è tale giardino
 che non ama perché d’amor forma
che tale l’amor è perfetto nel bambino.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Fone  

Questo autore ha pubblicato 96 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Alberto Aghakhan
+1 # Alberto Aghakhan 14-07-2022 15:33
top

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.