Non posso sapere quale sia il senso di tutto

non posso spiegare la fugacità di una felicità

non posso capire gli stupidi gesti di un quotidiano

ormai in disarmo

 

non voglio più sentire parole che sono

solo uno splendida scenografia di uno spettacolo

deprimente e losco

non voglio più vedere in giro le solite maschere

con la solita espressione preconfezionata da qualche

burocrate addetto al protocollo dei sentimenti

non voglio più bere quella birra

dal gusto d’urina del mondo

non voglio sentire l’indifferente odore

di nulla che circonda i nostri corpi

 

non posso dirti quello che avrei da urlarti

perché i miei urli sono strozzati dalla rabbia

non posso dirti quale sia il senso di tutto

non posso spiegarti la persistenza di un dolore  

non posso comprendere l’inerzia dell’avanzare

quotidiano verso un futuro non desiderato.
1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Enrico Barigazzi  

Questo autore ha pubblicato 152 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.