In quest’aria putrefatta
e tra i raggi del sole
cerco la tua mano
o quanto meno le parole
per farmi forza
per farti forza
e uscire da quest’incubo
che provoca smarrimento
peggio di una guerra
peggio delle bombe
tirate a tradimento
sulle nostre ali
sulla nostra nuvola
dove tutto sembrava certo.
E viviamo in bilico
in attesa
di quello che invisibile
ed è ormai pandemia.
Arriverà prima o poi
anche da noi
a stringerci il petto
farci soffocare
senza il tempo di uno sguardo
ma prima di morire
vorrei respirarti
odorarti per l’ultima volta
e poi cadere
come le farfalle sui papaveri
aspettando primavera.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

Aurelio Zucchi*
+2 # Aurelio Zucchi* 09-04-2020 13:49
Grande Demetrio! Salutami il mio mare!
Ciao
Aurelio
Demetrio Amaddeo*
+1 # Demetrio Amaddeo* 12-04-2020 17:13
Grazie Aurelio, te lo saluto con piacere amico mio

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.