E niente sarà più lo stesso
e fingerò d'amare
vagando per le strade
con una maschera di gesso.
E mi ameranno ancora le puttane
donne insoddisfatte
senza scrupoli e abbandonate
da uomini senza cuore
sensibilità e pudore.
E torneranno ancora le visionarie
a ronzare sulle mie labbra
a stofinarmi addosso le parole
sulla mia pelle ruvida e invecchiata
consumata nell'imboccare scorciatoie.
E vomiterò la noia
su voglie stupide e meccaniche
soddisfacendo vulve vuote
davanti al mare che non avrà colore.
E niente sarà più lo stesso
la luce, il ciao, il volo
il sole e l'aspettare
la mia poesia
l'anima e l'odore.
Ogni cosa tornerà al suo posto
nell'assurdo ordine
di un film già visto
e con negli occhi l'alba
di un infinito
appena intravisto.

1 1 1 1 1
clicca sulle stelle per valorizzare il testo
Profilo Autore: Demetrio Amaddeo*   Sostenitore del Club Poetico dal 18-11-2020

Questo autore ha pubblicato 273 articoli. Per maggiori informazioni cliccare sul nome.

Commenti  

francesco
+1 # francesco 13-08-2017 14:11
Molto impegnativa. Al limite del realizzabile. Però bravo. *****
Ibla*
+2 # Ibla* 13-08-2017 20:13
Se insultare le donne significa fare buona poesia, sei un grande poeta!
Demetrio Amaddeo*
+1 # Demetrio Amaddeo* 13-08-2017 21:15
A parte che non e' mia intenzione essere un grande poeta, quello lo lascio ai ben pensanti come te...mi spieghi dove sta l' insulto?

Collegati o registrati per lasciare un commento.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio.